laRegione
vicesindaco-lombardi-sul-tavolo-ci-sono-sei-nomi
Filippo Lombardi (Ti-Press)
Lugano
21.09.21 - 16:170
Aggiornamento : 17:48

Vicesindaco, Lombardi: ‘Sul tavolo ci sono sei nomi’

L’esponente popolardemocratico e capo del Dicastero dello sviluppo territoriale a Lugano parla per il vice di Michele Foletti di una soluzione ‘consensuale’

Prima del vicesindacato per Filippo Lombardi, responsabile popolardemocratico del Dicastero dello sviluppo territoriale, per Lugano è importante l’oggi: «Sono contento che sia stato depositato solo un nome per la carica di sindaco e che non vi sia stata necessità, con la chiamata alle urne dei cittadini luganesi, di una nuova battaglia elettorale. La Città non ne aveva proprio bisogno. In una legislatura già di per sé corta è fondamentale unirci il più possibile così da portare a casa, in questi circa due anni e mezzo che ci restano, almeno qualche risultato». È pacato nei toni e chiaro nella sua posizione il già presidente del Consiglio agli Stati elvetico. Ci sarà allora il nome di Filippo Lombardi sul tavolo dell’esecutivo il 7 ottobre quando la carica di Michele Foletti diventerà effettiva e sarà necessario dar corpo e volto al suo vice? «Sul tavolo ci sono sei nomi! È una questione dunque che dovrà essere discussa esclusivamente all’interno del Municipio – evidenzia Lombardi – e che dovrà trovare una soluzione il più possibile consensuale. Non ci dovranno essere rivendicazioni partitiche ma una discussione, all’interno del collegio, che auspico serena. Non dobbiamo dimenticare, lo ribadisco, che ci aspettano solo circa due anni e mezzo prima del prossimo rinnovo elettorale e anche per questo spero che non si arrivi alla necessità di una votazione...». Nessuna alzata di mano, quindi, è l’invito di Lombardi, il nome del vicesindaco dovrà uscire da un confronto che non potrà non tener conto «delle aspettative del sindaco e di tutti i colleghi».

Il vicesindacato è, dunque, in mano all’esclusiva valutazione collegiale, fuori da quelli che sono considerati i ‘giochi’ di partito. Del resto la montagna da scalare non è e non sarà delle più facili: «Per Lugano la legislatura, in effetti, è iniziata fra polemiche e divisioni, passando dalla botta tremenda della morte di Marco Borradori. Se vedo nella nomina di Michele Foletti a sindaco un primo tassello per ricostruire una certa serenità all’interno del Municipio, vedo in una nomina condivisa del vicesindaco un secondo fondamentale passo, così da essere finalmente all’altezza, come Città, delle sfide, non semplici, che ci stanno aspettando».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Mendrisiotto
1 ora
‘Cresciuti fra i binari’, la vita ai Domus di Chiasso
Un libro racconta l’emozionante vissuto di chi ha abitato i tre palazzi accanto alla ferrovia ai margini della cittadina di confine di allora
Ticino
3 ore
Risanamento Ipct, i sindacati non esultano
Vpod e Ocst non osteggiano la soluzione di compromesso raggiunta in Gestione, ma fanno capire di preferire il finanziamento diretto
Ticino
3 ore
Impianti di risalita, il credito da 5,6 milioni scende in pista
Il Gran Consiglio dà luce verde al rapporto commissionale. Caprara (Plr): ‘Non è una cambiale in bianco, ci sono criteri da ottemperare’
Ticino
3 ore
Pareggio di bilancio agendo ‘prioritariamente’ sulla spesa
Il Gran Consiglio dà via libera all’iniziativa Udc emendata dalla proposta del Plr per rendere ‘meno rigido’ il testo. Sinistra sulle barricate
Luganese
4 ore
Ha truffato il principe di Genova, condannato a 24 mesi
La sentenza è stata emessa dalla Corte delle Assise criminali di Lugano nei confronti di un 66enne che gli ha sottratto 817mila franchi
Grigioni
6 ore
Santa Maria nel Parco Val Calanca? ‘Un valore aggiunto’
Stando al direttore Henrik Bang e a uno studio di fattibilità, l’estensione del perimetro valorizzerebbe il patrimonio naturale e culturale
Locarnese
6 ore
Gambarogno, per quel terreno vecchi accordi troppo vaghi
Di proprietà del Comune, ospita stabili patriziali e in futuro forse sarà usato per l’ampliamento della discarica di inerti. Pronta una Convenzione
Bellinzonese
7 ore
Liceo di Bellinzona, 548 allievi contro la sede provvisoria
Consegnata la petizione che chiede al Gran Consiglio di rivalutare il progetto. Preoccupano i tre anni di ‘transizione’ nei prefabbricati
Grigioni
7 ore
Mesocco, più sicurezza nelle gallerie del gruppo Brusei
Lungo l’A13 conclusi i lavori che includono undici nuove uscite, un locale tecnico e un cunicolo
Ticino
7 ore
L’Uss invita a scendere in piazza per chiedere aumenti salariali
L’organizzazione sindacale denuncia il latente peggioramento delle condizioni di lavoro e il mancato rispetto dei vincoli legali sul salario minimo
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile