laRegione
28.06.22 - 10:05
Aggiornamento: 29.06.22 - 13:58

Mendrisio è divenuta la casa di settanta profughi ucraini

Il Municipio restituisce il quadro della situazione. Oltre duecento gli alloggi messi a disposizione; sedici i bambini scolarizzati

mendrisio-e-divenuta-la-casa-di-settanta-profughi-ucraini
Ti-Press
Tutti hanno ottenuto lo statuto ‘S’

Mendrisio da qualche mese è anche un po‘ più ucraina. Oggi sono, infatti, settanta i profughi accolti dalla Città e che hanno ottenuto il permesso di protezione ’S’. La disponibilità all’accoglienza, in effetti, non è mancata, mostrando la capacità del Comune di far fronte a una emergenza come la diaspora ucraina, sullo sfondo una guerra che si protrae ormai da mesi.

Case e scuole aperte

Queste persone, come conferma lo stesso Municipio tracciando un quadro della situazione - sollecitato da un’interrogazione del gruppo Lega-Udc-Udf -, hanno trovato casa sul territorio. In totale, infatti, sono stati segnalati e messi a disposizione ventiquattro appartamenti e venti camere da parte di privati, ai quali si aggiungono i 198 posti letto ricavati dalla stessa Città nelle strutture d’abitudine riservate alle colonie. Anche le scuole comunali hanno aperto le porte ai nuovi alunni venuti da est. Sedici gli allievi che sono stati scolarizzati: sette alla scuola dell’infanzia e nove alle elementari. E guardando al prossimo anno scolastico? A settembre potrebbero essere di nuovo tutti in classe, salvo qualche spostamento; al momento, precisa l’esecutivo, "non ci è dato sapere". In ogni caso, si tiene a sottolineare come a livello scolastico l’ospitalità sia immutata, senza gravare "eccessivamente" sulle classi: in ciascuna aula sono presenti "al massimo due bambini ucraini". E d’altra parte, si ribadisce ancora, "ognuna delle nostre sedi scolastiche è perfettamente conforme e pronta all’inserimento" di questi alunni.

Una esperienza proficua

Fugati anche i dubbi manifestati dal primo firmatario, Massimiliano Robbiani. Nelle scuole dell’infanzia "nessun bambino residente di 3 anni è stato rifiutato o spostato ad altra sede a causa dell’inserimento dei bambini ucraini". Inoltre, si precisa, "non si ritiene vi possa essere un rallentamento o un peggioramento della qualità dell’istruzione, anzi avremo il beneficio della condivisione, della scoperta di altre realtà, il confronto con la diversità e la possibilità di aiutare i bambini ad affrontare temi difficili come la guerra, grazie anche all’esperienza diretta e protetta".

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
2 ore
Via la mascherina obbligatoria nelle strutture sociosanitarie
Le direttive del medico cantonale si trasformano in raccomandazioni. Stop anche ai dati settimanali su contagi, ospedalizzazioni e decessi legati al Covid
Locarnese
3 ore
Ascona-Locarno nella top 20 delle mete turistiche
A livello europeo le due località sul Verbano si contenderanno l’ambito riconoscimento attribuito da ‘EuropeanBestDestinations’ per il 2023
Bellinzonese
3 ore
Decolla quest’anno la Via Francisca del Lucomagno
Pronto il tratto ticinese del percorso storico fra Costanza e Pavia: in primavera la posa della segnaletica fino a Ponte Tresa
Mendrisiotto
3 ore
Dopo lo strappo di Cerutti, ‘nel Plr non faremo gli struzzi’
La mossa del municipale spiazza i vertici del partito a vari livelli. Speziali: ‘Deve essere un punto di ripartenza’
Luganese
5 ore
Convento Salita dei Frati: spazi formativi firmati Mario Botta
Scaduta ieri la pubblicazione della domanda di costruzione per il restauro e l’edificazione di nuove aree (interrate) nel prezioso comparto seicentesco
Ticino
5 ore
Ragazze e scienza, ‘per scelte formative libere da pregiudizi’
Una serata gratuita promossa dal Cantone per contribuire ad abbattere gli ancora numerosi stereotipi di genere nel mondo scientifico e tecnico
Ticino
8 ore
Energia, il governo ai comuni: ‘La situazione è ancora tesa’
Il quadro attuale è ‘rassicurante’, ma il Consiglio di Stato invita sindaci e municipali a mantenere i provvedimenti che permettono di abbassare i consumi
Gallery
Bellinzonese
8 ore
Da cent’anni punto d’aggregazione di Faido: l’Osteria Marisa
Inizialmente screditata poiché ragazza madre, l’attività di Luigina Bellecini ha continuato a prosperare grazie alle future generazioni tutte al femminile
Locarno
15 ore
Affittacamere, nei Comuni la verifica è diventata una ‘gimcana’
La Città risponde ad Angelini Piva e cofirmatari sull’introduzione della nuova procedura per gli alloggi ad uso turistico messi sulle piattaforme online
Ticino
17 ore
‘L’uso dell’automobile privata per i frontalieri va agevolato’
A chiederlo è la Commissione dell’economia e tributi. La misura riguarda l’uso per lavoro: ‘Non si deve per forza dover usare quella aziendale’
© Regiopress, All rights reserved