laRegione
12.08.22 - 16:47
Aggiornamento: 19:00

Cantoreggi, l’Appello conferma la condanna di primo grado

Pensione La Santa, la corte di secondo grado infligge 4 anni e tre mesi di carcere all’austriaco, per lesioni, omicidio colposo e omissione di soccorso

cantoreggi-l-appello-conferma-la-condanna-di-primo-grado
Ti-Press/Archivio
In una camera della pensione morì Matteo Cantoreggi nel dicembre 2019

Quattro anni e tre mesi di reclusione: la sentenza della Corte di appello e revisione penale (Crp) ha confermato la pena inflitta nel processo di primo grado nei confronti dell’imputato, un uomo di poco più di trent’anni, austriaco, accusato del delitto che ha portato alla morte di Matteo Cantoreggi, avvenuto il 17 dicembre del 2019 alla pensione La Santa di Viganello. La Crp, composta dai giudici Angelo Olgiati (giudice presidente), Ilario Bernasconi e Attilio Rampini (giudici a latere), ha nella sostanza convalidato la condanna dell’imputato per i reati di lesioni, omicidio colposo e omissione di soccorso. La sentenza pronunciata dal giudice Amos Pagnamenta, presidente della Corte delle assise Criminali, il 19 maggio dell’anno scorso ha dunque resistito ai ricorsi preannunciati e successivamente presentati dalla procuratrice Valentina Tuoni e dall’accusatore privato, avvocato Stefano Pizzola.

Scartati l’assassinio e l’omicidio intenzionale

In estrema sintesi, nemmeno il tribunale di secondo grado ha ritenuto sufficientemente provate le accuse di assassinio e di omicidio intenzionale. L’imputato, oggi 37enne, è stato ritenuto colpevole ‘soltanto’, come detto, di lesioni, omicidio colposo e omissione di soccorso. Grossomodo come aveva sostenuto, nel corso dell’arringa, l’avvocatessa della difesa, Letizia Vezzoni. La pubblica accusa aveva invece formulato una richiesta di pena ben maggiore, ossia di 17 anni di carcere, sulla base della tesi secondo cui ci sarebbe stato un piano predefinito, finalizzato a uccidere la vittima, da parte dell’imputato. Una tesi messa in dubbio dall’avvocatessa Vezzoni, che nel suo intervento, pronunciato nel processo dell’anno scorso, aveva fornito una lettura diversa di quanto capitato le sera del 17 dicembre del 2019 alla pensione La Santa di Viganello. La difesa aveva ricordato che i due protagonisti si erano incontrati nel pomeriggio, erano andati assieme a comprare alcol, avevano mangiato e bevuto parecchio. Dopo la cena, la vittima si era recata con una bottiglia da condividere nella camera dell’imputato, con il quale aveva stretto un rapporto di amicizia. Sempre assieme, avevano poi consumato alcol, marijuana e farmaci. Tanto che il tasso alcolemico rilevato nel sangue dell’austriaco quella sera era dell’1,7 per mille, mentre la vittima aveva una percentuale ancora maggiore, ossia il 2,7 per mille.

Aggressore e vittima erano molto alterati

Le condizioni di vittima e imputato, quella sera, erano dunque alquanto alterate. L’imputato, di fronte al giudice Pagnamenta, si era difeso, sostenendo di essere stato aggredito, prima, da Cantoreggi. Poi, lui aveva reagito sferrandogli dai tre ai cinque pugni al volto, o forse di più, stendendo la vittima che si era accasciata sul letto, forse dopo aver sbattuto la testa contro il muro. Nel dibattimento di primo grado, l’imputato non ricordava se la vittima avesse perso conoscenza, ma in seguito lo aveva trascinato lasciandolo sul corridoio. In aula penale, nel maggio 2021, il 37enne non ricordava se Matteo Cantoreggi fosse in condizioni davvero così gravi. Dalle immagini della videosorveglianza, era tuttavia emerso chiaramente che la vittima era incosciente. L’imputato aveva in seguito riportato l’amico sul letto, mettendolo su un fianco, affinché non soffocasse a causa del vomito. Evidentemente, non si era reso conto che la vittima stava veramente male. Successivamente, come noto, Cantoreggi è deceduto a causa del soffocamento dovuto al sangue causato dalle ferite inferte dall’imputato.

Leggi anche:

Morto a Viganello, regolamento di conti tra tossicodipendenti

Delitto Cantoreggi, cade l'assassinio. Pena di 4 anni e 3 mesi

Delitto Cantoreggi, la difesa respinge l'assassinio

Delitto Cantoreggi, l'accusa chiede 17 anni: l'ha massacrato

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
4 ore
Cassa pensioni pubblica, ‘più che un pilastro è un grissino’
Oltre 3mila dipendenti dello Stato in piazza a Bellinzona per protestare contro il taglio del 20% alle pensioni, il secondo in 15 anni.
Ticino
4 ore
La varesina Lara Comi ritorna a Bruxelles
Il dopo elezioni in Italia e gli effetti del ciclone Meloni
Ticino
5 ore
Al telescopio per ammirare Luna, Giove e Saturno
Riprendono le osservazioni astronomiche notturne alla Specola solare Ticinese. La prima venerdì 30
Mendrisiotto
5 ore
Un principe poco da favola di un regno di bugie
Chiesti 7 anni di carcere per il sedicente erede del re d’Etiopia, accusato di aver truffato tre imprenditori del Mendrisiotto per quasi 13 milioni
Ticino
6 ore
Il preventivo di oggi, le lacrime e sangue di domani
Il Consiglio di Stato presenta una previsione coerente con gli impegni, ma i partiti sono preoccupati. Le reazioni di Plr, Ps, Centro, Lega, Udc e Verdi
Bellinzonese
6 ore
Cima Piazza Giubiasco, allungare la staccionata ‘non è escluso’
L’incidente capitato a un bambino fa riflettere sulla sicurezza dell’area, anche se nei pressi di una zona a 30 km/h non sono obbligatorie recinzioni
Mendrisiotto
6 ore
Il Basso Mendrisiotto prende tempo per studiare le opportunità
Entro fine ottobre i Comuni interessati dovranno decidere se partecipare o meno a un possibile studio aggregativo
Luganese
7 ore
Il direttore di scuola media fa sapere che vuole collaborare
Dopo l’incontro fra le famiglie e le istituzioni permangono molte domande, e tanta rabbia, dopo l’arresto del 39enne luganese
Luganese
7 ore
PatriziAmo, manifestazione al via (in presenza) a Lugano
Quindici Patriziati di Lugano da venerdì nel patio del Municipio per farsi conoscere e per offrire i propri prodotti locali
Grigioni
7 ore
Nell’Alto Moesano due giovani lupi potranno essere abbattuti
L’Ufficio federale dell’ambiente ha concesso oggi l’autorizzazione per regolare il branco di Moesola, presente a sud del Passo del San Bernardino
© Regiopress, All rights reserved