laRegione
02.05.22 - 11:51
Aggiornamento: 15:36

‘Appena rientrato da Mariupol’, imputato diserta ancora l’aula

Un falso fiduciario condannato in contumacia alle Assise Criminali di Lugano a 3 anni di detenzione ed espulso. ‘Ha ignorato il diritto societario’

appena-rientrato-da-mariupol-imputato-diserta-ancora-l-aula
Ti-Press
Processato in contumacia come previsto dalla procedura

«È appena rientrato ieri sera da Mariupol, dove si trova la famiglia della sua compagna, e non se l’è sentita di presentarsi stamane a processo». Così l’avvocatessa Deborah Gobbi, legale di un cittadino italiano 60enne, ex amministratore unico di una società radiata dal registro di commercio, che per anni ha svolto l’attività di fiduciario senza autorizzazioni, atteso oggi in aula dalla Corte delle Assise criminali di Lugano, ha prospettato l’assenza del proprio assistito al presidente, Siro Quadri. Trattandosi della seconda citazione – già lo scorso 14 marzo aveva disertato l’aula perché si trovava in Ucraina, invasa e bombardata dalla Russia –, la Corte ha disposto di dare avvio al processo in contumacia come prevede la procedura.

La parola è passata direttamente al procuratore pubblico, Daniele Galliano, che ha proposto nei confronti dell’imputato 3 anni di carcere, dei quali 18 mesi sospesi con la condizionale per un periodo di prova di tre anni e la rimanenza da espiare e l’espulsione dalla Svizzera per 7 anni. Il magistrato ha richiesto la conferma integrale dell’atto d’accusa per i reati di ripetuta amministrazione infedele, cattiva gestione, falsità in documenti, omissione della contabilità, inganno nei confronti dell’autorità e ripetuta appropriazione indebita di imposte alla fonte. «È venuto in Svizzera solo per combinare disastri e poi se n’è andato lasciando la società in un sacco di debiti» – ha evidenziato nella sua requisitoria il procuratore pubblico. Per il magistrato, il 60enne era in palese conflitto di interessi, ha svuotato una società per salvarne un’altra, compiendo falsità in documenti e falsificando i libri contabili». L’avvocatessa di difesa si è dal canto suo rimessa sostanzialmente ai giudici per la commisurazione della pena, richiedendo alla Corte di tenere conto del difficile momento patito dal suo assistito a causa della guerra.

Due milioni di franchi di danni

Il giudice Quadri ha confermato in toto la richiesta del pp Galliano e la proposta di pena da lui formulata. E in sede di sentenza ha commentato: «L’imputato è stato in Svizzera a occuparsi per tre anni di finanza e ha ignorato tutto quanto del diritto societario. Quando si è amministratori unici bisogna assumersi precise responsabilità e salvaguardare le società. I reati dell’atto d’accusa si confermano completamente. La colpa dell’imputato è grave perché ha approfittato della fiducia di un amico che gli aveva affidato carta bianca nella gestione della società. L’imputato ha prodotto due milioni di franchi di danni nell’arco di diversi anni, tra il 2016 e il 2020».

Leggi anche:

Ha parenti in Ucraina, la Corte rinvia il processo a Lugano

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
52 min
Caccia alta, sei persone denunciate per gravi infrazioni
Il Dipartimento del Territorio rende noti i dati sulla stagione appena conclusa. Abbattuti più cervi rispetto al 2021, meno cinghiali e camosci
Luganese
1 ora
Direttore arrestato: ‘Si crei uno sportello per genitori’
Per la Conferenza cantonale dei genitori è importante che si riduca il rischio di situazioni simili. Contrastanti, intanto, le reazioni dei genitori.
Ticino
4 ore
Crisi energetica e telelavoro, Ocst: ‘Vigili sì, preoccupati no’
Dal sindacato cristiano sociale un webinar informativo. Isabella: ‘Non c’è giurisprudenza, partenariato importante’. Alari: ’Le spese preoccupano’
Ticino
4 ore
Sicurezza e prevenzione: gli occhi e le orecchie del Gpn
Gestione della minaccia: ruolo e missione del gruppo di specialisti della Polizia cantonale. Al quale il governo vuole ora dare una chiara base legale
Luganese
11 ore
Lugano: in arrivo Expo Ticinotour, grande fiera vintage
L’evento è in programma sabato 1° ottobre al Padiglione Conza: oltre 120 espositori, food-truck, bar, sala giochi, veicoli d’epoca e molto altro
Ticino
13 ore
‘Non si aggiungano ulteriori materie di studio al Liceo’
Tra ‘grandi scetticismi’ e ‘totale concordanza’, il Cantone risponde alla consultazione federale in merito alla Revisione dell’Ordinanza sulla maturità
Luganese
14 ore
Lugano, da Radio Rsi a Città della Musica con 21 milioni
Licenziato il messaggio municipale per l’acquisto dello storico stabile di Besso. Un’operazione che, spiega Badaracco, genererà 55 milioni di investimenti
Gallery
Grigioni
14 ore
A lezione d’integrazione sui banchi di Roveredo
Da lunedì tredici adolescenti fuggiti dall’Ucraina hanno iniziato a districarsi fra matematica e italiano nel padiglione 1 della Casa di cura Immacolata
Bellinzonese
15 ore
Osogna, ‘con macchinisti istruiti si riducono gli infortuni’
È stato inaugurato ufficialmente il Centro di formazione professionale Macchine della Ssic Ticino che, inoltre, valorizza una regione periferica
Mendrisiotto
15 ore
‘Il palazzo reale delle menzogne’, 6 anni al principe Selassié
La Corte delle Assise criminali di Mendrisio lo ha riconosciuto colpevole e condannato per truffa per mestiere e falsità in documenti
© Regiopress, All rights reserved