laRegione
24.09.22 - 17:29

Arogno, il sentiero resta: respinto il ricorso di Franco Masoni

L’ex consigliere agli Stati riteneva illegittimo il ‘declassamento’ di una strada sterrata per raggiungere la sua proprietà

arogno-il-sentiero-resta-respinto-il-ricorso-di-franco-masoni
Ti-Press

Il Tribunale federale, in una recente sentenza, ha respinto il ricorso presentato dall’avvocato Franco Masoni, contro il ‘declassamento’ nel Piano regolatore a sentiero di una strada che collega una sua proprietà ad Arogno. È questo l’epilogo di una controversia legale che ha visto l’ex consigliere agli Stati contestare le decisioni prima del Comune di Arogno, presso le istanze cantonali, Governo e Tribunale amministrativo. Decisiva, per l’esito negativo della sentenza, è stata... una distrazione della famiglia Masoni rispetto al cambiamento di Piano regolatore approvato nel 2009 dal Consiglio comunale di Arogno (e ratificato successivamente dal Consiglio di Stato).

Il fatto che i proprietari dei fondi non fossero stati informati dalla procedura - e quindi, secondo l’istante, impossibilitati a difendere i loro diritti - non sarebbe, secondo il Tribunale federale, un argomento utile per ribaltare il risultato della precedente sentenza. Contrariamente quanto prevede l’attuale normativa, la precedente Legge cantonale di applicazione della legge federale sulla pianificazione del territorio (Lalpt), successivamente modificata, non conteneva infatti un obbligo di informazione verso i proprietari. Un obbligo che, come precisano i giudici di Mon Répos "incombeva a questi ultimi" che avrebbero dovuto "interessarsi costantemente riguardo alla situazione giuridica dei loro fondi". Vano di conseguenza il ricorso presentato dall’avvocato Masoni al Tribunale federale, che non può addentrarsi in scelte pianificatorie già cresciute in giudicato anche perché, ricorda: "Per poter essere ritenuta come arbitraria, la violazione del diritto dev’essere manifesta ed essere accertabile di primo acchito", cosa che non appare evidente nel caso di Arogno.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
1 min
‘No a qualsiasi scenario che impedisca al popolo di votare’
Marina Carobbio e il (molto probabile) seggio vacante al Consiglio degli Stati post Cantonali, il presidente cantonale dell’Udc pianta già qualche paletto
Locarnese
1 ora
La ‘trappola’ in via Arbigo: ‘Il mio cane poteva morire’
Brutta esperienza per una giovane di Losone, che portando a spasso l’amico a 4 zampe ha evitato per poco che ingoiasse una penna ‘travestita’ da boccone
Ticino
2 ore
Superamento dei livelli, parla Bertoli: ‘Serve segnale chiaro’
Dopo il niet di Speziali e le critiche di sindacati e docenti, il direttore del Decs: ‘Pronto a fugare ogni dubbio, la politica non meni il can per l’aia’
Mendrisiotto
2 ore
Novazzano ‘non è meno sicuro di altri comuni’
Durante il Consiglio comunale di lunedì il Municipio ha risposto a un’interpellanza sulla rapina avvenuta il 28 novembre in un’abitazione.
Luganese
3 ore
Lugano, folle fuga sotto l’influsso di cocaina: condannato
La Corte delle Assise criminali ha inflitto al 25enne ventitré mesi sospesi con la condizionale. L’imputato ha ammesso tutti i fatti.
Grigioni
3 ore
Frana in Val Calanca, iniziato lo sgombero della strada
Due escavatrici sono entrate in azione dopo l’esclusione del pericolo imminente di altri crolli. Obiettivo riaprire la carreggiata prima del weekend
Ticino
4 ore
In carcere in Ticino per spaccio dopo l’estradizione dall’Italia
Sul 36enne residente in Italia pendeva un mandato di cattura internazionale emesso dalla Magistratura ticinese
Bellinzonese
6 ore
Gottardo Arena, approvato il principio dei posteggi a pagamento
Luce verde alla convenzione tra Comune e Hcap. Slitta però a lunedì il voto sul messaggio per permettere di applicare la tassa in occasione delle partite
Grigioni
7 ore
Quasi 300’000 franchi ai media del Grigioni italiano
Il Gran Consiglio retico intende rispondere alla difficile situazione in cui si trovano i mezzi di comunicazione
Locarnese
7 ore
Bosco Gurin riparte dopo due stagioni difficili
Nel fine settimana, grazie alle copiose nevicate, impianti aperti. Dimenticata la pandemia e l’inverno 2021/22 dalle temperature estive, c’è grande attesa
© Regiopress, All rights reserved