laRegione
31.05.22 - 21:52

Lugano, rilasciate le quattro licenze per il Polo sportivo

Lo ha annunciato il presidente del Ppd della città Paolo Beltraminelli all’assemblea. Cambio di nome del partito: l’Ufficio presidenziale è d’accordo

lugano-rilasciate-le-quattro-licenze-per-il-polo-sportivo
A. R.
L’Ufficio presidenziale di fronte all’assemblea del Ppd di Lugano al capannone di Pregassona

Si avvicina il fischio d’inizio per il Polo sportivo e degli eventi (Pse). «Il Municipio di Lugano ha rilasciato le quattro licenze edilizie che permetterebbero di cominciare i lavori anche a Cornaredo». Lo ha annunciato all’assemblea sezionale del Ppd, riunita stasera al Capannone di Pregassona, il presidente Paolo Beltraminelli esprimendo grande soddisfazione perché il partito «si è sempre schierato compatto a favore del progetto. La scelta si è rilevata pagante, perché ha raccolto un ampio consenso popolare nel referendum». Si tratta delle licenze edilizie relative al Piano di quartiere, all’Arena sportiva, al Palazzetto dello sport e ai contenuti ‘corona’ (blocco servizi e le due cosiddette torri).

Pse, ‘si rispetti il voto popolare’

L’assemblea si è svolta in una sala quasi gremita, alla presenza del consigliere di Stato Raffaele De Rosa, del presidente cantonale Fiorenzo Dadò, di diversi deputati in Gran Consiglio, tra i quali i luganesi Nadia Ghisolfi e Lorenzo Jelmini, del capogruppo Maurizio Agustoni, di parecchi consiglieri comunali in carica e dell’ex municipale di Lugano Angelo Jelmini. Dopo che «tanti ci vedevano in difficoltà l’anno scorso», l’ex municipale di Lugano ed ex consigliere di Stato ha sottolineato i brillanti risultati raggiunti, «grazie a un’ottima campagna, malgrado la pandemia fosse ancora in corso e due ottime liste (per esecutivo e legislativo), il Ppd di Lugano è uscito vincente, unico partito in Municipio a non perdere seggi e guadagnando qualche voto. Il municipale Filippo Lombardi e il gruppo dei nove consiglieri comunali guidato dal nuovo capogruppo Lorenzo Beretta Piccoli è stato in questo primo anno di attività, caratterizzato dalla scomparsa del nostro sindaco, estremamente attivo, concreto e vincente». Beltraminelli si è detto contento che «siano partiti i lavori al Maglio, che la Cassa pensione della Città abbia potuto vendere bene l’importante stabile di via Beltramina, sede della polizia comunale e oggetto di molte discussioni durante la campagna referendaria, ma non nascondo una certa preoccupazione per l’avvio dei lavori principali a Cornaredo che secondo i programmi dovrebbero partire subito dopo l’estate. Il Municipio i compiti li ha fatti, le licenze edilizie ci sono, ma malgrado la chiara volontà popolare ricorsi sono sempre possibili con il rischio far slittare anche di molto i tempi… Ciò che sarebbe un pessimo segnale per i cittadini che hanno espresso un chiaro sì».

‘Moltiplicatore giù grazie a noi’

Il presidente ha toccato il tema del moltiplicatore, mentre all’orizzonte si profilano già le elezioni cantonali, quelle federali e nel 2024 le comunali. Beltraminelli: «Il consuntivo 2021 di Lugano è in attivo e il Municipio con il piano finanziario ha seguito quando proposto da noi popolari democratici alcuni anni fa quando riuscimmo a far abbassare il moltiplicatore da 80 a 77 punti per compensare l’introduzione della tassa sul sacco! Faremo il possibile per mantenere i due deputati luganesi in Gran Consiglio». Dal canto suo, il municipale in carica Filippo Lombardi ha presentato il tema forte del prossimo congresso cantonale di Cadempino, dove si discuterà e si voterà sul cambiamento del nome del Partito popolare democratico in Il Centro, cambiamento già avvenuto in tutta la Svizzera con l’eccezione del Ticino e del Vallese. In estrema sintesi, Lombardi ha annunciato che l’Ufficio presidenziale del Ppd, all’unanimità, è favorevole al nuovo nome.

Leggi anche:

Lugano dice ‘sì’ al Polo sportivo e degli eventi (Pse)

Scatta (dal Maglio) l’operazione Cornaredo

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
5 ore
‘Anche l’Ipct è sottoposto alla Legge sulla trasparenza’
Accesso negato alla risoluzione che riduce il tasso di conversione, Pronzini (Mps) interpella il Consiglio di Stato
Luganese
10 ore
Lugano, ingranata la marcia sul Polo congressuale
Il Municipio informa l’Interpartitica: imminenti i messaggi sull’acquisto dello stabile Rsi di Besso e sul comparto Campo Marzio Nord
Ticino
10 ore
Vent’anni di Strade Sicure e ‘il Ticino torna nella media’
Il numero di incidenti a sud delle Alpi è calato del 63% in 20 anni, rientrando in linea con i dati nazionali
Bellinzonese
10 ore
Bambino investito a Giubiasco inseguendo un pallone
È successo al parco giochi di Cima Piazza, all’altezza dell’ex palazzo comunale. Sanguinava dalla testa ma era vigile
Bellinzonese
11 ore
Mense di Bellinzona, il Municipio interverrà sulle associazioni
Recepite alcune delle criticità evidenziate dall’Mps sull’obbligo di pagare la tassa di adesione e il pranzo in caso di uscite scolastiche
Ticino
11 ore
Aumenti cassa malati, De Rosa: ‘Per il Ticino stangata ingiusta’
Il direttore del Dipartimento sanità e socialità Raffaele De Rosa critico sull’aumento dei premi del 9,2% rispetto al 6,6% della media nazionale
Bellinzonese
12 ore
Bellinzona, un’opera che ‘aumenta la qualità di vita’
Inaugurata ufficialmente la passerella ciclopedonale della Torretta che collega il centro storico turrito a Carasso e che valorizza la mobilità lenta
Locarnese
13 ore
Arcegno, la prima vendemmia al ‘Vigneto di Luca’
Vissuta come una festa da giovani e adulti la raccolta dell’uva. Dal 2024 le bottiglie saranno vendute a scopo benefico
Mendrisiotto
16 ore
Morbio Inferiore, tra incubi del vetro e turismo del rifiuto
L’ecopunto in via Pascuritt è molto gettonato, tanto che, secondo un residente della zona, ogni giorno ci sarebbero 20 contravvenzioni
Bellinzonese
16 ore
Minacciava di suicidarsi, ‘salvato’ da polizia e Croce Verde
Vasto dispiegamento di polizia e sanitari questa mattina in via Galbisio a Carasso: evitato il peggio, l’uomo è stato ricoverato
© Regiopress, All rights reserved