laRegione
25.08.21 - 14:25
Aggiornamento: 15:42

Lugano, sei giovani fermati per la notte folle alla Foce

Tre di loro erano ancora minorenni e secondo le autorità hanno partecipato alle risse e lanciato oggetti contro gli agenti di polizia

lugano-sei-giovani-fermati-per-la-notte-folle-alla-foce
Un'immagine dei disordini capitati la notte fra il 20 e il 21 marzo alla Foce

Due 19enni svizzeri residenti nel Luganese e nel Bellinzonese, un 19enne cittadino turco residente nel Locarnese, e tre 18enni (uno svizzero, un iracheno e un portoghese, tutti minorenni al momento dei disordini) rispettivamente residenti nel Luganese e nel Locarnese. Sono i giovani protagonisti dei disordini avvenuti tra il 20 e il 21 marzo di quest'anno durante un assembramento a Lugano, più precisamente alla Foce del Cassarate. Il Ministero pubblico, la Magistratura dei minorenni e la Polizia cantonale comunicano che li hanno identificati, fermati e interrogati. Nei loro confronti, le autorità giudiziarie prospettano, a vario titolo, i reati di aggressione, sommossa, vie di fatto, danneggiamento, violenza o minaccia contro le autorità e i funzionari, impedimento di atti delle autorità, infrazione alla Legge federale sulle armi, contravvenzione Legge federale sugli stupefacenti, contravvenzione all'Ordinanza sui provvedimenti per combattere il coronavirus (Covid-19).

La ricostruzione dei fatti grazie ai filmati

Come si ricorderà, nel corso di uno degli alterchi sviluppatisi a margine del raduno, un giovane era rimasto ferito rendendo necessario l'intervento del 144. Dato il contesto particolare, i soccorritori avevano chiesto il supporto della Polizia per garantire la sicurezza. Numerose persone avevano quindi iniziato a prendere di mira gli agenti con il lancio di oggetti. La successiva e articolata attività investigativa coordinata e messa in atto nel frattempo dalla Polizia cantonale ha permesso ora (grazie anche all'analisi dei filmati e delle immagini di quanto accaduto) di ricostruire quanto capitato quella notte alla Foce. Nell'ambito delle contestuali perquisizioni, al domicilio di tre dei fermati sono anche stati trovati un tirapugni, due machete e uno spray al pepe. L'inchiesta è coordinata dalla Procuratrice pubblica Petra Canonica Alexakis e dalla Magistratura dei minorenni. Quanto capitato aveva fatto parecchio discutere suscitando reazioni da parte di alcuni politici, fra le quali quella del sindaco di Lugano, il commento di un esperto di politiche giovanili e la testimonianza di due ragazzi presenti quella sera.

Leggi anche:

Lugano: sabato sera di tensioni alla Foce, due fermi

Lugano, Gobbi: 'Ai giovani vanno fornite altre risposte'

Lugano, Borradori: 'Disarmante quanto capitato alla Foce'

Lugano, Carrasco: 'Preoccupante il disagio giovanile'

Disordini alla Foce: ‘Mi vergogno per alcuni miei coetanei’

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Locarno
5 ore
Originalità e ambizione: la Cultura è in due parole
Direzione dei Servizi, con il bando uscito ieri la Città di Locarno cerca una figura in grado di ridisegnare l’intera struttura
Ticino
7 ore
Mafie in Ticino: ‘Tanti i progetti, ma sono davvero operativi?’
A chiederlo è il deputato Quadranti (Plr) sentito in audizione dalla Commissione giustizia e diritti in quanto non soddisfatto delle risposte del governo
Mendrisiotto
7 ore
Aim di Mendrisio, crediti quadro più ‘trasparenti e oculati’
La Commissione della gestione richiama le Aziende sull’uso di questo strumento finanziario. E smagrisce l’investimento richiesto di quasi 2 milioni
Bellinzonese
8 ore
Giardinieri multati a Bellinzona, ‘le regole sono chiare’
Consegna del verde agli ecocentri, il Municipio replica alle critiche e ammette però la presenza di eccezioni: ‘Solo se accompagnati dai proprietari’
Locarnese
8 ore
Ginecologia e ostetricia, si valuta la collaborazione
Nel Locarnese approfondimenti in corso: nascite alla Carità e ginecologia operatoria alla Santa Chiara
Luganese
8 ore
Campo Marzio nord di Lugano, avviato l’iter senza variante di Pr
Polo turistico e congressuale: il Municipio chiede 306’000 franchi e la revoca della modifica pianificatoria votata dal Consiglio comunale nel 2017
Bellinzonese
8 ore
Pecore moribonde: ‘Chi avrebbe dovuto tutelare la loro salute?’
I Verdi (primo firmatario Marco Noi) interrogano il Consiglio di Stato in merito al gregge abbandonato a se stesso in zona diga del Lucendro
Luganese
12 ore
Usura e migranti: quattro arresti tra il Luganese e Zurigo
Sono sospettati di far parte di un sodalizio internazionale dedito da tempo al trasporto di clandestini provenienti dall’Italia e diretti nel Nord Europa
Locarnese
14 ore
Pedofilo tra Ticino e Thailandia, chiesti 9 anni di carcere
Un 77enne del Sopraceneri è accusato di ripetuti atti sessuali con fanciulli e con persone inette a resistere per fatti compiuti tra il 2000 e il 2021
Bellinzonese
15 ore
Alessandra Genini nuova direttrice di Comundo a Bellinzona
È la principale organizzazione non governativa svizzera di cooperazione allo sviluppo tramite l’interscambio di persone
© Regiopress, All rights reserved