laRegione
laR
 
12.07.21 - 05:30
Aggiornamento: 12:37

L’aula nel bosco svetta tra i castagni di Olivone

Terminati i lavori per la struttura e l'area di svago che rientrano nel progetto di valorizzazione del comparto con anche il recupero della selva castanile

l-aula-nel-bosco-svetta-tra-i-castagni-di-olivone
Paolo Chiapuzzi
+1

Un luogo ameno dove gli allievi possono apprendere nozioni immersi nella natura, ma anche un’area di svago per abitanti e turisti. È quanto offre ora il comparto Sina a Olivone, situato poco distante dal centro del paese e dal Centro Polisportivo, dove proprio negli scorsi giorni sono terminati i lavori per l’edificazione dell’aula nel bosco. La struttura è già aperta al pubblico ma verrà ufficialmente inaugurata il prossimo autunno. La realizzazione della costruzione rientra in un più ampio progetto promosso dal Comune di Blenio. Si tratta della valorizzazione del comparto ‘Mötra da Sina’, di proprietà patriziale e in parte privata, con una serie di interventi nel bosco e di gestione agroforestale, in particolare sulla selva castanile. I primi lavori di recupero sono stati effettuati e, in autunno, in assenza di fogliame sugli alberi, verrà eseguita la seconda fase. La zona Sina, un colle al centro del paese di Olivone, ha la particolarità di avere la selva castanile situata più a nord in Ticino. Il comparto è caratterizzato da elementi di particolare pregio paesaggistico e naturalistico riconosciuti a livello regionale, cantonale e federale quali la palude, la vecchia selva castanile e il bosco golenale. La vicinanza all’abitato di Olivone e al Centro Polisportivo fa di quest’area un luogo già apprezzato per lo svago di prossimità. Lo stato della vecchia selva castanile, del bosco e dei percorsi presenti ha reso necessari interventi di recupero e valorizzazione. La cura del bosco di svago riveste un ruolo chiave nella valorizzazione di tutta l’area, poiché permette di collegare e completare una serie di progetti presenti e futuri che, correlati tra loro, possono generare una nuova offerta di spazio ricreativo e didattico per la popolazione, come pure di richiamo turistico.

Recupero della selva

In particolare, il progetto di recupero della selva ha previsto la messa a dimora di nuove piante di castagno, la rivitalizzazione di quelle esistenti e l’eliminazione di alberi concorrenti. La biodiversità verrà valorizzata anche grazie alla creazione di nicchie ecologiche (legname morto lasciato in loco) e all’integrazione di giovani piante di noce (specie storica per la zona, che è stata coltivata per secoli a Olivone). In una parte di bosco di svago è stato invece creato un punto panoramico con parco giochi ‘forestale’, sono stati posati tavoli e panchine in legno, un braciere e una fontana. Durante l’anno gli allievi dell’Istituto scolastico di Blenio hanno preparato dei pannelli esplicativi con contenuti didattici che sono stati posati all’interno dell’aula e che saranno a disposizione dei fruitori della struttura. L’aula nel bosco è aperta a tutti coloro che vogliono organizzare attività didattiche nella natura; attualmente è visitabile ma non è ancora attivo un sistema di prenotazione della struttura.

Il costo totale per la valorizzazione globale del comparto è di 410mila franchi, ma per questo progetto il Comune ha beneficiato di contributi cantonali e federali, nonché di un contributo del Patronato svizzero per i Comuni di montagna.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Locarnese
1 ora
Losone, una ‘rivoluzione’ da (non) buttare nel cestino
Tra novità già attuate e altre in arrivo, il Comune locarnese può considerarsi un precursore nella strategia di gestione dei rifiuti
Bellinzonese
1 ora
Area di servizio a Giornico, progetto ridotto ma ancora vivo
Ridimensionato l’investimento di 12 milioni inizialmente previsto. Per realizzare la ‘Green Station’ la Sa chiede all’Aet di collaborare
Ticino
1 ora
Livelli, Speziali chiude la porta: ‘Il Decs ritiri il messaggio’
Il presidente del Plr sull‘ultima proposta di superamento dei corsi A e B alla scuola media: ’Deludente e inconsistente, da noi troppo ottimismo iniziale’
Ticino
9 ore
‘Appalti internazionali, si chieda il certificato anti-mafia’
Con una mozione Ermotti-Lepori e altri deputati invitano il Consiglio di Stato a modificare il regolamento della legge sulle commesse pubbliche
Luganese
9 ore
Lugano, crisi in vista: nel 2023 -20% di reddito disponibile
Un rapporto della Statistica urbana prevede tempi duri per i cittadini di Lugano qualora l’attuale crisi perdurasse con la stessa intensità
Luganese
10 ore
Manno, datore di lavoro a processo per omicidio colposo
I fatti riguardano la morte di un suo dipendente nel 2017, caduto da circa 6 metri di altezza mentre lavorava. Secondo la difesa è colpa della vittima
Ticino
10 ore
Ffs, aumentano i passeggeri e i treni in transito in Ticino
Roberta Cattaneo: ‘Alle 70mila persone sui Tilo dobbiamo aggiungere le molte che usano Ir e Ic’. Zali: ‘Traffico passeggeri incrementato del 15%’
Ticino
10 ore
‘È una risposta concreta ai bisogni degli anziani’
La commissione parlamentare Sanità e sicurezza sociale firma il rapporto di Lorenzo Jelmini favorevole alla Pianificazione integrata
Ticino
11 ore
Malattie trasmissibili: esclusione da centri diurni e colonie
La nuova direttiva del medico cantonale estende il campo di applicazione. Giorgio Merlani: ‘Chiediamo il massimo scrupolo’
Mendrisiotto
11 ore
Oggi il punto di riferimento è l’Ente regionale per lo sport
A un anno dal varo si è già risposto ai bisogni del territorio. A cominciare dalla logistica. Lurati: ‘Il 2023 sarà il vero Anno zero’
© Regiopress, All rights reserved