laRegione
breggia-sulla-scuola-dell-infanzia-e-referendum
Ti-Press
Il Centro scolastico a Lattecaldo
laR
 
01.07.22 - 05:30
Aggiornamento: 07:41

Breggia, sulla scuola dell’infanzia è referendum

Sinistra e Verdi pronti a costituire un Comitato e a coinvolgere la popolazione. ‘L’investimento è oneroso. È tempo di fissare delle priorità’

Il tema in Valle è sempre stato un po’ ostico. E anche questa volta il progetto di fare più grande il comparto scolastico dovrà fare i conti con la ‘realpolitik’ locale. Le resistenze manifestate da Sinistra e dai Verdi prima al tavolo delle Commissioni – nell’ordine Opere pubbliche e Gestione – e poi espresse nel voto (contrario) in occasione dell’ultimo Consiglio comunale non sono state messe da parte. Anzi. I due gruppi non si sono, infatti, rassegnati davanti al via libera della maggioranza (a comporla un fronte Plr e Ppd) calato sulla progettazione della nuova sede della scuola dell’infanzia e della mensa per le elementari. Sui piani e sui 687mila franchi necessari per realizzarli si è pronti, insomma, a lanciare il referendum. Giusto il tempo di organizzarsi e partirà la raccolta firme. Per centrare l’obiettivo ne serviranno circa 220.

La decisione è presa: ‘Si vada al voto’

Per Insieme a Sinistra e Verdi il dado, dunque, è tratto. La decisione di chiamare alle urne i cittadini (o almeno di provarci) è scaturita dall’incontro promosso ieri sera e che ha da subito raccolto l’interesse evidente di svariati concittadini. Adesso, quindi, si passerà all’azione. «Il primo passo, nei prossimi giorni, sarà la costituzione di un Comitato di cittadini rappresentativo di tutte le frazioni del Comune», conferma a ‘laRegione’ Fabiano Cavadini, consigliere comunale dei Verdi.

Il nodo? Le finanze

La motivazione, del resto, non manca di fronte a una operazione che prospetta un investimento complessivo di quasi 7 milioni di franchi – si parla di oltre 6,7 milioni –, pur sussidiato (per circa 1,2 milioni) a livello cantonale per la parte relativa al rifugio pubblico. «Tutti i partecipanti alla riunione – ci spiega ancora Cavadini – hanno ritenuto che davanti a una questione così importante e onerosa da un punto di vista finanziario occorre far intervenire la popolazione e aprire un dibattito pubblico per decidere se questo sia il momento opportuno per investire. Anche a fronte di una situazione macroeconomica che è già cambiata».

Il tema, fa capire Cavadini, è di quelli delicati. E sgombra subito il campo: «Sia chiaro, la nostra idea non è quella di non investire sulla scuola, ma semmai, come illustrato anche durante la discussione in Consiglio comunale, è quella di comprendere su quale tipologia di investimenti puntare adesso. Questo è il momento per dibattere sui lavori prioritari della scuola, a cominciare dalla ristrutturazione delle Elementari». Opera a cui, ribadiscono i fautori del referendum, ora bisogna dare la precedenza.

Posizioni a confronto

Le ragioni del Municipio (poi sposate pure dai 15 consiglieri che hanno detto ‘sì’) che accompagnano questa prima fase di avvicinamento alle future strutture scolastiche non convincono, in altre parole, i contrari. Agli occhi dell’esecutivo costruire la nuova sede – con due sezioni e il refettorio – e soprattutto farlo a Lattecaldo, accanto all’attuale complesso, significa completare "con successo il comparto degli edifici scolastici comunali".

Chi contesta l’operazione ci vede, invece, almeno due problemi. Ovvero, come detto, le difficoltà finanziarie in cui versa il Comune, da una parte, e i numeri della demografia scolastica che appaiono "al ribasso", dall’altra. Senza trascurare il fatto che la politica della centralizzazione a Lattecaldo dei servizi scolastici, ora dislocati sul territorio comunale, non manca di far discutere all’interno della popolazione. Diverse le persone che ieri sera si sono espresse contro la chiusura della sede di Caneggio.

Preoccupati per il debito pubblico

La preoccupazione primaria è, in ogni caso, per le finanze. Come già evidenziato nel rapporto di minoranza della Gestione da Fabiano Cavadini (I Verdi) e da Paola Bianchi (Insieme a Sinistra), la situazione di Breggia non permette "di sostenere la spesa per l’investimento nella scuola dell’infanzia senza lasciare in eredità un debito pubblico pro capite eccessivo". Se, in altre parole, la maggioranza dei commissari era pronta a rinviare "altre opere non prioritarie", pur di dare la precedenza alla scuola, la minoranza era incline a sostenere la necessità di "posticipare di qualche anno" l’intervento, prediligendo semmai la riduzione del moltiplicatore (oggi al 95 per cento).

‘Meglio ridurre il moltiplicatore’

Il messaggio, dunque, è chiaro: per attrarre nuove famiglie in Valle meglio diminuire la pressione fiscale piuttosto che aprire un altro cantiere. E per rispondere alle esigenze didattiche e logistiche di Breggia? Il fronte dei contrari suggerisce di continuare a far leva sulla sede della materna di Caneggio, "ristrutturata completamente a metà degli anni Novanta". Il confronto è solo alle battute iniziali.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
breggia referendum scuola dell'infanzia
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Bellinzonese
6 ore
Bistrot di Bellinzona, ‘Nessuna truffa né maltrattamenti’
Il gerente Ivan Lukic non nasconde le difficoltà economiche. Tuttavia alcune persone hanno ‘tenuto duro, credendo nel progetto. Altre lo hanno diffamato’
Luganese
6 ore
Rovio, fucile notificato ma il padre era senza porto d’armi
Emergono ulteriori aspetti legati al grave fatto di sangue capitato domenica scorsa ad Agno: il 49enne non aveva il permesso di girare con il Flobert
Ticino
6 ore
Aspettando Godot... e Greta Gysin. L’area rossoverde attende
Sarebbe imminente la decisione della consigliera nazionale dei Verdi se candidarsi o meno per il governo. Bourgoin e Riget: ’Avanti, con o senza di lei’
Bellinzonese
13 ore
Vacanze costose e beni di lusso con i guadagni della cocaina
Condannato a 4 anni e 3 mesi (più l’espulsione dalla Svizzera) un 35enne recidivo e reo confesso. La Corte: ‘Prognosi nefasta’
Locarnese
13 ore
Gambarogno, 83enne inghiottito dalle acque del lago
L’uomo, un confederato, si era tuffato per una nuotata ma non è più riemerso. Partito dal Porto patriziale di Ascona, aveva ‘toccato’ alcune imbarcazioni
Bellinzonese
16 ore
Bennato e tanta buona musica allo Spartyto di Biasca
Tre serate intense il 25, 26 e 27 agosto in Piazza Centrale per la 32esima scoppiettante edizione
Locarnese
18 ore
Onsernone, da mezzo secolo senza mai perdere ‘LaVoce’
Compie 50 anni il semestrale (un tempo bimestrale) della locale Pro; una rivista cartacea nata per parlare di territorio e offrire spunti di riflessione
Ticino
18 ore
A Ferragosto il sole brucia, il radar pure
Puntuale come ogni venerdì, ecco la lista delle località nelle quali nel corso della prossima settimana verranno effettuati controlli della velocità
Luganese
19 ore
Cantoreggi, l’Appello conferma la condanna di primo grado
Pensione La Santa, la corte di secondo grado infligge 4 anni e tre mesi di carcere all’austriaco, per lesioni, omicidio colposo e omissione di soccorso
Mendrisiotto
1 gior
Morbio Inferiore, Parco San Rocco accettato ma con modifiche
Progetto intergenerazionale relativo al Piano particolareggiato rivisto dal Cantone, l’incarto sarà in pubblicazione dal 16 agosto al 15 settembre
© Regiopress, All rights reserved