laRegione
precarieta-lavorativa-mendrisio-ha-la-sua-strategia
Il reinserimento professionale è la chiave di volta
07.02.22 - 18:15
Aggiornamento: 19:03

Precarietà lavorativa, Mendrisio ha la sua strategia

Individuate le fasce di popolazione più a rischio: si va dai ragazzi senza un diploma agli over 50 ‘fuori mercato’, alle mamme sole

Essere dei lavoratori precari. Oggi il rischio esiste, anche dalle nostre parti. Lo sta toccando con mano la Città di Mendrisio che, forte pure di consulenze esterne, ha messo in campo tutta una serie di azioni a sostegno di un reinserimento professionale mirato. Sono diverse, del resto, le fasce di popolazione che in questo momento mostrano il fianco a un mercato del lavoro che non fa sconti e che penalizza chi non ha ultimato una formazione. Lo spettro sociale interessato, in ogni caso, è ampio e non risparmia nessuno: si va dai giovani (persino giovanissimi) agli over 50, dalle persone in assistenza da tempo o sottooccupate alle famiglie monoparentali.

Ce n’è quanto basta, insomma, per mettere i servizi sociali locali sul chi va là. Soprattutto a fronte di una pandemia che ha fiaccato in particolare alcune categorie di cittadini. Lo si segnala, come richiama lo stesso Municipio cittadino, in uno studio condotto a livello nazionale l’ottobre scorso. La conclusione è presto tirata: nel quadro attuale “il tema dell’occupazione diventerà sempre più il tema centrale per favorire sia l’autonomia finanziaria e l’integrazione sociale, sia la riduzione dei costi dell’assistenza sociale”. Senza perdere di vista quella parte di popolazione che può sfuggire alle antenne sul territorio, ma che vive già in un contesto di fragilità.

E allora bastano gli strumenti a disposizione? Se lo sono chiesto anche tre consiglieri del gruppo Lega-Udc-Udf. E in effetti vi è un modello virtuoso al quale Mendrisio guarda, quello di Lugano che ha potenziato la sua strategia grazie a due servizi - LuganoMetwork e Spazio Lavoro - complementari alla rete esistente. Il punto è che in questo momento Mendrisio non ha i fondi da destinare a un investimento, finanziario e di risorse umane, che si prospetta “ingente”. D’altro canto, il mandato consegnato dal Consiglio comunale all’esecutivo, si richiama nella risposta all’interrogazione del dicembre scorso, non lascia margini di manovra: ora la priorità è “il contenimento della spesa”. E il modello luganese, per ora, risulterebbe “in contrasto” con la missione di procedere alla revisione dei costi della Città.

‘Il Municipio è sensibile al tema del lavoro’

«L’interrogazione di Massimiliano Robbiani, Simona Rossini e Nicholas Robbiani ci ha dato l’opportunità di illustrare la sensibilità del Municipio sul tema del lavoro – chiarisce subito Françoise Gehring, a capo del Dicastero politiche sociali e politiche di genere –. Il lavoro rappresenta indubbiamente un elemento importante nella vita delle persone. Limitatamente ai compiti istituzionali attribuiti al Comune, su questa tematica Mendrisio cerca di fare la sua parte nel perimetro delle risorse attualmente disponibili. Certo si può sempre fare meglio, anzi si deve. Per questo seguiamo con attenzione i progetti di altre realtà che possono rappresentare una fonte di ispirazione per i compiti che possiamo assumerci come Comune. Un passo concreto è stato per esempio il progetto ‘Lavoro XMe’, destinato ad accompagnare il personale avventizio in un percorso di bilancio di competenze».

Tra fattori di rischio e risposte

Proprio questo progetto, varato nel 2020, rappresenta un punto di ripartenza. «‘LavoroXMe’ ci ha permesso di avviare importanti collaborazioni nei confronti di cittadini a rischio di vulnerabilità lavorativa», ci conferma Tiziana Madella, responsabile dell’Antenna sociale. Dal vostro osservatorio qual è la situazione? «A oggi troviamo alcuni fattori di rischio in diverse tipologie di cittadini, a cominciare dagli alunni della scuola media e fino agli ultracinquantenni con poche possibilità di reinserimento in un mercato di lavoro sempre più selettivo».

Quali sono i punti deboli? «Per fattori di rischio – spiega ancora la responsabile – intendiamo situazioni familiari e sociali connotate da fragilità, basso rendimento scolastico che preclude molte scelte formative per i più giovani, formazioni non più spendibili nel mercato del lavoro o professioni non più attuali a fronte di progresso e modernizzazione. I percorsi di bilancio di competenze avviati nel 2021, in collaborazione con Equi-Lab – associazione di consulenza nel campo della conciliabilità famiglia-lavoro e delle pari opportunità, ndr –, in modo specifico per gli avventizi ma anche per alcune cittadine, hanno permesso di sottolineare l’importanza nel ricostruire il proprio percorso di vita e professionale, riconoscendo e valorizzando competenze e attitudini personali sviluppate negli anni, che potrebbero essere ancora spendibili».

Dai ragazzi agli over 50

Non ci si fermerà comunque qui. «Un’attenzione particolare – annota ancora Tiziana Madella – andrà data al supporto delle competenze traversabili e al rafforzamento della motivazione e dell’autostima. Proprio a sostegno di un’attitudine proattiva al cambiamento la Città collabora con Pro Senectute – lavoro sociale comunitario – per l’inserimento di persone in assistenza e attualmente abbiamo diverse misure in diversi dicasteri per cittadini proprio a rischio di vulnerabilità lavorativa. Un’altra importante sinergia è quella con il Servizio del Case Management della Formazione professionale per inserire ragazzi delle scuole medie in stage e favorire piccole esperienze formative e di orientamento professionale. Si tratta di giovani a cui è precluso un inserimento in aziende private, da qui l’importanza di un ente pubblico aperto e inclusivo».

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
lavoro mendrisio precarietà
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Mendrisiotto
1 ora
Age e Aim, la rete idrica è sempre sottopressione
Rimangono in vigore le raccomandazioni all’uso parsimonioso dell’acqua e i divieti. La situazione è critica, ma alcuni Comuni riescono a cavarsela
Locarnese
4 ore
Tegna, ‘no alla variante che finirà per cancellarci’
L’Associazione sportiva preoccupata per le mire pianificatorie del Municipio per la zona dei Saleggi, con il sacrificio del campo da calcio (e del club)
Ticino
13 ore
Ipct, Pronzini si rivolge alla Commissione di mediazione
Il deputato dell’Mps ha chiesto alla cassa pensioni la decisione sulla riduzione del tasso di conversione. Accesso differito. Il parlamentare non ci sta
Luganese
14 ore
Soprusi, schiaffi e ustioni ai figli per 4 anni, il caso in aula
Genitori alle Correzionali, la pubblica accusa chiede pene parzialmente da espiare. Una perizia ha accertato la loro incapacità genitoriale
Luganese
15 ore
Rovio, il movente sarebbe il furto del figlio alla nonna paterna
Il padre avrebbe sparato alla schiena del 22enne forse a causa degli 80’000 franchi spariti dalla casa di Gravesano della parente
Mendrisiotto
15 ore
Chiasso, due campi esterni da padel all’ex Boffalorino
La domanda di costruzione per il progetto sarà presentata entro fine mese. L’area nel frattempo è stata sistemata
Bellinzonese
16 ore
Progetto Ritom a tetto: così cambia l’idroelettrico leventinese
Ffs e Aet presentano l’avanzamento del cantiere. Poi toccherà alla centrale del Piottino. Valutazioni in corso per Lucendro e alcune riversioni
Luganese
16 ore
Montagnola, auto urta un muretto e si ribalta: un ferito
Le condizioni del guidatore non dovrebbero destare particolari preoccupazioni
Bellinzonese
18 ore
‘Più zone naturali per combattere le isole di calore’
È la richiesta dei Verdi in un’interpellanza rivolta al Municipio di Bellinzona, che riprende a sua volta una proposta della Lista civica di Mendrisio
Locarnese
22 ore
Abusi edilizi, Municipio di Losone bacchettato dagli Enti locali
Vanno contro le disposizioni pianificatorie cantonali alcune licenze legate alla sopraelevazione d’immobili rilasciate. Parte l’interrogazione
© Regiopress, All rights reserved