laRegione
21.06.21 - 15:52
Aggiornamento: 18:31

Montarina, la Città esclude la zona di pianificazione

Secondo Il Municipio, non è ricevibile la mozione scattata dopo la licenza edilizia che minaccia il Villino Farner e la Casa Walty

montarina-la-citta-esclude-la-zona-di-pianificazione
La freccia indica l'esclusione delle due ville, ritenuta incomprensibile alla luce della presenza di tre potenziali beni culturali.

Niente da fare. L'esecutivo di Lugano non è disposto a introdurre una zona di pianificazione per la tutela del quartiere di Montarina. È negativo il preavviso municipale in merito alla richiesta di salvaguardia sotto forma di mozione interpartitica presentata lo scorso febbraio (primo firmatario, Nicola Schönenberger, Verdi di Lugano). Per due ragioni, dapprima per una questione formale: il punto 3 della mozione non è ricevibile perché non è previsto che la richiesta dell’istituzione di una zona di pianificazione sia formulata dal Consiglio comunale. Per il punto 2, esso è invece ricevibile ma richiede una modifica del Piano regolatore (Pr), scrive il Municipio che ribadisce però che una variante di Pr in materia di beni culturali è in fase di elaborazione e comprende anche Montarina. Lo studio pianificatorio in atto, agli occhi della Città, permette già di sospendere eventuali domande di costruzione in contrasto con esso. Pertanto, il Municipio "ritiene che l'istituzione di una zona di pianificazione costituisce in tal caso una misura non necessaria e sproporzionata".

D'altra parte, la mozione che chiede l’adozione della zona di pianificazione è stata presentata proprio per disporre di uno strumento legale per rigettare, ai sensi dell’art. 61 cpv. 3 della Legge sullo sviluppo territoriale eventuali future domande di costruzione che minacciano il quartiere di Montarina. L'atto parlamentare, lo ricordiamo, era scattato proprio in seguito al caso relativo al Villino Farner e a Casa Walty, inseriti in un parco nel quartiere a Besso, sono minacciate di demolizione. La Città aveva infatti rilasciato la licenza edilizia e il Consiglio di Stato ha confermato la decisione respingendo le tre opposizioni contro il nuovo edificio. La Società per l’arte e la natura (Stan) ha contestato la licenza con un ricorso presentato al Tribunale amministrativo cantonale (Tram).
.

Leggi anche:

Lugano-Montarina, due ville a rischio: la Stan ricorre

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
27 min
Radar: questa settimana sono in un comune su due
L’elenco delle località dove dal 6 al 12 febbraio verranno eseguiti controlli della velocità
gallery
chiasso
45 min
Nebiopoli, in seimila al corteo dei bambini
L’appuntamento odierno ha visto sfilare 1’500 allievi delle scuole elementari e dell’infanzia
Locarnese
2 ore
Acqua potabile per tutti: Locarno, Losone e Muralto solidali
Raccolti e devoluti a favore delle popolazioni dell’Africa occidentale oltre 28mila franchi. Serviranno alla realizzazione d’infrastrutture idriche
Luganese
3 ore
Lugano, incendio boschivo sul monte Brè
Il rogo è stato segnalato all’altezza di via Pineta a Brè sopra Lugano verso mezzogiorno
Locarnese
6 ore
Tre milioni di franchi per combattere le neofite invasive
È la richiesta di credito formulata, attraverso il relativo messaggio, dal Municipio di Locarno, per una vera a propria strategia sull’arco di 10 anni
Locarnese
6 ore
Più passeggeri nel 2022 sul trenino bianco-azzurro e i bus
Le Fart hanno conosciuto un incremento dei viaggiatori su gomma e rotaia grazie anche al notevole potenziamento del trasporto pubblico regionale
Luganese
6 ore
A Monteceneri scatta il referendum sull’acquedotto
Partita la raccolta firme contro il credito da 2 milioni per rinnovare ed estendere le condotte sotto alla Cantonale: ‘Non prioritario né necessario’
Locarnese
6 ore
Troppo traffico e troppo rumore in alcune vie di Locarno
Lo sostengono alcuni cittadini che hanno lanciato una petizione per far abbassare la velocità a 30 km/h in via Franzoni, via Varenna e via Vallemaggia
Bellinzonese
6 ore
Si progetta il nuovo ospedale di Bellinzona da 380 milioni
L’Eoc indica una prima fase realizzativa alla Saleggina entro il 2030, seguita da ulteriori sviluppi nel 2050. Cinque piani e, come oggi, 240 posti letto
Ticino
7 ore
Piove troppo poco: scatta il divieto di fuochi all’aperto
La misura, decisa in considerazione dell’elevato rischio di incendio di boschi, concerne Ticino, Moesano, Val Bregaglia e Val Poschiavo
© Regiopress, All rights reserved