laRegione
laR
 
07.05.22 - 05:30

Medio Malcantone, rapporto sull’aggregazione in autunno

Sabato 14 maggio i cittadini di Astano, Bedigliora, Curio, Miglieglia e Novaggio incontreranno la Commissione di studio

medio-malcantone-rapporto-sull-aggregazione-in-autunno
archivio Ti-Press
Una veduta su Novaggio

«Vogliamo dare alla popolazione la possibilità di esprimersi per capire quali sono le loro aspettative e preoccupazioni riguardo all’aggregazione del Medio Malcantone». Per i cittadini di Astano, Bedigliora, Curio, Miglieglia e Novaggio questa possibilità arriverà sabato 14 maggio, dalle 8.30 alle 13.30, in occasione di una giornata di studio promossa alle scuole Medie di Bedigliora dalla Commissione di studio che sta lavorando al progetto dal marzo 2021. «La Commissione – spiega il coordinatore e sindaco di Novaggio Andrea Pozzi – ha organizzato dei gruppi di lavoro composti in parte da municipali e anche da cittadini che hanno elaborato dei rapporti di gruppo su temi legati a territorio; finanze; servizi, socialità, scuole; e istituzioni». I risultati confluiranno in un rapporto attualmente in fase di preparazione («con il sostegno di una società esterna») che, stando almeno alle intenzioni della stessa Commissione, dovrebbe essere pronto entro l’autunno per poi essere presentato ai vari Municipi. «Nel corso del 2023 dovremmo avere le decisioni dei consigli comunali (o delle assemblee, di Astano e Miglieglia) per arrivare a una votazione consultiva, e quindi capire se e come andare avanti, verso la fine dell’anno prossimo». Se la tempistica verrà confermata, e il progetto approvato dal Consiglio di Stato, la legislatura verrà verosimilmente prolungata di qualche mese e le elezioni comunali del 2024 posticipate.

Giornata di informazioni e ascolto

La giornata del 14 maggio, aggiunge Pozzi, «è intesa come una raccolta d’informazioni rispetto a quelle che sono le aspettative e le preoccupazioni dei cittadini». L’approccio scelto è quello «partecipativo» e coinvolgerà una settantina di partecipanti, tra municipali, consiglieri comunali e rappresentanti della società civile (gli ‘stakeholder’). «L’idea è quella di creare dei tavoli tematici, attorno ai quali le persone potranno discutere ed esprimere le loro parole chiave e le loro preoccupazioni. Da parte nostra – sottolinea il sindaco di Novaggio – «cercheremo di far emergere quello che potrebbe essere utile per completare il rapporto di studio finale, capire che aria tira e quali sono gli argomenti delle eventuali voci critiche che saranno presenti. Un po’ le abbiamo già sentite perché qualcuno si è manifestato, ma c’è anche chi vede la prospettiva di cambiamento con ottimismo». Pozzi tiene a precisare che «non vogliamo imporre nulla: questa giornata è stata voluta e organizzata dalla Commissione e l’idea è soprattutto quella di essere all’ascolto».

Proposto il nome Lema

Il nome proposto dalla Commissione di studio per il Comune aggregato è Lema. Come spiegato in una lettera informativa recapitata alla popolazione, "alzando lo sguardo abbiamo trovato una soluzione che trova il consenso di tutta la Commissione: Lema. Come il monte che caratterizza e protegge la nostra regione". Anche in questo caso la popolazione dei cinque Comuni è coinvolta dato che "ci piacerebbe sapere cosa ne pensate". I cittadini hanno a disposizione l’indirizzo di posta elettronica aggregazione@novaggio.ch per comunicare pareri, idee e suggestioni. Da pochi giorni è online anche il sito aggregazionelema.ch dove, oltre a documenti d’archivio e alla presentazione dei comuni coinvolti, saranno pubblicati informazioni e documenti per aggiornare gli interessati fino all’eventuale votazione consultiva.

Il disegno del Medio Malcantone

Il rapporto, ancora provvisorio, come disegna il comprensorio di studio? «Emerge che abbiamo una realtà omogenea per diversi aspetti – risponde Pozzi –. I nostri Comuni sono tutti abbastanza simili per forza finanziaria, gettito fiscale pro capite e caratteristiche di popolazione. Abbiamo un territorio soprattutto a vocazione residenziale e turistica, non abbiamo molte persone giuridiche per cui il nostro gettito è legato a famiglie e residenti». Uno degli obiettivi è quello di «promuovere senza stravolgere la qualità del territorio migliorando ulteriormente i servizi e valorizzando quello che abbiamo. L’idea è che insieme si possa fare meglio e che con un’organizzazione migliore ci guadagniamo tutti». Non da ultimo, annota ancora il sindaco, «verrebbe risolta la questione generale della mancanza di vocazioni per la partecipazione politica. Grazie all’aggregazione potremo avere un Municipio e un Cc composti da persone entusiaste e competenti».

‘Cambiamenti importanti’ rispetto al 2003

Nel passato dei cinque Comuni c’è un precedente. Nel 2003 le urne restituirono un voto favorevole a Miglieglia e Bedigliora e contrario ad Astano, Novaggio e Curio. «Ognuno ha la sua opinione, mi rendo conto che i cambiamenti possono fare paura – commenta ancora Pozzi –. Rispetto ad allora, nella nostra regione ci sono stati cambiamenti importanti: i Comuni di Tresa e Alto Malcantone si sono aggregati, mentre Caslano e Pura sono cresciuti. I nostri rimangono comuni piccoli con delle difficoltà strutturali. Insieme arriveremmo ad avere circa 2’600 abitanti con un territorio abbastanza grande che potremmo promuovere e riorganizzare al meglio». L’idea di Andrea Pozzi è quella di «avere un Comune che offre molto e dove è bello abitare».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Bellinzonese
13 ore
Ad Airolo-Pesciüm l’inverno scatta il 16 dicembre
Una nuova stagione invernale ricca di interessanti proposte e attività per tutti gli amanti della neve scalpita
Locarnese
13 ore
Ascona, inaugurato il Centro diurno socio-assistenziale
Offre una sessantina di appartamenti a pigione moderata a persone anziane o invalide. Promotrice è la Parrocchia, a gestirlo è la Fondazione San Clemente
Bellinzonese
15 ore
La casa Aranda di Giubiasco festeggia un’ultracentenaria
Erminia Addor di Cadenazzo mercoledì 7 dicembre ha superato la bella età di 102 anni attorniata dai familiari
Locarnese
16 ore
Centovalli, riaperta la strada
Dopo lo smottamento di martedì sera, i lavori di sgombero sono stati eseguiti e la tratta fra Camedo e il bivio di Palagnedra è di nuovo percorribile
Mendrisiotto
16 ore
Chiasso, per riaprire la piscina è urgente investire
La richiesta di credito ammonta a 582mila franchi e sarà votata il 19 dicembre. Verrà chiesto aiuto ai comuni convenzionati
Ticino
16 ore
In Ticino 1’483 nuovi contagi Covid e cinque decessi
I posti letto occupati da pazienti con Coronavirus sono 141, per un +23% rispetto alla scorsa settimana. Sei i pazienti che si trovano in cure intense
Luganese
1 gior
Viganello, restano grigie le facciate di Casa Alta
Trovato il compromesso, che prevede la rinuncia al tinteggio blu, dopo l’incontro tra Cantone, Città e presidente dell’assemblea dei proprietari
Grigioni
1 gior
A San Bernardino (e non solo) mercato immobiliare congelato
Dopo tre intensi anni di compravendite, oggi la forte domanda non trova più offerta. Vigne dell’Ente turistico: ‘Qui come nel resto del Moesano’
Bellinzonese
1 gior
Pedone investito sulle strisce a Bellinzona. Ferite serie
L’uomo è stato travolto da un’auto su un passaggio pedonale di viale Portone. Chiuso un tratto di strada
Mendrisiotto
1 gior
Intercity, un treno chiamato desiderio. Oggi esaudito
Il via libera della Camera alta alle fermate nel Distretto fa gioire i sindaci di Chiasso e Mendrisio. Che rinviano il confronto sulle stazioni
© Regiopress, All rights reserved