laRegione
03.04.22 - 17:59

Lugano concede la colonia di Breno ai profughi ucraini

Il Municipio cittadino in accordo con l’esecutivo di Alto Malcantone tende la mano a chi fugge dalla guerra e prepara il terreno per l’integrazione

lugano-concede-la-colonia-di-breno-ai-profughi-ucraini
Ti-Press/Archivio
Una veduta dall’alto di Breno, frazione di Alto Malcantone

Il Municipio di Lugano, in accordo con l’esecutivo di Alto Malcantone, ha messo a disposizione del Cantone, a partire da oggi, lunedì 4 aprile, la scuola fuori sede di Breno, di proprietà della Città, per la prima accoglienza dei rifugiati ucraini. Le autorità politiche dei due Comuni hanno avvisato e ringraziato anticipatamente la popolazione. L’arrivo in Ticino delle persone in fuga dall’Ucraina devastata dalla guerra ha suscitato la reazione umanitaria di numerose persone, mobilitando la solidarietà di Comuni e cittadinanza. Rispondendo alla richiesta del Cantone – alla ricerca di strutture pubbliche di accoglienza – la Città di Lugano ha deciso, in accordo con le autorità di Alto Malcantone, di mettere a disposizione la Scuola verde situata in territorio di Breno.

Ospitalità fino al 31 luglio

Fino al prossimo 31 luglio, la colonia – che ha festeggiato i 100 anni nel 2018 – ospiterà una trentina di profughi ucraini, soprattutto donne e bambini, che giungeranno a gruppi. Il Cantone deciderà quali profughi saranno indirizzati a Breno, quale sarà la durata del soggiorno e la successiva assegnazione a un alloggio definitivo, facendo capo anche a quelli messi a disposizione dai privati. Lo scopo della prima accoglienza è quello di fornire ai rifugiati sostegno e informazioni, avviando il processo d’integrazione. Il coordinamento della sede è stato affidato alla Protezione civile Lugano Città e l’operatività è garantita anche dal personale già impiegato nella struttura. Una giornata alla settimana un operatore scolastico proporrà ai profughi attività di conoscenza del territorio. La Città ha di conseguenza annullato la tradizionale settimana verde fuori sede degli alunni di terza elementare. In sostituzione del soggiorno a Breno, l’Istituto scolastico di Lugano proporrà agli alunni delle attività diurne alternative, quali escursioni nel Luganese e in particolare nel Malcantone, attività sportive e ricreative nella natura, visite nei musei e un’uscita in battello, grazie alla Società Navigazione Lago di Lugano.

‘Ora, come con i soldati polacchi’

Giovanni Berardi, sindaco di Alto Malcantone, interpellato dalla Regione, assicura che «la popolazione è stata informata, siccome l’arrivo di un certo numero di persone sul territorio avrà un impatto, poi vorremmo essere pronti a interagire con loro. Per il Malcantone, è una sorta di analogia di quanto successo durante la Seconda guerra mondiale quando, attraverso il Jura, giunsero diversi soldati polacchi che vennero smistati nei cantoni e anche qui. Come allora vennero accolti bene dalla popolazione i soldati che riuscirono a farsi voler bene realizzando diverse opere nel territorio, anche oggi vorremmo che non ci siano problemi e che l’accoglienza funzioni bene. Abbiamo già dei volontari che si sono messi a disposizione per proporre momenti di animazione o supporti di vario genere».

Struttura nata nel 1900

La colonia climatica luganese è nata nel 1900, per accogliere i bambini delle fasce meno abbienti e fornire loro cure e nutrizione adeguate in un contesto di vita sano. Dopo un primo periodo in Capriasca, nel 1918 è stata trasferita a Breno. Fra la prima e la seconda guerra mondiale la struttura ha accolto fino a 240 bambini. Dall’inizio degli anni 90 del secolo scorso l’edificio ospita la Scuola verde, dove le classi III elementari delle scuole luganesi seguono una settimana di attività didattiche incentrate su geografia, storia e conoscenza del territorio. Per una durata di circa tre mesi, la scuola verde accoglierà ora i rifugiati ucraini.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Grigioni
5 ore
Parco Calanca avanti tutta: il sì dell’associazione alla Charta
L’assemblea dei delegati ha votato all’unanimità lo strumento pianificatorio. Il 29 gennaio parola alla popolazione. Se avallato, il dossier andrà a Coira
Luganese
6 ore
Massagno, si è spento Paolo Grandi
Aveva 82 anni. Promotore e presidente dell’associazione Carlo Cattaneo, fondò la delegazione ticinese dell’Accademia italiana della cucina
Mendrisiotto
7 ore
Per l’ente turistico un ‘Preventivo 2023 prudente’
Molte incertezze date dalla situazione internazionale. Previsto un disavanzo di oltre 60mila franchi. Circa i pernottamenti il 2022 si prospetta positivo.
Grigioni
7 ore
Grono mira a rendere meno cara la vita ai suoi cittadini
Popolazione preoccupata in particolare dall’aumento della bolletta elettrica. Moltiplicatore: il Municipio propone di ridurlo al 90%
Luganese
8 ore
Lugano, carovita al 2,5% per i dipendenti della Città
Il Municipio adegua le scale salariali del personale e il presidente della Commissione Fabio Schnellmann esprime soddisfazione
Bellinzonese
9 ore
Esplode la spesa ‘perché il Municipio non ha fatto i compiti’
Preventivo ’23 di Bellinzona: la maggioranza Plr, Sinistra e Centro della Gestione giudica troppo blanda la spending review e teme misure drastiche
Locarnese
9 ore
Il Museo di Val Verzasca nominato all’EMYA 2023
Tra i sette istituti culturali svizzeri iscritti per il prestigioso riconoscimento europeo vi è anche la struttura con sede a Sonogno
Ticino
12 ore
Un appello per l’Ucraina (e contro Putin)
È quello reso pubblico da Verdi, Ps, Mps e altre formazioni progressiste in previsione della Giornata mondiale dei diritti umani
Locarnese
13 ore
Hangar 1, il Cantone risponde alle Città
Sul futuro dell’aviorimessa all’Aeroporto di Locarno, il CdS ha raggiunto un’intesa con la Aelo Maintenance, che si occuperà della ricostruzione
Bellinzonese
1 gior
Ad Airolo-Pesciüm l’inverno scatta il 16 dicembre
Una nuova stagione invernale ricca di interessanti proposte e attività per tutti gli amanti della neve scalpita
© Regiopress, All rights reserved