laRegione
19.07.22 - 14:51
Aggiornamento: 18:32

Presidio oggi a Lugano per i 10 anni dell’esperienza del Rojava

Il collettivo Rojava vive - Kollettiva Jiyan ha indetto per oggi alle 17.30 una manifestazione di fronte al consolato svedese in via Nassa

presidio-oggi-a-lugano-per-i-10-anni-dell-esperienza-del-rojava

Il collettivo Rojava vive - Kollettiva Jiyan, "rispondendo alla chiamata internazionale per i 10 anni di rivoluzione sociale in Rojava", ha indetto un presidio per oggi martedì 19 luglio 2022 alle ore 17.30 davanti al consolato della Svezia in via Nassa 17 a Lugano.

Nel comunicato odierno, il collettivo ricorda l’esperienza di alcune zone del Kurdistan, in particolare nel Rojava, nel Nord della Siria, dove è stato instaurato un modello di autogestione e autodeterminazione dal basso definito Confederalismo democratico: un modello difeso dal partito dei Lavoratori del Kurdistan (Pkk) che, e questa è la contestazione principale del collettivo, viene invece considerato dalla Turchia un gruppo terroristico.

Lo spunto per la manifestazione arriva dalla recente decisione della Svezia e della Finlandia, in seguito alla richiesta di adesione alla Nato, di accettare un accordo trilaterale con la Turchia, ciò che i militanti definiscono "un ricatto": secondo Rojava vive, la Turchia "sfruttando la formula ‘minaccia alla sicurezza nazionale’ (per giustificare ogni operazione militare e invasione in Rojava, in Nord Iraq e le operazioni contro l’opposizione interna), ha piegato Svezia e Finlandia alle seguenti richieste: condannare il PKK e i gruppi sostenitori; consegnare i rifugiati politici curdi e le persone sospettate di terrorismo alla Turchia; impegnarsi a fomentare la disinformazione su gruppi definiti terroristici; annullare il loro embargo sulle armi". Svezia e Finlandia, per il collettivo, "hanno dunque deciso di sacrificare e tradire i cittadini curdi e i sostenitori della loro rivoluzione, consegnandoli al carnefice Erdogan".

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
30 min
‘Il Servizio violenza domestica della Cantonale va potenziato’
Tamara Merlo e Maura Nembrini Mossi: ‘250mila franchi in più per raddoppiare le unità’. Più Donne propone un emendamento al Preventivo 2023
Ticino
1 ora
Previdenza, ‘scendiamo in piazza contro la tattica del salame’
‘E perché la fetta è ampia ma la torta inconsistente’. La Rete a difesa delle pensioni lancia la seconda mobilitazione per opporsi ‘ai tagli alle rendite’
Ticino
2 ore
Parte il treno rossoverde, ‘sui livelli giochi politici’
Partito socialista e Verdi lanciano la campagna elettorale. Noi: ‘Saremo la novità’. Riget: ‘Il Mendrisiotto incarna le emergenze da affrontare’
Bellinzonese
2 ore
A Sementina scocca l’ora della tanto attesa nuova scuola
Il Municipio di Bellinzona rispedisce al mittente la critica e il timore che si voglia procedere con una soluzione d’urgenza provvisoria
Grigioni
5 ore
La strada della Calanca riaperta già oggi alle 16
Lo ha deciso l’Ufficio tecnico cantonale: ultimati prima del previsto i lavori di sgombero e di parziale ripristino
Luganese
5 ore
Lugano, 1’330 firme contro l’aumento di gas ed elettricità
L’Mps consegna la petizione e chiede di bloccare il rialzo dei costi dei beni di prima necessità, che colpisce le famiglie con redditi bassi e medi
Locarnese
11 ore
Si (ri)alza forte, la Vos da Locarno
Lo storico coro cerca il rilancio dopo un periodo difficile dovuto in particolare alla pandemia, che ne ha dimezzato gli effettivi. ‘Ma l’entusiasmo c’è’
Ticino
16 ore
Un ‘audit’ cantonale per i diritti umani
Domani all’Usi si discuterà di come fare per migliorarne il rispetto anche a livello locale. Tra gli ospiti anche la ginevrina Léa Winter
Luganese
16 ore
Lugano, l’appello: ‘La bici è la mia compagna, ritrovatemela’
La storia di Chiara e della sua e-bike, rubata alla Stazione Ffs e rivenduta. ‘La Polizia mi ha detto di dimenticarmela ma io non mi arrendo’
Grigioni
23 ore
Parco Calanca avanti tutta: il sì dell’associazione alla Charta
L’assemblea dei delegati ha votato all’unanimità lo strumento pianificatorio. Il 29 gennaio parola alla popolazione. Se avallato, il dossier andrà a Coira
© Regiopress, All rights reserved