laRegione
21.12.21 - 16:54
Aggiornamento: 18:02

Mezzovico-Vira, un’aula nel bosco per il comparto Petasio

A chiederla, con una mozione interpartitica, sono 15 consiglieri comunali. ‘Una base didattica e una forte vocazione educativa’

mezzovico-vira-un-aula-nel-bosco-per-il-comparto-petasio
Il comparto

Coinvolgimento, educazione e svago. Sono questi i principali obiettivi della mozione interpartitica che chiede la realizzazione di un’aula nel bosco per il comparto Petasio. L’atto, firmato da 15 consiglieri comunali su 21, è stato presentato lunedì, nel corso della seduta di Consiglio comunale di Mezzovico-Vira. “Il bisogno di spazi liberi è aumentato esponenzialmente e ha portato molti residenti del nostro comune ad avvicinarsi alla nuova realtà del comparto Petasio, apprezzandone la bellezza e la vicinanza – spiegano i mozionanti –. Sotto questa spinta la popolarità dell’ex discarica è cresciuta molto, fugando ogni dubbio circa il suo utilizzo futuro, e non farà altro che aumentare”. Per edificare un’aula nel bosco “non è neppure richiesta una variante di Piano regolatore”. Alla semplicità della procedura “corrisponderebbe anche la linearità e semplicità dell’intervento: tre o quattro pareti e un tetto basterebbero. La struttura dovrebbe essere in legno, ben integrata nella natura e dall’aspetto sobrio”. Quella immaginata è una struttura che “fungerebbe essenzialmente da base didattica per le scuole e avrebbe una forte vocazione educativa”.

Quelli citati in apertura sono “principi estremamente chiari, forti e che toccano le sensibilità di ognuno. È per concetti come questi che bisogna impegnarsi a fondo, indipendentemente dalla propria appartenenza politica”. Un concetto che ben riassume “la parola chiave di questa mozione”, ovvero comunità. “Una comunità si crea coinvolgendo, si rafforza educando e si mantiene adibendole spazi per svagarsi”. Per la progettazione dell’aula nel bosco dovrà essere stanziato un credito di 10mila franchi, una spesa che sarà caricata sul costo investimenti del Comune.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
29 min
‘Approfondiremo il tema, ma così su due piedi sono scettico’
Speziali dice la sua sulla congiunzione delle liste con l’Udc per le ‘federali’. Per il presidente Plr: ‘Differenze piuttosto evidenti tra i due partiti’
Bellinzonese
2 ore
‘Fin lì era filato tutto liscio, poi la bottigliata in testa’
Per il sindaco di Cadenazzo Marco Bertoli, il battibecco di Carnevale sarebbe nato da una sigaretta accesa all’interno del capannone
Bellinzonese
7 ore
Coriandoli ma non solo: a Cadenazzo volano pure pugni e calci
Prima serata di bagordi carnascialeschi segnata da una persona ferita al capannone. Il presidente: ‘Episodio fortunatamente isolato e circosrcritto’
Locarnese
12 ore
Brissago, il bando di pesca finisce imbrigliato nelle reti
Il Tribunale amministrativo concede l’effetto sospensivo al ricorso di un professionista che contesta l’ampliamento dell’area inizialmente concordata
Ticino
22 ore
Città dei mestieri, ‘un punto centrale, ora bisogna irradiarsi’
Presentato il bilancio del terzo anno: in continua crescita gli utenti alla ricerca di informazioni su formazione professionale e mondo del lavoro
Mendrisiotto
22 ore
Truffe per almeno due milioni di franchi: venti mesi sospesi
Condannato alle Assise correzionali di Mendrisio un 67enne per fatti avvenuti tra il 2012 e il 2014. Danneggiate oltre 19 persone.
Ticino
23 ore
Aumento delle stime fiscalmente neutro, oltre 17mila le firme
I promotori dell’iniziativa popolare costituzionale hanno depositato oggi in Cancelleria le sottoscrizioni
Ticino
1 gior
‘La polizia farà la sua parte per ridurre la spesa pubblica’
Lo ha detto Norman Gobbi durante l’annuale Rapporto di Corpo della Cantonale. ‘Positivo il bilancio del 2022 e la capacità di adattamento’
Ticino
1 gior
‘Bandir gennaio’ non bandisce anche i radar
Come ogni venerdì, ecco la lista delle località nelle quali verranno effettuati controlli elettronici della velocità dal 30 gennaio al 5 febbraio
Ticino
1 gior
Aiti: senza garanzie, meglio lo stop al telelavoro da febbraio
L’associazione industriali ticinesi ritiene ‘ragionevole’ la sospensione senza un nuovo accordo che regoli la fiscalità dei frontalieri in telelavoro
© Regiopress, All rights reserved