laRegione
prete-condannato-per-stupro-sul-destino-decidera-il-vaticano
Il prete condannato è già stato sospeso l'anno scorso (Ti-Press/Archivio)
16.02.21 - 14:55
Aggiornamento: 15:25

Prete condannato per stupro, sul destino deciderà il Vaticano

Il sacerdote al momento è sospeso, ma sull'eventuale dimissione dallo stato clericale la competenza è della Congregazione per la dottrina della fede

Passa al Vaticano la palla sul futuro ecclesiastico del sacerdote condannato questa mattina alle Assise criminali di Lugano per aver stuprato una 18enne a Rimini nel 2013. È la Diocesi di Lugano a spiegarlo, in una nota ufficiale diffusa dopo la condanna a quattro anni emessa dal giudice Amos Pagnamenta. Il prete, in carcere da fine maggio 2020, è sospeso dalla scorsa primavera dalle sue funzioni, come ribadito dalla Curia vescovile. “Per quanto riguarda il suo futuro, esiste una precisa normativa emanata dalla Santa Sede, che sarà consultata per competenza”.

Solidarietà e vicinanza

In sostanza, la decisione ora è di competenza della Santa Sede, per la precisione della Congregazione per la dottrina per la fede. Nella stessa nota, la Curia ha espresso dispiacere per l'accaduto: “La Diocesi, in questa dolorosa circostanza, desidera far giungere tutta la propria solidarietà e vicinanza a chiunque, in un modo o nell'altro, si è trovato e si trova, direttamente o indirettamente, toccato da questa vicenda”.

Leggi anche:

Lugano: quattro anni al prete che stuprò una 18enne a Rimini

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
abusi sessuali diocesi lugano prete sacerdote vaticano
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Grigioni
40 min
Torneo Grandinani quest’anno declinato anche al femminile
Football: nel weekend del 13 e 14 agosto i campi di Roveredo e Lostallo accolgono la 16esima edizione dell’evento nazionale U14
Grigioni
50 min
A13 chiusa tra San Vittore e Roveredo per un incidente
Le entrate di Grono e San Vittore sono chiuse e il traffico è deviato sulla strada cantonale
Ticino
1 ora
Sgarbi multato dalla Polizia cantonale. ‘Mai più in Svizzera’
Il critico d’arte e parlamentare italiano è stato fermato in quanto il suo autista avrebbe acceso il lampeggiante quando si trovava ancora in Svizzera
Bellinzonese
2 ore
Fitto programma per la tregiorni di feste ad Arbedo-Castione
Online il sito con gli eventi previsti al campo sportivo e sul territorio per sottolineare i 200 anni dall’aggregazione e i 600 dalla battaglia
Luganese
2 ore
Agno, il padre ha tentato di uccidere il figlio
Restano gravi le condizioni di salute del 22enne, ferito gravemente ieri dal papà successivamente arrestato. Entrambi risiedono a Rovio
Bellinzonese
2 ore
Auto fuori strada a Claro, deceduto il guidatore
Si tratta di un 77enne svizzero domiciliato in Riviera. L’auto che guidava era uscita di strada finendo in un fossato
Bellinzonese
2 ore
Disco frenante spezzato, camion fermato a Giornico
Dal 1° luglio inflitte oltre 30 contravvenzioni. Le principali infrazioni: freni difettosi, eccesso di ore di guida e manipolazione del cronotachigrafo
Ticino
3 ore
Sulle truffe per lavoro ridotto il Ticino ha fatto i compiti
È quanto emerge dai dati della Seco. Il nostro Cantone persegue anche violazioni più contenute, a differenza di altri Cantoni
Bellinzonese
3 ore
Claro, un’auto esce di strada e finisce in un fossato
Incidente della circolazione intorno alle 10:15 sulla strada cantonale
Locarnese
9 ore
‘Basta posteggi al Pozzo di Tegna!’
Preoccupata l’Associazione Golene di Terre di Pedemonte, che teme che l’incremento degli stalli porti ancora più gente e traffico in una zona sensibile
© Regiopress, All rights reserved