laRegione
12.08.21 - 12:01
Aggiornamento: 16:44

Mendrisiotto: guida l'autopostale, niente servizio militare

Chiesta l'esenzione all'Esercito, l'azienda di trasporto la spunta davanti al Tribunale amministrativo federale

mendrisiotto-guida-l-autopostale-niente-servizio-militare
Ci sono le eccezioni (Ti-Press)

Prestare servizio militare è un obbligo per un cittadino svizzero. Anche assicurare il servizio al volante di uno dei 28 autobus che coprono le nove linee che attraversano il Distretto, però, è un dovere. Messi sul piatto della bilancia della giustizia, per il Tribunale amministrativo federale il primo non ha sempre la meglio sul secondo, dando ragione così ad Autopostale del Mendrisiotto nella vertenza aperta con l'Esercito svizzero. Ergo, il dipendente della società di trasporto pubblico che fa capo ad Autopostale Sa ha diritto all'esenzione dal servizio militare, come richiesto a suo tempo (era il luglio 2019) ma negato dal Dipartimento federale della difesa, della protezione della popolazione e dello sport. Dipartimento che, agli occhi dei giudici, doveva applicare gli articoli di legge; cosa che non ha fatto. Morale, si legge nelle conclusioni della sentenza resa pubblica oggi, giovedì, "ha violato il diritto federale".

C'è caso e caso

A ormai due anni di distanza il Tribunale ha dunque fatto chiarezza sull'applicazione delle norme in casi particolari e che rappresentano comunque l'eccezione. Ripercorrendo i fatti al centro di un ricorso, da subito l'Esercito aveva negato lam richiesta avanzata da Autopostale del Mendrisiotto a nome di un collaboratore in quel momento occupato a tempo pieno dall'azienda. Per il Dipartimento non era provato "il carattere indispensabile" dell'attività del dipendente. Come dire che l'esonero dagli obblighi militari non è finalizzato a colmare eventuali lacune di personale nelle imprese e nelle istituzioni pubbliche o private che siano "in situazione normale". Non la vedeva in questo modo, però, l'azienda di trasporto; la quale, per voce di Autopostale, l'anno scorso ha fatto presente che il "quotidiano e indispensabile" servizio svolto. Di conseguenza l'impiego degli autisti risulta essere "fondamentale" per garantire l'offerta all'utenza, "anche nell'ottica di una chiusura dei confini nazionali".

E qui a fornire un argomento in più alla società di trasporto è stata proprio la pandemia da Covid-19 e il 'lockdown' decretato dalle autorità. Un periodo, ricorda l'azienda nelle sue osservazioni al Tribunale, durante il quale "gli unici mezzi autorizzati a viaggiare erano le poste guidate dagli autisti di Autopostale Mendrisiotto", e ciò, si ribadisce, "al fine di garantire il servizio pubblico che Autopostale Sa ha ricevuto in concessione dal Consiglio federale".

Due articoli di legge che 'coesistono'

La querelle giuridica muove fra due articoli di legge. Il primo - l'articolo 18, capoverso 1, lettera h della Legge federale sull'esercito e sull'amministrazione militare - eccependo al principio dell'obbligo a prestare servizio militare, evidenzia la possibilità di esentare "gli impiegati dei servizi postali, delle imprese di trasporto titolari di una concessione federale, nonché dell’amministrazione, che in situazioni straordinarie sono indispensabili alla Rete integrata Svizzera per la sicurezza"; e questo "finché durano le loro funzioni o il loro impiego" e, da disposto di legge, pure in "situazioni ordinarie". Il secondo articolo della legislazione - il 145 - prevede altresì che "per l’adempimento di compiti importanti nei settori civili della Rete integrata Svizzera per la sicurezza, le persone soggette all’obbligo di prestare servizio militare possono essere dispensate o congedate dal servizio d’appoggio e dal servizio attivo". Ebbene, le due norme, conferma il Tribunale, "coesistono". E ciò, applicato al caso del dipendente dell'azienda, doveva portare ad accordare l'esenzione dagli obblighi militari, visto che Autopostale del Mendrisiotto è concessionaria di linee di trasporto pubblico.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Luganese
1 ora
Precipita mongolfiera: fra curiosi e passanti... la sorpresa
Si è trattato di un’esercitazione congiunta fra la Società svizzera di salvataggio di Lugano e il Gruppo aerostatico Ticino
Mendrisiotto
4 ore
Case ‘Greenlife’, il Municipio nega la licenza edilizia
A Novazzano l‘esecutivo boccia il progetto del complesso abitativo in zona Torraccia. ’Non è in sintonia con il paesaggio’
Locarnese
8 ore
Delitto Emmenbrücke, il presunto colpevole resta in carcere
Richiesti altri tre mesi di carcerazione preventiva per l’uomo sospettato di aver assassinato la 29enne di Losone nel luglio 2021. C’è anche la perizia
Ticino
8 ore
‘Hanno distrutto la vita di mio padre 87enne. E la giustizia?’
Cede dei terreni a due figlie, ma per la terza ‘è un raggiro, non era in grado di capire’. Quando la fragilità della terza età è sfruttata dai famigliari
Mendrisiotto
16 ore
Tra l’Alabama e il Ticino
L’economista della Supsi Spartaco Greppi commenta la strategia economica prospettata da Ticino Manufacturing dopo l’adesione al salario minimo
Ticino
16 ore
Ancora alcuni posti liberi per la giornata sul servizio pubblico
Giovani a confronto. La manifestazione si svolgerà a Bellinzona l’8 ottobre
Ticino
17 ore
Jaquinta Defilippi e Quattropani dichiarano fedeltà alle leggi
Dopo la loro elezione a magistrati da parte del Gran Consiglio. Lei procuratrice pubblica, lui pretore di Leventina
Ticino
18 ore
Un ottobre da... radar
Tutti i punti osservati speciali dalla Polizia cantonale della settimana fra il 3 e il 9 ottobre: occhio alla velocità
Bellinzonese
18 ore
Camorino, servono 2,5 milioni in più per il Centro polivalente
Il Consiglio di Stato chiede un credito suppletorio ai già stanziati 11 milioni: ‘Necessario aumentare le superfici degli alloggi’ per richiedenti l’asilo
Luganese
18 ore
Lugano, disavanzo di 5,3 milioni nel Preventivo 2023
Dato positivo, ma da relativizzare, spiega Foletti, considerando il nuovo sistema di calcolo. Moltiplicatore d’imposta: si propone di lasciarlo al 77%
© Regiopress, All rights reserved