laRegione
01.12.22 - 20:46

Manno, datore di lavoro a processo per omicidio colposo

I fatti riguardano la morte di un suo dipendente nel 2017, caduto da circa 6 metri di altezza mentre lavorava. Secondo la difesa è colpa della vittima

manno-datore-di-lavoro-a-processo-per-omicidio-colposo
Ti-Press
La difesa ritiene che non si fosse allacciato

È stata colpa del datore di lavoro o della vittima? Ruota attorno a quest’interrogativo il processo tenutosi oggi alla Pretura penale di Bellinzona, riguardo a un tragico fatto di cronaca capitato il 9 agosto 2017, quando un operaio di Dongo è caduto da circa 6 metri di altezza mentre lavorava in un cantiere in via Violino a Manno. L’uomo, cadendo, ha sfondato la copertura di plastica ondulata del tetto finendo al suolo. Per la drammatica sorte toccata al lavoratore, un 58enne cittadino italiano dipendente da circa dieci anni della ditta, il Ministero pubblico, rappresentato dalla procuratrice pubblica Margherita Lanzillo, ha formulato l’accusa di omicidio colposo nei confronti del datore di lavoro. Contraria la difesa: l’avvocato Rossano Guggiari ha chiesto l’assoluzione per il suo assistito, che si è dichiarato non responsabile.

Secondo la tesi difensiva infatti, a essere colpevole in modo preponderante sarebbe la vittima, per non aver indossato i dispositivi anti caduta e per essere andato al di fuori del percorso indicato. Per la pubblica accusa, invece, il posto di lavoro non era a norma di legge. Ad esempio, non disponeva di strumenti di sicurezza o reti contenitive adatte, come confermato dalla Suva e da un perito intervenuti il giorno stesso dell’accaduto. In aula era presente anche la famiglia dello sventurato 58enne, la moglie con i figli, costituitisi accusatori privati. Patrocinati dal proprio legale, hanno chiesto un risarcimento. Lanzillo, dal canto suo, ha chiesto una pena pecuniaria di 90 aliquote sospesa condizionalmente per due anni, annunciando a ‘laRegione’ l’intenzione di andare in Appello qualora la richiesta non venisse accolta. La decisione spetta alla giudice Elettra Orsetta Bernasconi Matti, che pronuncerà la sentenza il prossimo 19 dicembre.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
3 ore
‘Dovete osare, la possibilità di fare bene è concreta’
Le elezioni cantonali e il Congresso del Centro, il presidente Dadò sprona candidati e candidate a scendere in campo. Ovvero, a fare campagna
Ticino
6 ore
‘Approfondiremo il tema, ma così su due piedi sono scettico’
Speziali dice la sua sulla congiunzione delle liste con l’Udc per le ‘federali’. Per il presidente Plr: ‘Differenze piuttosto evidenti tra i due partiti’
Bellinzonese
8 ore
‘Fin lì era filato tutto liscio, poi la bottigliata in testa’
Per il sindaco di Cadenazzo Marco Bertoli, il battibecco di Carnevale sarebbe nato da una sigaretta accesa all’interno del capannone
Bellinzonese
12 ore
Coriandoli ma non solo: a Cadenazzo volano pure pugni e calci
Prima serata di bagordi carnascialeschi segnata da una persona ferita al capannone. Il presidente: ‘Episodio fortunatamente isolato e circosrcritto’
Locarnese
18 ore
Brissago, il bando di pesca finisce imbrigliato nelle reti
Il Tribunale amministrativo concede l’effetto sospensivo al ricorso di un professionista che contesta l’ampliamento dell’area inizialmente concordata
Ticino
1 gior
Città dei mestieri, ‘un punto centrale, ora bisogna irradiarsi’
Presentato il bilancio del terzo anno: in continua crescita gli utenti alla ricerca di informazioni su formazione professionale e mondo del lavoro
Mendrisiotto
1 gior
Truffe per almeno due milioni di franchi: venti mesi sospesi
Condannato alle Assise correzionali di Mendrisio un 67enne per fatti avvenuti tra il 2012 e il 2014. Danneggiate oltre 19 persone.
Ticino
1 gior
Aumento delle stime fiscalmente neutro, oltre 17mila le firme
I promotori dell’iniziativa popolare costituzionale hanno depositato oggi in Cancelleria le sottoscrizioni
Ticino
1 gior
‘La polizia farà la sua parte per ridurre la spesa pubblica’
Lo ha detto Norman Gobbi durante l’annuale Rapporto di Corpo della Cantonale. ‘Positivo il bilancio del 2022 e la capacità di adattamento’
Ticino
1 gior
‘Bandir gennaio’ non bandisce anche i radar
Come ogni venerdì, ecco la lista delle località nelle quali verranno effettuati controlli elettronici della velocità dal 30 gennaio al 5 febbraio
© Regiopress, All rights reserved