laRegione
06.10.22 - 17:46
Aggiornamento: 18:10

Lugano, accoltellamento Manor: l’accusa annuncia l’appello

Il Ministero pubblico della Confederazione si tiene aperta la possibilità di dichiarare l’appello una volta ricevuta la sentenza motivata scritta

lugano-accoltellamento-manor-l-accusa-annuncia-l-appello
Ti-Press
Correva il 24 novembre del 2020

Non è ancora definitivamente chiuso il caso dell’accoltellamento alla Manor di Lugano del 24 novembre 2020. Forse. Il Ministero pubblico della Confederazione (Mpc) ha infatti presentato annuncio ufficiale d’appello, entro i termini di legge che scadevano venerdì scorso. Non si tratta, al momento, di una dichiarazione d’appello. Quest’ultima riaprirebbe sostanzialmente il caso portandolo al secondo grado, ossia alla Corte d’appello del Tribunale penale federale (Tpf) di Bellinzona. L’annuncio invece permette, per il momento, di mantenere aperta questa possibilità.

Si andrebbe, in tutti i casi, al 2023

La notizia ci è stata confermata quest’oggi sia dall’Mpc sia dal Tpf, che ha precisato che l’annuncio di appello è stato presentato solo dalla pubblica accusa, rappresentata dalla procuratrice federale Elisabetta Tizzoni. Non si è avvalsa di questa facoltà invece la difesa, ossia gli avvocati Daniele Iuliucci e Simone Creazzo. Affinché si arrivi eventualmente al processo di secondo grado, in ogni caso, devono passare ancora diversi mesi. La Corte di primo grado del Tpf – composta dai giudici Fiorenza Bergomi (presidente), Roy Garré e Monica Galliker – ha infatti tre mesi di tempo per inoltrare alle parti la sentenza motivata scritta. Quella orale è stata pronunciata il 19 settembre scorso, c’è quindi tempo fino a metà dicembre circa. Una volta ricevuta la sentenza motivata, l’Mpc avrà altri venti giorni per decidere se trasformare l’annuncio in dichiarazione, motivando anche le ragioni del proprio appello. La palla passerebbe poi nel campo della difesa, che avrebbe poi a sua volta la possibilità in ulteriori venti giorni di dichiarare il cosiddetto appello adesivo. Si andrebbe, dunque, in tutti i casi al 2023. A meno che la sentenza motivata non arrivi in tempi particolarmente brevi, cosa che sembrerebbe non molto probabile vista la complessità del caso e la durata stessa del processo in primo grado.

‘Duplice tentato assassinio a sfondo jihadista’

L’imputata, ricordiamo, è stata condannata a nove anni di detenzione e a una multa di 2’000 franchi per ripetuto tentato assassinio, violazione della Legge federale che vieta i gruppi ‘al-Qaida’ e ‘Stato Islamico’ nonché le organizzazioni associate, come pure per ripetuto esercizio illecito della prostituzione. La sua colpa principale è dovuta a quanto ha compiuto al quinto piano dei grandi magazzini cittadini quasi due anni fa, quando ha intenzionalmente tentato di uccidere con un coltello da cucina acquistato poco prima due donne. Lo scopo era decapitarle, inneggiando all’Isis. Fortunatamente la donna non è riuscita nel suo intento, ferendo tuttavia in maniera seria una delle vittime. Il caso, che dalla sera stessa è stato definito dalle autorità cantonali e federali di polizia come sospetto atto di terrorismo, ha fatto il giro del mondo. E anche la Corte presieduta da Bergomi enunciando la sentenza ha definito i fatti «duplice tentato assassinio a sfondo jihadista».

Gravi turbe psichiatriche

Durante il procedimento sono emersi per contro i gravi problemi psichiatrici che affliggono la 29enne accoltellatrice, al punto che le è stata diagnosticata una scemata imputabilità di grado medio. La difesa si è appellata in maniera importante alle turbe della donna, chiedendo una condanna di otto anni per ripetuto tentato omicidio intenzionale e non assassinio, come poi effettivamente stabilito dai giudici. L’accusa aveva invece chiesto quattordici anni di detenzione, sostenendo che i disturbi psichiatrici non impediscono di considerare l’aggressione un atto terroristico, tesi poi confermata dalla Corte. Per via dei suoi disturbi, l’imputata è stata anche condannata a un trattamento stazionario da eseguirsi in struttura chiusa, nonché al pagamento del torto morale stabilito in 30’000 franchi alla vittima principale.

Leggi anche:

'Ho visto una donna a terra nel sangue, un'altra con un coltello'

‘È un duplice tentato assassinio a sfondo jihadista’

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Mendrisiotto
57 min
Morbio Inferiore, si accende la discussione sul moltiplicatore
Il Municipio propone due punti in meno. La minoranza della Gestione: ‘scelte mirate senza scivolare in tentazioni propagandistiche’. Ultima parola al Cc
Locarnese
57 min
Tegna, l’ultimo grido del presidente: ‘Salviamo il campo!’
Marco Titocci ha firmato da solo il rapporto di minoranza commissionale sul messaggio con le varianti di Pr nel comparto Maggia-Melezza
Luganese
57 min
Un laghetto di Muzzano sempre più... “nature”
Intervento in vista per la riva nord-est, prosegue il programma di valorizzazione avviato vent’anni fa
Mendrisiotto
10 ore
Evasione fiscale in un locale a luci rosse di Chiasso
Le prime indicazioni parlano di diversi milioni di franchi non dichiarati. Sequestrato materiale informatico.
Ticino
10 ore
‘In Gendarmeria mancano effettivi’
Gli agenti affiliati all’Ocst chiedono le necessarie risorse affinché la Cantonale possa operare in modo adeguato. Il sindacato ha ora due copresidenti
Locarnese
11 ore
Locarno, arrestata la vittima del pestaggio in Rotonda
Il 26enne dello Sri Lanka è stato trasferito in Ticino su ordine della Procura. Per lui, che nega ogni addebito, si ipotizza l’accusa di tentato omicidio
Ticino
12 ore
Amalia Mirante è pronta per presentare ‘Avanti’
Questo il nome che l’ex esponente del Partito socialista ha scelto per il suo ‘movimento’. I contenuti verranno presentati lunedì
Ticino
12 ore
Fra le caselle dell’avvento occhio a non aprir quella dei radar
L’elenco delle località dove settimana prossima verranno eseguiti controlli
Luganese
12 ore
‘Casinisti’ attenti, a Lugano arriva il ‘rumorometro’
Il nuovo dispositivo, già testato nei primi due mesi di quest’anno, ha lo scopo di ridurre preventivamente il rumore causato dagli automobilisti
Ticino
13 ore
Livelli, Sirica furioso: ‘Speziali inaffidabile e pavido’
Il copresidente Ps critica duramente la ‘sfiducia’ del presidente Plr al messaggio governativo per la sperimentazione del loro superamento alle Medie
© Regiopress, All rights reserved