laRegione
07.05.22 - 09:12

Chiasso mette le fondamenta della sede dell’Ufficio tecnico

Pubblicata la domanda di costruzione per il futuro stabile. La cittadina si prepara a investire 4,3 milioni di franchi

chiasso-mette-le-fondamenta-della-sede-dell-ufficio-tecnico
Ti-Press/Elia Bianchi
Sono già comparse le modine a dare l’idea delle dimensioni

Da tempo era nella lista dei "buoni propositi" del Comune di Chiasso. Da venerdì, invece, il progetto di dare una nuova "casa" all’Ufficio tecnico (Ut) comunale si iscrive di diritto nell’elenco dei cantieri a un passo dal varo. Scelto quasi un paio di anni fa il... "Carapace" (per dirla con il nome della proposta architettonica vincente), ora la cittadina passa dalle intenzioni ai fatti pubblicando (fino al 20 maggio prossimo) la domanda di costruzione che apre la strada alla costruzione dello stabile destinato a sostituire l’attuale sede dell’Ut, lì in via Cattaneo.

Un intervento, quello pianificato, che, di fatto, va a completare la reinterpretazione di un comparto, tutto riservato ai servizi – accanto Polizia comunale e caserma dei Pompieri –, nell’area del Quartiere Soldini. Nei piani l’incarto dovrebbe approdare nell’aula consiliare entro la fine dell’anno con la richiesta di credito, quella strategica, dopo aver già staccato, a suo tempo, i 300mila franchi per la progettazione.

Un’altra spunta sulla lista dei grandi progetti di legislatura

Dopo aver messo mano, di recente, al dossier dello stand di tiro della Rovagina prospettando un investimento di 4,6 milioni di franchi oggi sul tavolo dei consiglieri comunali, il Municipio cittadino si appresta quindi a lanciarsi in una nuova operazione, altrettanto importante dal profilo finanziario oltre che logistico. Operazione che è parte integrante del pacchetto di opere messe in programma per questa legislatura assieme a una spesa di oltre 30 milioni.

Per realizzare l’edificio che farà posto a quanto serve all’Ufficio tecnico e ai suoi dipendenti – una ventina in tutto – di milioni ne serviranno 4,3 circa. Prima, infatti, si darà gas alle ruspe per demolire la sede attuale, poi si plasmerà un fabbricato allungato che si eleverà su due piani, rispettando gli standard Minergie, e sarà rivolto verso il "cuore" della cittadina. Sul suo fronte, affacciato su via Cattaneo, metterà radici un giardino alberato che si prefigge di restituire qualità allo spazio pubblico. Si è calcolato che ci vorranno 18 mesi di lavori prima di consegnare le chiavi nelle mani dei responsabili. Quando si pensa di partire? La primavera prossima.

Le parole chiave dell’operazione, funzionalità e flessibilità

Certo è che per chi, oggi, vive la propria quotidianità all’interno delle mura dell’Ut con il nuovo immobile sarà tutta un’altra cosa. Innanzitutto, la soluzione immaginata dagli architetti Briccola e Aguiar prevede una precisa organizzazione quanto ad accessi pedonali, veicolari e parcheggi (che sono e resteranno 13 ed esterni); anche all’interno l’area che interagisce con gli utenti risulterà separata dai locali di lavoro del personale, già a partire dagli ingressi e a tutto vantaggio di funzionalità e flessibilità, grazie a una organizzazione "semplice e chiara", come emerge dalla relazione tecnica allegata alle mappe.

E questa volta compaiono anche gli spogliatoi per le donne

Nella ridistribuzione degli spazi, al piano terra si troveranno in particolare i vani di servizio, la mensa e gli spogliatoi e le docce dedicati ai dipendenti dell’Ufficio tecnico. Con una peculiarità: la nuova costruzione ha introdotto i locali destinati alle donne, sinora assenti (come peraltro delle operaie, almeno per il momento). In questa parte dell’edificio, però, ci si è riservati di mantenere una certa versatilità dei contenuti e la possibilità di convertire le superfici a ufficio. Chiasso, insomma, guarda avanti e a una eventuale aggregazione.

Il primo livello, per contro, verrà suddiviso tra segretariato, accoglienza, sale riunioni nella parte iniziale, e i diversi uffici dei vari settori propri al servizio comunale a seguire per tutta la lunghezza dell’immobile.

Due facciate e tanto verde per dare riconoscibilità

A dare, infine, una precisa identità al complesso saranno, come detto, il "generoso" spazio verde e con esso le facciate. Quella rivolta a sud si mostrerà come un "guscio protettivo in calcestruzzo a vista", guardando verso l’area retrostante dei magazzini, di controcanto quella a nord sarà "caratterizzata dalla ripetizione ritmata di pilastri ravvicinati in calcestruzzo" e si aprirà sulla "pace del giardino alberato antistante".

Una presenza verde che negli obiettivi dei progettisti, come si ribadisce nella relazione, diventa un "importante elemento di riferimento per l’utenza e, unitamente al linguaggio della facciata lungo la strada, permette una chiara identificazione e caratterizzazione dello stabile pubblico".

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Luganese
3 min
Pura, condannata a 4 anni la donna che accoltellò l’ex marito
La Corte ha accolto integralmente le richieste di pubblica accusa e accusatore privato, sostenendo che l’imputato abbia mentito per costruirsi un alibi
Ticino
35 min
Primo incontro fra partiti sul dopo Carobbio agli Stati
Domani rendez-vous tra i vertici cantonali delle forze politiche rappresentate a Berna. Per scongiurare un ‘bel pasticcio’, Farinelli dixit
Grigioni
56 min
Val Calanca, strada forse riaperta prima del weekend
Nella migliore delle ipotesi i lavori di sgombero inizieranno domani. Anche oggi il meteo ha ostacolato la valutazione dei rischi di nuovi scoscendimenti
Luganese
1 ora
Sottrasse mezzo milione a un conoscente, ma non fu riciclaggio
Appropriazione indebita: inflitti 15 mesi di carcere, sospesi con la condizionale, a un 39enne comparso di fronte alle Assise criminali di Lugano
Bellinzonese
2 ore
Ultima tappa per completare la fibra ottica nel Bellinzonese
Amb e Swisscom comunicano che l’anno prossimo saranno connessi anche a Pianezzo, Paudo, Claro, Gudo, Moleno e Preonzo
Bellinzonese
2 ore
‘Via Roggia dei Mulini rimarrà sicura anche con le palazzine’
Il Municipio di Bellinzona risponde all’interpellanza di Boscolo e Sansossio, confermando che il comparto rientra nella mobilità sostenibile
Ticino
2 ore
‘Il nuovo accordo fiscale è molto favorevole per i frontalieri’
Lo scrive in una lettera ai giornali lombardi il ministro dell’Economia italiano Giorgetti, che fa il punto della situazione sull’annoso dossier
Luganese
3 ore
Lugano-Montarina, Villa Ganser e Casa Walty salvate dalla Stan
Il Tribunale amministrativo cantonale accoglie il ricorso presentato contro la licenza concessa dal Municipio per un progetto edilizio
Bellinzonese
3 ore
‘Nevica bene, ma dovrà restare freddo per poter sciare dal 17’
Alto Ticino e Moesano, i responsabili delle stazioni invernali sono fiduciosi. A Campo Blenio e San Bernardino si parte forse già il prossimo weekend
Bellinzonese
4 ore
In crescita il numero di visitatori al museo Sasso San Gottardo
Un successo le esposizioni tematiche e la nuova sala del silenzio, che verrà riproposta con sessioni regolari anche durante la prossima stagione
© Regiopress, All rights reserved