laRegione
ordini-di-bonifici-milionari-agi-per-golosita-di-denaro
Tutto in quella cassetta di sicurezza (Ti-Press)
21.12.20 - 16:49
Aggiornamento: 19:56

Ordini di bonifici milionari: 'Agì per golosità di denaro'

Il procuratore pubblico Andrea Maria Balerna ha chiesto 5 anni per il mandatario della Raiffeisen di Lugano che alleggerì banca e clienti per 15 milioni

Una data particolarmente evocativa quella del 21 dicembre. A evidenziarlo il procuratore pubblico Andrea Maria Balerna che ha richiesto una pena di 5 anni di carcere: «Esattamente due anni fa l’imputato si apprestava nel suo ufficio a posare la penna per partire con 15 milioni in tasca e farsi una nuova vita a Panama». Invece a due anni dai fatti il 33enne, impiegato della Banca Raiffeisen, anziché godersi la bella vita, frutto di operazioni truffaldine, si è trovato davanti alla Corte delle Assise criminali di Lugano, accusato di truffa per mestiere e una serie di altri reati. Corte composta dal presidente Amos Pagnamenta, dai due giudici a latere Fabrizio Filippo Monaci e Luca Zorzi, e dagli assessori giurati.

«Un giovane svizzero di buona famiglia, dalla buona formazione scolastica, che aveva scalato anche velocemente la gerarchia, una persona assolutamente affidabile e di successo – ha evidenziato il magistrato nella sua requisitoria –. Il 24 dicembre 2018 però, un lunedì mattina, questa immagine crolla quando un cliente della banca recatosi allo sportello chiede il motivo per cui il suo ordine di pagamento non viene mandato avanti e come mai l’e-banking non funziona. Non passa neanche una settimana e la storia si svela completamente. Rendendosi conto che il suo piano, una volta partito per Panama, torna in Patria per cospargersi il capo di cenere». Un ripercorrere i fatti e le sue ragioni che in aula l'imputato, come annotato da Balerna, «ha spiegato in modo oggettivo quasi freddo. Soprattutto quei desideri superiori alle sue possibilità di beni e servizi fino ad arrivare a rubare e a fare i conti, prima di tutto con se stesso, con quell’immagine di solidità e affidabilità del funzionario di banca svizzero. Diversamente, infatti, si è dimostrato completamente immaturo e inaffidabile, completamente irresponsabile, dai pochi valori etici e morali, affidandosi ai soli desideri da raggiungere con qualsiasi mezzo illecito e senza un freno, anzi, desideroso di sfida nel farla franca, forse perché fino a lì ha sempre avuto la vita un po’ troppo facile».

Reato particolarmente audace

Balerna ha definito quel primo episodio del 2014 (la busta piena di preziosi rubata da una cassetta di sicurezza di un cliente) un reato "particolarmente audace": «Lui, responsabile della succursale luganese sapeva di quella busta 'golosa'. Si studia un piano perché aveva bisogno di soldi. Si era reso conto che poteva fregare il sistema e farla franca» ha evidenziato il procuratore.

«Un agire scaltro e privo di scrupoli, che conosceva bene il meccanismo bancario tanto da intestare quattro conti farlocchi, da fabbricare, falsificare e manipolare con facilità documenti, in particolare per le sue conoscenze intime e tecniche del sistema informatico da poco cambiato, e il tutto in quanto spinto dall'avere più soldi, per golosità di denaro» gli ha fatto eco il rappresentante dell'accusatore privato, l'avvocato Valerio Caccia, chiedendo al termine del suo intervento un risarcimento di circa 6 milioni di franchi.

La difesa: 'Naïf e facilotto'

«Tutt'altro che un ladro spavaldo, sofisticato e pericoloso, ma persona naïf e facilotta. Non è una persona assetata di denaro, pur eccedendo qualche volta nel suo stile di vita». Così ha invece dipinto il suo assistito l'avvocato Andrea Rigamonti, che anzi ha chiamato in concolpa per alcuni reati anche la banca, colpevole di non aver messo in atto un necessario sistema di controllo. Circa il movente la difesa lo individua in una «forte insoddisfazione di fondo, in uno smarrimento che lo hanno portato a vivere oltre le proprie capacità. Ha ricercato quindi quella necessaria sensazione di potere e di adrenalina che andavano appunto a colmare questo vuoto. Ecco che allora in questo quadro giunge il primo episodio... Poi, la seconda scarica, ovvero i prelievi sui conti dei familiari. Fino a far nascere la terza idea, e tramite ulteriori prestiti comincia a tappare questi buchi. Bastava chiamare i genitori invece la situazione gli sugge di mano, fino all'operazione Panama, quel biglietto di sola andata che si trasforma in un ritorno. Un piano, inteso come immaginarsi su una spiaggia senza problemi, impossibile e disastroso. A cominciare dall'acquisto del biglietto aereo con la sua carta di credito e dalla prenotazione dell'albergo con il suo profilo booking in condivisione con l'ex compagna, lasciando dunque tracce come Hans e Gretel. Questo per dire che siamo di fronte a un ragazzo immaturo, infantile e fragile. Dovrebbe essere un criminale e invece dimostra di aver paura. Sogna di fare il colpo della vita ma ha troppa fretta nell'attuarlo». Da qui, anche per la collaborazione dimostrata e la volontà 'di svoltare definitivamente', la richiesta della difesa è stata di 36 mesi sospesi con la condizionale (dedotto il carcere preventivo e di espiazione anticipata della pena per un totale di due anni), e in via subordinata di 46 mesi, qualora fosse confermata la truffa.

Al termine dell'arringa, la duplica del procuratore pubblico ha messo in evidenza la venuta a galla di un argomento nuovo, di cui l'imputato cioè non aveva mai fatto cenno ma citata diversamente dal suo legale. Ovvero la violazione della banca, che non avrebbe verificato la legalità di una procura: «Un formalismo eccessivo. Questo era il sistema, comunque efficace. Quanto evidenziato dalla difesa è una pura questione civilistica. Lui si è confrontato con i paletti della banca attivi, ne ha fatti 105 di documenti falsi ne avrebbe fatto uno in più... per questo non è mai stato un tema».

'Sono stato a lungo una brutta persona'

Il pentimento dell'imputato è giunto a fine giornate: «Non mi riconosco più nella persona che ha compiuto tali gesta. So solo che mi sono sentito a un certo punto inerme. Sono stato a lungo una brutta persona. Le lunghe giornate di prigionia si fanno ora sentire. Chiedo scusa per il male che ho fatto». La sentenza domani, 22 dicembre, alle 10.

Leggi anche:

Rubò 15 milioni per 'eccessive aspettative di benessere'

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Locarnese
7 ore
Tenero, nuovo annegamento nelle acque lacustri
Un 54enne confederato è scomparso dalla visuale attorno alle 17, mentre nuotava poco distante dalla riva. Il cadavere recuperato verso le 20
Grigioni
8 ore
Condanna bis al comandante della polizia William Kloter
Pena ridotta ma confermata in Appello la grave infrazione alle norme della circolazione: l’ufficiale era stato pizzicato da un radar sull’A13 a Soazza
Bellinzonese
9 ore
Scarsità di acqua, il Centro di Lumino critica l’ex Municipio
In tre interrogazioni i consiglieri comunali chiedono se vi sono perdite nelle condutture, sorgenti alternative e se l’approvvigionamento sarà garantito
Ticino
9 ore
Atti sessuali con fanciulli, 77enne rinviato a giudizio
L’uomo avrebbe abusato di sette bambini sull’arco di 20 anni, recandosi apposta anche in Thailandia. È parzialmente reo confesso.
Bellinzonese
9 ore
Scelto il progetto per la riqualifica del comparto Aet di Bodio
L’Azienda elettrica ticinese vuole rendere la zona fruibile agli abitanti e offrire servizi moderni ai centri interaziendali. Investimento di 10 milioni
Luganese
10 ore
Potenziamento dell’A2 tra Lugano e Mendrisio: ‘No’ comunista
Al grido di ‘No al degrado del territorio’, un’altra voce si leva contro il controverso progetto PoLuMe: quella del Partito comunista
Gallery e video
Luganese
10 ore
‘Trasloco’ di 40 metri per un edificio di 600 tonnellate
Spostamento necessario per la realizzazione del futuro sottopasso pedonale di Besso. Le operazioni sono durate tutta la mattinata
Locarnese
10 ore
Allerta meteo sul Locarnese: forti temporali
Pericolo di grandine, piogge torrenziali e raffiche burrascose. Il fronte del maltempo procede a una velocità di 25 km/h
Mendrisiotto
10 ore
A Breggia in 333 sono per il referendum sulle scuole
Il Comitato promotore consegna le firme in Cancelleria: ‘Obiettivo raggiunto’. Il nodo del problema, non i servizi didattici ma l’investimento
Locarnese
12 ore
Alta Vallemaggia, due vitelline ferite dal lupo
Accertamenti in corso all’Alpe Sfille, ma l’attacco del predatore presente da mesi in zona, è dato per certo
© Regiopress, All rights reserved