laRegione
Luganese
28.11.21 - 13:21
Aggiornamento: 14:30

Paolo Beltraminelli eletto alla testa del Ppd di Lugano

Tutto come da pronostico all’assemblea sezionale; la presidenza era vacante da quasi due anni

paolo-beltraminelli-eletto-alla-testa-del-ppd-di-lugano

Paolo Beltraminelli è il nuovo presidente della sezione di Lugano del Partito popolare democratico e Generazione giovani. Tutto come da pronostico e nel segno della concordanza nell’assemblea ‘natalizia’ svoltasi in un luogo caro ai popolari democratici, il capannone di via Ceresio, a Pregassona, che nel recente passato era invece stato teatro di roventi assemblee preelettorali. Questa volta ha prevalso il bisogno di sicurezza, dopo quasi due anni di presidenza vacante. Dopo la tumultuosa partenza di Angelo Petralli, la sezione era infatti priva di un presidente vero e proprio da quasi due anni, dal gennaio del 2020, retta poi a interim da Benedetta Bianchetti. Nel mezzo c’è stata la pandemia di Covid, e le elezioni comunali prima rimandate poi svolte con un anno di ritardo, dove il Ppd ha potuto salvare la sua presenza in Municipio grazie anche all’effetto-Lombardi, l’ex senatore traslocato da Massagno per l’occasione, in un quadro insidioso ma infine positivo per i popolari democratici. «Siamo infatti riusciti a mantenere tutte le nostre posizioni nel Legislativo e nell’Esecutivo, i 9 seggi in Consiglio comunale e quello in Municipio» ha ricordato Benedetta Bianchetti.

‘Botti’ da stadio

Tra gli eletti in Consiglio comunale proprio Beltraminelli: l’ex consigliere di Stato sembrava in corsa per la poltrona del Municipio lasciata libera da Angelo Jelmini, poi la disponibilità di Filippo Lombardi cambiò le cose. Eletto l’ex senatore, per il ‘Beltra’ c’è comunque il ritorno a una posizione importante. Alla vicepresidenza sono stati eletti Lara Comini, sociologa, e lo storico Tommaso Gianella, entrambi specialisti in risorse umane. L’assemblea ha completato l’ufficio presidenziale eleggendo Marika Beretta, Benedetta Bianchetti e Michel Tricarico, che saranno spalleggiati da Lombardi e dal segretario sezionale Claudio Giambonini

Jelmini, coordinatore del gruppo di lavoro per la ricerca del nuovo presidente, ha ricordato che stando al profilo tracciato, il nuovo presidente doveva essere ‘un vero Ppd’. Nella ‘short list’ erano rimasti tre nominativi, ma evidentemente la presenza di Beltraminelli ha chiuso il discorso: l’assemblea lo ha acclamato tra applausi, ‘botti’ e coriandoli da stadio, insomma nessuna discussione e parecchia allegria.

Coerenza e rinnovamento

Cosa dice l’ex consigliere di Stato? «Un botto del genere non me l’aspettavo... proprio qui nel ‘nostro’ capannone, dove sono cresciuto, che i liberali volevano abbattere e che in minoranza il Ppd di Ugo Bassi riuscì a salvare. Questo per dire che non occorre sempre essere in maggioranza. Arrivo a questa presidenza molto motivato, sono stato il vostro municipale e il vostro consigliere di Stato, non ce la faccio a non essere ottimista e la politica resta la mia grande passione. Mia moglie non era molto d’accordo perché ha vissuto con me, e più di me i momenti difficili (tra cui la recente non rielezione in Consiglio di Stato, ndr)». “Coerenza” sembra la nuova parola d’ordine. «Sul Polo sportivo il partito è stato compatto, e poi qualcuno di noi si è accorto che incassando la tassa sui rifiuti, non si poteva far pagare le tasse due volte, e ha convinto la maggioranza a diminuire al 77% il moltiplicatore. E il calcolo era giusto, la dimostrazione è che il moltiplicatore è rimasto al 77 e la tassa sui rifiuti diminuirà. Coerenza anche sui contributi per le canalizzazioni e vi assicuro che chiederemo subito che il Municipio ripresenti il messaggio. Farò di tutto per rinnovare il partito... io ho tre volte 20 anni ma l’entusiasmo di un giovane. Viva Lugano e viva il Partito popolare democratico!».

Presenti all’acclamazione del ‘Beltra’ il presidente cantonale Fiorenzo Dadò e il consigliere di Stato Raffaele De Rosa. Dadò ha proiettato lo sguardo verso le prossime elezioni cantonali: «Non possiamo sperare di fare risultati straordinari, bisogna essere realisti, il nostro partito è in difficoltà da 40 anni, ma impegnandoci tutti potremo avere un buon risultato. Sono sicuro che il nuovo presidente della vostra sezione saprà portare positività come ha sempre fatto in tutte le sue sfide». Per Raffaele De Rosa «in un momento di difficoltà è importante avere una guida solida, e persone che si impegnano in Municipio, Consiglio comunale, ma anche nei quartieri o come personale curante. Occupiamoci delle persone che abbiamo vicine, così come dei cittadini, occorre interpretare i bisogni e dare risposte concrete. E la cura prendiamocela anche per noi stessi, la pandemia ha un impatto emotivo di salute mentale e di tenuta psicofisica».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Luganese
30 min
Capriasca, la Giudicatura di pace trova casa a Vaglio
Inaugurata la nuova sede del Circolo che comprende anche Origlio e Ponte Capriasca e che risolve poco meno di 200 incarti all’anno
Grigioni
4 ore
Sindaco di Lostallo, Moreno Monticelli pronto a rinunciare
Municipio riconfermato in blocco: ‘Lavoriamo bene, se Giudicetti vuole continuare io faccio un passo indietro’. A Castaneda la novità è Salvanti
Ticino
6 ore
I Verdi approvano la lista col Ps: ‘Saremo la vera novità’
L’Assemblea ha ratificato le candidature di Samantha Bourgoin e Nara Valsangiacomo per il Consiglio di Stato. ‘Bisogna puntare al raddoppio in governo’
Video
Ticino
1 gior
La Chiesa si mette in attesa ‘un po’ particolare’ del Natale
Messaggio alla Diocesi ticinese del vescovo Alain de Raemy in occasione domenica dell’inizio del cammino d’Avvento
Luganese
1 gior
A2, PoLuMe anche da Gentilino alla Vedeggio-Cassarate
L’Ustra conferma: in autostrada si potrà usare la terza corsia d’emergenza come ‘dinamica’ in caso di necessità fino a Lugano nord
Ticino
1 gior
Cantonali ’23, Andrea Giudici torna in pista. E lo fa con l’Udc
Deputato liberale radicale dal 2003 al 2019, l‘avvocato locarnese proverà a tornare in Gran Consiglio: ’I democentristi rappresentano meglio le mie idee’
VIDEO
Locarnese
1 gior
‘Non si può ammazzare una donna per un ciuffo di capelli’
Tre 18enni che frequentano il Liceo Papio hanno deciso di compiere un gesto simbolico a sostegno delle donne iraniane che lottano per i propri diritti
Bellinzonese
1 gior
‘Hanno dato il massimo ma sono stati travolti da una tempesta’
La difesa dei vertici della casa anziani di Sementina chiede l’assoluzione contestando anche le direttive di Merlani. Morisoli: ‘Fatto il possibile’
Ticino
1 gior
Targhe, il governo rilancia con 2 proposte. Dal Centro nuovo No
Il Consiglio di Stato tende la mano con delle alternative di calcolo. Gli iniziativisti non ci stanno, la sinistra sì. Ognuno per la sua strada, ancora
Ticino
1 gior
‘Polizia unica? Sfruttiamo le potenzialità del sistema attuale’
Fsfp in assemblea. E sul delicato e controverso dossier si attende che la politica decida.‘Venga però sentita anche la nostra Federazione’
© Regiopress, All rights reserved