laRegione
chiasso-la-mascherina-a-ricreazione-e-necessaria
Ti-Press
L’acquisto di purificatori dell’aria è all’esame del Municipio
21.01.22 - 15:49
Aggiornamento : 19:16

Chiasso, ‘la mascherina a ricreazione è necessaria’

Il Municipio risponde a un’interrogazione del Ppd. ‘Creati momenti ad hoc dove è possibile abbassarla in sicurezza’

“Durante la ricreazione ci sono circa 300 bambini che giocano nel parco antistante l’edificio scolastico comunale e non è possibile controllare che le distanze vengano rispettate”. Per questo motivo gli allievi sono tenuti a indossare la mascherina anche durante le pause tra le lezioni. È questa la risposta del Municipio di Chiasso a un’interrogazione inoltrata dal Ppd, a firma Patricia Wasser e Davide de Donatis, che chiedeva più flessibilità. “I bambini sarebbero costretti a manipolare la mascherina all’uscita dell’edificio e al rientro, con il rischio d’infettarla, di perderla durante la pausa, che cada e venga raccolta e poi riutilizzata”, spiega l’Esecutivo. La direzione si è comunque mossa per permettere ai bambini di avere dei momenti durante i quali abbassare il dispositivo di sicurezza. “Si è preferito indicare ai docenti di creare momenti d’aria ogni ora e, con le dovute precauzioni e distanze, chiedere agli allievi di abbassare la mascherina e restare seduti al proprio posto”. Le direttive su questo tema, ricorda il Municipio nel testo, sono imposte dal Consiglio di Stato. Scartata l’ipotesi di acquistare mascherine lavabili “poiché non si può essere certi che vengano effettivamente lavate ogni sera”. L’acquisto di purificatori dell’aria, conclude l’Esecutivo, è invece in fase d’esame.

Leggi anche:

Mascherina a scuola: a Chiasso il Ppd invoca più flessibilità

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
chiasso interrogazione mascherina municipio ricreazione
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Luganese
11 min
Autogestione, un quarto di secolo finito in ‘Macerie’
La storia dell’esperienza raccontata dai protagonisti nel podcast coordinato da Olmo Cerri: ‘Uno spazio di libertà ch si è rivelato fondamentale’
Luganese
13 min
Il ‘risarcimento? Quegli oggetti non avrebbero dovuto esserci’
Il sindaco Michele Foletti non si scompone in attesa della decisione della Crp e riprenderebbe le stesse decisioni adottate nel maggio scorso
Locarnese
1 ora
Tegna, ladri s’intrufolano nelle case
Sottratto denaro ma nessun oggetto di valore. Alcuni tentativi sarebbero andati a vuoto. La polizia conferma l’accaduto
Ticino
1 ora
Imposte di circolazione, il Plr svela le carte e il suo rapporto
Speziali: ‘Abbassiamole, ma come dice il governo nella sua risposta a 96 milioni e con una formula diversa’. E su riforma fiscale e settimana a 32 ore...
Luganese
1 ora
Ex Macello, un anno fa la notte più lunga di Lugano
Cade domani l’anniversario della demolizione del centro sociale. Tra ruspe, glitter e scontri, l’ironico ricordo dell’evento che ha segnato la città
Luganese
9 ore
Collina d’Oro, ‘l’acqua vogliamo gestirla noi’: è referendum
Lanciata la raccolta delle firme contro il messaggio municipale sulla cessione alle Aziende industriali di Lugano della gestione globale dell’acquedotto
Mendrisiotto
9 ore
PoLuMe, dalla Sinistra di Stabio una risoluzione contraria
Il Gruppo ha consegnato in cancelleria una dichiarazione da far passare al prossimo Consiglio comunale, per ribadire il proprio no al progetto
Mendrisiotto
9 ore
Campi piccoli e spogliatoi vecchi, ‘mancano le strutture’
Nel Mendrisiotto diverse squadre di calcio costrette a cambiare paese per giocare le partite. ‘Una riflessione da fare a livello regionale’.
Luganese
9 ore
Adria Costruzioni, comunque vada sarà un maxi processo
Almeno 7 gli imputati in attesa del rinvio a giudizio alle Assise criminali di Lugano per il crac milionario dell’impresa edile scoperto nel 2015
Luganese
10 ore
Lugano, estate in arrivo: che sicurezza alla Foce?
Un’interrogazione socialista domanda al Municipio cosa è stato messo in campo per la stagione balneare alle porte
© Regiopress, All rights reserved