laRegione
02.06.21 - 17:14

Fumasoli: 'Come credere a un Municipio che racconta falsità?'

Interpellanza del consigliere comunale di Forum Alternativo che a fronte di quanto rivelato da Unia, evoca le dimissioni o le scuse pubbliche dell'esecutivo

fumasoli-come-credere-a-un-municipio-che-racconta-falsita
(Ti-Press)

 

"Come possono le cittadine ed i cittadini di Lugano, credere ad un Municipio che racconta falsità? Come ci si può fidare di persone che mentono, sapendo di mentire?", chiede al Municipio il consigliere comunale del Forum Alternativo Demis Fumasoli in un'interpellanza dal titolo "la verità, arriva silenziosa..." in merito agli ultimi sviluppi del caso della demolizione dell'ex macello.

 

"Ci tengo a sottolineare che non voglio aprire in questo momento la discussione sull’operato del Municipio. Lo scopo di questo atto parlamentare, è tutt’altro!", premette Fumasoli, nel testo dell'interpellanza, che prosegue: "Quando leggo comunicati stampa, prese di posizione, o racconti/testimonianze di avvenimenti, mi aspetto di leggere ciò che realmente è successo, ciò che realmente è stato deciso, ciò che realmente posso permettermi di difendere quando intavolo discussioni con altre persone. Per me di regola, se il Municipio o uno dei suoi esponenti, rilascia una dichiarazione, è vera! Magari non la condivido e mi permetto di contestarla, però credo a ciò che, in via ufficiale, viene emanato".

Quindi, l'attacco all'esecutivo luganese: "Purtroppo però, e qui arrivo dunque al punto, il Municipio ha raccontato falsità, o meglio bugie, e questo non lo tollero! Una istituzione, quale il Municipio della Città di Lugano, deve essere trasparente e corretta. Dire insomma la verità! Come possono le cittadine ed i cittadini di Lugano, credere ad un Municipio che racconta falsità? Come ci si può fidare di persone che mentono, sapendo di mentire?"

L'esponente del Forum Alternativo ricorda le dichiarazioni del Municipio, secondo cui la  la demolizione dello stabile ex-macello, è avvenuta a causa dell’occupazione dello stabile ex Vanoni, chiosando: "E qui, casca la bugia!". Fumasoli fa quindi notare quanto esposto dal comunicato di Unia odierno, ovvero che "lo stabile ex Vanoni è stato occupato verso le ore 19.00, mentre una delle tre imprese ha ricevuto l’ordine d’intervento da parte del comando della polizia di Lugano già alle 17:50. Penso che si possa assolutamente dire che qualcosa non quadra!"

 "“Il Municipio dichiara di aver dato ordine di abbattere parte dell’ex Macello dopo che un gruppo di ragazze e ragazzi, ha occupato lo stabile ex Vanoni.” Soltanto … con circa un’ora di anticipo, riferito ai fatti!", conclude Fumasoli che passa poi a porre due domande al Municipio, chiedendo che sia esplicato "l’intero iter procedurale (questa volta veritiero), quindi incontri, telefonate, messaggi, mail, che hanno portato alla demolizione di parte dell’ex Macello", e concludendo poi, ribadendo che "la verità documentata è differente (e di molto)",  e chiedendo di sapere come intende comportarsi il Municipio: "Dimissioni? Scuse pubbliche?"

 

Leggi anche:

Ruspe chiamate prima dell'occupazione dell'ex Vanoni

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
1 ora
Vaccinazioni di richiamo autunnali in Ticino dall’11 ottobre
Le informazioni sono già disponibili sul sito ufficiale dedicato alle vaccinazioni www.ti.ch/vaccinazione
Locarnese
2 ore
A13 Quartino: invece del triangolo, rotonda e semaforo
La novità viaria decisa da Ustra e Cantone per ragioni ambientali e legali. Promessi monitoraggio e perfezionamenti
Locarnese
2 ore
Minusio, sfruttare l’acqua di falda (o lacustre) per riscaldare
Lo suggerisce una mozione presentata dall’Usi che invita il Municipio a seguire analoghi esempi studiati altrove
Ticino
4 ore
‘Si allarghino le fasce di reddito per i sussidi cassa malati’
L’iniziativa del Ps e i due rapporti allestiti saranno al centro della prossima seduta della Commissione parlamentare sanità e sicurezza sociale
Ticino
4 ore
I 25 anni della Supsi secondo Gervasoni, tra successi e futuro
L’importanza della formazione professionale, i ricordi di quell’acronimo che faceva sorridere e ora è un’istituzione, gli obiettivi da raggiungere (tanti)
Luganese
7 ore
Mezzovico: lite fra giovani degenera, interviene il... papà
Condannato per vie di fatto un 57enne che, durante un alterco fra il figlio e alcuni coetanei (fra cui la ex), ha tirato quattro sberle a tre dei ragazzi
Bellinzonese
7 ore
Necessari 45 milioni per il nuovo Ior a Bellinzona
Studio di fattibilità concluso: oltre ai 12 laboratori sono previsti una mensa e un auditorium, e forse anche un asilo nido per i figli dei ricercatori
Locarno
14 ore
Originalità e ambizione: la Cultura è in due parole
Direzione dei Servizi, con il bando uscito ieri la Città di Locarno cerca una figura in grado di ridisegnare l’intera struttura
Ticino
17 ore
Mafie in Ticino: ‘Tanti i progetti, ma sono davvero operativi?’
A chiederlo è il deputato Quadranti (Plr) sentito in audizione dalla Commissione giustizia e diritti in quanto non soddisfatto delle risposte del governo
Mendrisiotto
17 ore
Aim di Mendrisio, crediti quadro più ‘trasparenti e oculati’
La Commissione della gestione richiama le Aziende sull’uso di questo strumento finanziario. E smagrisce l’investimento richiesto di quasi 2 milioni
© Regiopress, All rights reserved