laRegione
Si riparte (Ti-Press)
Mendrisiotto
27.05.20 - 19:320

La Ferrovia Monte Generoso rimette i trenini sui binari

L'azienda di trasporto pronta a ripartire il 6 giugno con i viaggi verso la Vetta. 'La sicurezza? Abbiamo un piano di protezione'

"Finalmente: non vediamo l'ora di ripartire". Alla Ferrovia Monte Generoso (Fmg) sono pronti a rimettere sui giusti binari la nuova stagione. Un po' ci speravano che il Consiglio federale allargasse le maglie delle misure di sicurezza, ma certo sentirselo scandire in diretta tv ha fatto tutto un altro effetto. "È stata persino una bella sorpresa - ammette a 'laRegione' Monica Besomi, responsabile marketing per la Fmg - scoprire che ripartiremo da un fine settimana - quello del 6-7 giugno, ndr -: non c'è che dire, tiriamo un respiro di sollievo". Tra l'altro, sarà pure una coincidenza, ma la Ferrovia a cremagliera tornerà in attività propio a ridosso del suo anniversario: il 5 giugno di 130 anni orsono, infatti, saliva in Vetta la prima locomotiva.

'Si ricomincia: siamo motivati e ottimisti'

Quindi la Fmg affronta questa nuova fase che segue la chiusura forzata a casa per la pandemia con entusiasmo: tanto più che gli escursionisti troveranno una linea ferroviaria rinnovata nei suoi due terzi. "Non solo siamo contenti ma motivati e positivi", ribadisce la responsabile. Il programma degli eventi è già pronto e non attende che le iscrizioni - si inaugurerà l'estate il 19 giugno con un aperitivo al tramonto - e, del resto, il primo assaggio, il fine settimana scorso, è stato più che promettente. Adesso non resta che riconquistare la fiducia di residenti e turisti, in alcuni casi ancora titubanti nel prendere i mezzi pubblici.

E allora la parola chiave è trasparenza. "Nel solco delle indicazioni fornite dalle Associazioni di categoria, abbiamo approntato i piani ufficiali di protezione - ci spiega Besomi -.Una prassi che abbiamo adottato per il 'Fiore di pietra' in Vetta, per il campeggio Monte Generoso e che stiamo mettendo a punto per la biglietteria a Capolago e l'esercizio ferroviario. Le direttive saranno completate formalmente nei prossimi giorni, dopo gli adattamenti del caso. Non solo: abbiamo deciso di pubblicare sul nostro portale i contenuti della strategia in campo, dedicandole una pagina, così da rassicurare i turisti". Un approccio che è già valso all'azienda il marchio 'Clean & Safe' promosso da Svizzera Turismo per 'certificare' i fornitori di servizi turistici che rispettano le norme di protezione contro il Covid-19. "Marchio per il quale abbiamo avviato una richiesta pure per la ferrovia".

Le misure di protezione... in viaggio

In cima al Generoso vigono segnaletica, gel disinfettanti per le mani e distanze fisiche in fila e ai tavoli, e sul trenino? "Abbiamo previsto di utilizzare solo i posti a sedere - 96 a fronte dei 160 di capienza, calcolando anche i posti in piedi, ndr - e di evitare gli affollamenti, prevedendo di aggiungere dei convogli extra. La mascherina? Lasceremo al singolo valutare e decidere se indossarla. Inoltre, sanificheremo ogni treno al termine del servizio e disinfetteremo i punti sensibili e più sollecitati a ogni viaggio".

Adesso non resta dunque che attendere gli escursionisti alla partenza, a Capolago. Quali sono le previsioni? "Siamo ottimisti - ci conferma Monica Besomi -: Tutti hanno voglia di natura e di staccare dalla città dopo il 'lockdown'. Certo sapremo solo dopo le prime settimane e con l'inizio delle ferie Oltregottardo a fine giugno se le persone avranno ritrovato la fiducia e il piacere di muoversi. Da parte nostra, lo scopo è riportare i turisti in Vetta: è un modo per dire grazie per il comportamento tenuto dalla popolazione durante l'emergenza sanitaria".

Lo sguardo è rivolto in particolare agli escursionisti svizzero tedeschi, frequentatori storici della meta montana, ma non si dimenticano i ticinesi che questa estate trascorreranno le loro vacanze in... casa."In effetti, l'auspicio è di avere molti ticinesi - ribadisce la responsabile marketing -. A questo proposito abbiamo già predisposto una campagna che offre ai residenti il biglietto del trenino a metà prezzo da giugno a fine luglio". Basterà staccare... il tagliando.

TOP NEWS Cantone
Ticino
1 ora
Covid-19, due terzi dei nuovi contagiati ha meno di 30 anni
Il medico cantonale Giorgio Merlani: 'I giovani capiscano che protezione significa non solo proteggere sé stessi, ma anche i propri cari e gli amici'
Ticino
2 ore
Il prete arrestato ha ammesso il fatto. Emergono episodi 'minori'
Il sacerdote sotto inchiesta per presunta coazione sessuale è in regime di espiazione anticipata della pena
Mendrisiotto
4 ore
Pronti a scendere in campo a difesa dell'ostetricia all'Obv
A Mendrisio l'AlternativA - Verdi e Sinistra insieme prende posizione dopo l'incontro con i vertici ospedalieri. 'Guardia altissima'
Mendrisiotto
4 ore
‘L'inferno in casa loro’, chiesti 11 anni di carcere
È questa la richiesta di pena della Pp Marisa Alfier nei confronti del siriano a processo per tentato omicidio intenzionale
Bellinzonese
4 ore
Novità a Lumino: iniziata la prima colonia estiva diurna
Otto settimane dedicate ai bambini promosse dal Municipio e affidate alla Fondazione Pro Infantia. Un'offerta di svago ancor più d'attualità a seguito del lockdown
Ticino
5 ore
'Gli Svizzeri all'estero a fare spesa. I ticinesi invece...'
Secondo il presidente della direzione generale di Migros, a sud delle Alpi si sta sentendo meno la riapertura delle frontiere post-lockdown
Lugano
6 ore
Lugano, Foce chiusa questo weekend dalle 20. Poi solo con l'app
Lo ha deciso il municipio cittadino. Da giovedì prossimo, dalle 20, un massimo di 200 persone potranno accedere unicamente previa prenotazione.
Ticino
7 ore
Coronavirus, il Ticino alza il grado d'allerta
Di fronte a oltre 450 quarantene in poco più di una settimana, la campagna d'informazione passa dal codice blu al codice arancione
Bellinzonese
7 ore
8 milioni per la mobilità del Bellinzonese
Il Consiglio di Stato ha licenziato il messaggio per la progettazione e la realizzazione di una seconda serie di misure del programma di agglomerato della regione
Mendrisiotto
8 ore
‘Davo solo sberle sulle braccia’
Il 48enne siriano a processo per tentato omicidio intenzionale ammette di aver picchiato tre volte i figli ma nega i calci
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile