laRegione
28.09.21 - 16:30
Aggiornamento: 17:13

Mendrisio, in piazza contro il dumping salariale

Il Ps del Mendrisiotto e Basso Ceresio si mobilita al fianco dei sindacati storici. Il presidente: ‘Questo modo di agire non è accettabile’

mendrisio-in-piazza-contro-il-dumping-salariale
Ti-Press
Il 9 ottobre si manifesta a Mendrisio

“In questa battaglia i lavoratori non sono soli”. Il Partito socialista del Mendrisiotto e Basso Ceresio il 9 ottobre prossimo sarà al Mercato Coperto a Mendrisio per levare “il nostro grido di indignazione” e difendere l’applicazione del salario minimo, che scatterà a dicembre, e contrastare il dumping salariale. E l’invito rivolto a cittadine e cittadini è a partecipare “in massa” alla manifestazione indetta dai sindacati Ocst e Unia. Quanto accaduto in tre industrie manifatturiere del Distretto, si fa capire a chiare lettere, non può passare sotto silenzio. Così come resta sotto ‘osservazione’ l’operato dello “pseudo sindacato” TiSin, in cui siedono anche esponenti di spicco della Lega dei ticinesi.

“La nostra regione – annota il presidente del Ps regionale Marco D’Erchie – è da anni vittima di aziende irresponsabili che si insediano sul nostro territorio, deturpandolo e offrendo salari che talvolta sono addirittura inferiori agli importi delle prestazioni assistenziali. Questo modo d’intendere e di fare economia non solo non porta alcun beneficio, ma distrugge il nostro tessuto sociale e rende invivibile il nostro territorio”. Di conseguenza, si fa memoria, “il salario minimo approvato dal popolo qualche anno fa è quindi una delle misure concrete attuabili (seppur perfettibile) a difesa e a tutela dei diritti dei lavoratori e delle lavoratrici residenti”, il tutto a vantaggio anche dei giovani in cerca di un impiego. D’altro canto, sottolinea ancora D’Erchie, “solo ponendo delle basi retributive solide potremo interrompere quel gioco al ribasso che è in atto oggi nel mercato del lavoro ticinese”.

Ecco che l’azione di TiSin ha lasciato basiti a Sinistra (ma non solo). “Mai ci saremmo immaginati, dopo tutti questi anni di discussioni, scandali e soprusi, che qualcuno potesse anche solo immaginare che in Ticino si possa vivere con meno di 19 franchi orari”. Ed è a questo che si reagisce. “Nel nostro modo di intendere la società questo non è accettabile – conclude D’Erchie –. Per questo ci batteremo con tutti i mezzi possibili per impedire che lo sfruttamento di alcuni ai danni di altre persone abbia campo libero”.

Leggi anche:

Salario minimo a rischio, sindacati e politica sulle barricate

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
24 min
‘Serve una lista forte’, Mirante critica la direzione Ps
Per l’esponente socialista la proposta di lista che la direzione presenterà al Congresso del 13 novembre si basa su un ragionamento ‘fallace a azzardato’
Locarnese
58 min
Locarno, licenziato l’agente dei presunti atti d’esibizionismo
L’Esecutivo cittadino ha comunicato in giornata la decisione presa. Il poliziotto, dal canto tuo, ricorrerà al Consiglio di Stato
Bellinzonese
59 min
Camorino: ‘La Città si ricordi la nostra volontà politica’
Le esortazioni dell’ex sindaco Donadini, mense scolastiche, parchi giochi e una sede per le società: sono alcuni temi dell’incontro col Municipio turrito
Mendrisiotto
1 ora
Ritorno al salario minimo: ‘Doveva andare così’
Il fronte sindacale (Ocst e Unia) commenta il dietrofront di Ticino Manufacturing. Rischio delocalizzazione, ‘si paga pegno ma non alla legge’
Ticino
6 ore
Ticino Manufacturing lascia TiSin e si adegua al salario minimo
L’associazione annuncia di aver sciolto il contratto con il ‘sindacato’ e di aver ritirato il ricorso contro la decisione dell’Ispettorato del lavoro
Locarnese
7 ore
Troppi supermercati e troppo traffico in quel di Losone?
Attraverso un’interpellanza Mario Tramèr (il Centro) chiede al Municipio se e come potrebbe il Comune limitare l’insediamento di nuove attività simili
Ticino
9 ore
Caccia alta, sei persone denunciate per gravi infrazioni
Il Dipartimento del territorio rende noti i dati sulla stagione appena conclusa. Abbattuti più cervi rispetto al 2021, meno cinghiali e camosci
Luganese
10 ore
Direttore arrestato: ‘Si crei uno sportello per genitori’
Per la Conferenza cantonale dei genitori è importante che si riduca il rischio di situazioni simili. Contrastanti, intanto, le reazioni dei genitori
Ticino
13 ore
Crisi energetica e telelavoro, Ocst: ‘Vigili sì, preoccupati no’
Dal sindacato cristiano sociale un webinar informativo. Isabella: ‘Non c’è giurisprudenza, partenariato importante’. Alari: ’Le spese preoccupano’
Ticino
13 ore
Sicurezza e prevenzione: gli occhi e le orecchie del Gpn
Gestione della minaccia: ruolo e missione del gruppo di specialisti della Polizia cantonale. Al quale il governo vuole ora dare una chiara base legale
© Regiopress, All rights reserved