laRegione
08.04.21 - 17:43

I pompieri: 'Fiamme a Lattecaldo partite da due punti'

Il comandante Corrado Tettamanti ci spiega il grande dispiegamento di forze e le probabili cause dell'incendio divampato a Morbio Superiore

i-pompieri-fiamme-a-lattecaldo-partite-da-due-punti
Fiamme in valle di Muggio

Sono state fiamme improvvise, su cui il forte vento abbattutosi sulla regione ha fatto da cassa di risonanza. Fortunatamente l'intervento immediato del Centro soccorso cantonale pompieri del Mendrisiotto ha limitato i danni. Sta di fatto, come confermatoci dal comandante Corrado Tettamanti in merito alle cause dell'incendio divampato ieri a Lattecaldo, «che senza l'apporto e celere dei nostri uomini difficile sarebbe stato contenerlo in così breve tempo e in ettari». Un lavoro, quello della quarantina di militi allertati nel pomeriggio di mercoledì, terminato solo nella notte, verso l'una, quando è stato dato loro il cambio dalla guardia notturna composta da una dozzina di uomini. Pompieri che però non hanno avuto ore tranquille considerato che alcune fiamme hanno ripreso vita impegnandoli fino al mattino. Sul posto si sono poi recati una ventina di militi supportati da un elicottero così da completare la bonifica sia via terra sia via aerea. 

Solo verso le 16 di oggi tutto è stato spento: «Siamo comunque ancora impegnati per la fase di controllo e ripristino in quello che è un territorio intaccato dal fuoco di circa tre ettari – ha aggiunto il comandante –. Le cause? Da solo il fuoco non si accende e se pensa che l'autocombustione non esiste... può solo essere stata negligenza o ben peggio... Sta di fatto che le fiamme sono partite da una strada forestale, da due punti distinti». Più chiaro di così!

Leggi anche:

Coltre di fumo si leva nel bosco sopra Morbio Superiore

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
2 ore
Cadono le foglie, a Novaggio e Airolo cresce il Pedibus
Nate due nuove linee dell’iniziativa che incentiva la trasferta casa-scuola a piedi di bambini accompagnati e in compagnia
Locarnese
5 ore
Pila: ‘Niente funivia, niente tasse d’uso e consumo’
A chiederlo al Municipio è una raccolta firme sottoscritta da 90 proprietari di abitazioni e frequentatori della frazione centovallina. L’impianto è fermo
Bellinzonese
5 ore
Dalla paura nei rifugi alla motivazione negli spogliatoi dei Gdt
L’impegno della società turrita ha portato a offrire a giovani hockeisti ucraini l’opportunità di venire in Svizzera e giocare a Bellinzona
Luganese
5 ore
Caslano, centinaia di lettere per il voto non recapitate
Il Municipio ha chiesto spiegazioni alla Posta, incaricata della distribuzione. Il Servizio diritti politici: ‘Non una violazione del diritto di voto’
Ticino
11 ore
Chiesa: ‘Poco sociali? Le nostre iniziative aiutano i cittadini’
Il presidente nazionale dell’Udc risponde alle critiche mosse da Claudio Zali, che ritiene Piero Marchesi e l’Udc interessati al suo seggio
Mendrisiotto
12 ore
Monte, inaugurati gli interventi del progetto intergenerazionale
Tre anni di lavoro e mezzo milione di franchi per la realizzazione di opere architettoniche volte a migliorare la qualità di vita delle persone anziane
Ticino
15 ore
Il 30% degli anziani ticinesi fa fatica ad arrivare a fine mese
È quanto emerge da uno studio di Pro Senectute, che riconosce quello a Sud delle Alpi come il dato più alto in Svizzera. E scatta subito l’interpellanza
Locarnese
16 ore
‘A stanare prede nella notte’, gruppo di bracconieri nei guai
Alcuni cacciatori della regione sono finiti sotto inchiesta per illeciti venatori. Sequestrate armi modificate e un consistente bottino di catture
Luganese
18 ore
La Peonia del Generoso per lo stemma di Val Mara
Presentato il simbolo del nuovo Comune, nato dalla fusione di Maroggia, Melano e Rovio. Il Consiglio comunale approva i nuovi regolamenti comunali
Bellinzonese
1 gior
Camorino, auto in fiamme sullo svincolo della A2
Il fatto è avvenuto ieri sera poco prima delle 23. Non si registrano feriti o intossicati
© Regiopress, All rights reserved