laRegione
difficile-salvare-qualcosa-del-mulino-di-maroggia
Quello che rimane del Mulino (Ti-Press)
+2
23.11.20 - 22:24
Aggiornamento: 25.11.20 - 12:54

'Difficile salvare qualcosa del Mulino di Maroggia'

L'incendio ancora in fase di spegnimento ha causato gravi danni alla struttura. Sul posto un'ottantina di pompieri. Nessun pericolo per le case vicine.

Una storia secolare letteralmente in fumo. Le fiamme che hanno avvolto questo pomeriggio il Mulino di Maroggia hanno divorato l'intera struttura lasciando in eredità lo scheletro dell'edificio, lacrime e desolazione. In paese quelle 'pale' erano da fine Ottocento un orgoglio. Difficile in queste ore di forte impegno al fronte scucire la possibile causa della prima devastante scintilla dalla Polizia cantonale. Il suo tempo sarà domani, quando il fuoco e il fumo, probabilmente domati, lasceranno il campo ai tecnici e alla Scientifica. 

Ingente il dispiegamento per tutto il tardo pomeriggio e per quella che sarà una lunga notte per i pompieri. Sul posto i corpi di Melide e di Lugano, in rinforzo il corpo pompieri di Mendrisio, il treno di spegnimento delle Ferrovie federali svizzere di Melide e di Biasca, per un totale di circa 80 militi. Fra i primi ad intervenire, con 25 uomini, il comandante dei pompieri di Melide, Marzio Riva: «L'incendio si è subito presentato come virulento. Il materiale presente, soprattutto la farina, il legno, un camion nel parcheggio, hanno provocato una serie di scoppi che hanno compromesso la stabilità dell'edificio. In particolare della parete che dà sulla ferrovia e che sarà necessario abbattere per evitare un suo possibile collasso sui binari». 

'Ho visto il tetto venire giù'

Con lui il collega del Civici pompieri di Lugano, Federico Sala, interpellato da 'laRegione' circa la dinamica: «Cosa sia successo è al vaglio degli inquirenti, è ancora molto prematuro comprenderne le cause. Possiamo comunque confermare che si è sviluppato un incendio totale del Mulino di Maroggia. Non ci sono feriti. Tre persone, presenti al momento delle prime fiamme, sono state evacuate». Riguardo la struttura storica, la sorte sembra segnata: che ne sarà della struttura, andrà completamente distrutta? «Ad una prima impressione sì, non penso che si possa salvare qualcosa, con la luce del sole e a fiamme spente si potranno fare le verifiche. L'incendio andrà ancora avanti per diverse ore, sarà spento nel corso della notte o alle prime luci del giorno». 

Un gruppetto di ragazzi che abitano nelle vicinanze guardano increduli verso l'alto, laddove c'era la torre. «Le nostre case sono a circa 300 metri. Abbiamo sentito la prima esplosione che ha aperto addirittura una finestra dell'abitazione. Guardando fuori in un primo tempo abbiamo visto il fumo nero, e abbiamo sentito una vampata di fumo. Solitamente il nostro paese è tranquillo, non c'è mai in giro nessuno, invece è stata la prima volta che vedevamo così tanta gente riversarsi in strada. Abbiamo visto prendere fuoco il primo edificio, col tetto che veniva giù; poi ha preso fuoco anche l'altro, con un'altra esplosione, ma la prima è stata davvero più forte. All'inizio pensavamo a uno scontro fra due macchine ma sembrava troppo forte... Dopo meno di 20 minuti una dipendente del Comune ci ha comunicato che non c'erano feriti, chi era dentro a lavorare è uscito subito». 

Leggi anche:

In fiamme il mulino di Maroggia

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
maroggia mulino mulino maroggia
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Grigioni
25 min
Torneo Grandinani quest’anno declinato anche al femminile
Football: nel weekend del 13 e 14 agosto i campi di Roveredo e Lostallo accolgono la 16esima edizione dell’evento nazionale U14
Grigioni
34 min
A13 chiusa tra San Vittore e Roveredo per un incidente
Le entrate di Grono e San Vittore sono chiuse e il traffico è deviato sulla strada cantonale
Ticino
53 min
Sgarbi multato dalla Polizia cantonale. ‘Mai più in Svizzera’
Il critico d’arte e parlamentare italiano è stato fermato in quanto il suo autista avrebbe acceso il lampeggiante quando si trovava ancora in Svizzera
Bellinzonese
2 ore
Fitto programma per la tregiorni di feste ad Arbedo-Castione
Online il sito con gli eventi previsti al campo sportivo e sul territorio per sottolineare i 200 anni dell’aggregazione e i 600 della battaglia
Luganese
2 ore
Agno, il padre ha tentato di uccidere il figlio
Restano gravi le condizioni di salute del 22enne, ferito gravemente ieri dal papà successivamente arrestato. Entrambi risiedono a Rovio
Bellinzonese
2 ore
Auto fuori strada a Claro, deceduto il guidatore
Si tratta di un 77enne svizzero domiciliato in Riviera. L’auto che guidava era uscita di strada finendo in un fossato
Bellinzonese
2 ore
Disco frenante spezzato, camion fermato a Giornico
Dal 1° luglio emanate oltre 30 contravvenzioni. Le principali infrazioni: freni difettosi, eccesso di ore di guida e manipolazione del cronotachigrafo
Ticino
2 ore
Sulle truffe per lavoro ridotto il Ticino ha fatto i compiti
È quanto emerge dai dati della Seco. Il nostro Cantone persegue anche violazioni più contenute, a differenza di altri cantoni
Bellinzonese
3 ore
Claro, un’auto esce di strada e finisce in un fossato
Incidente della circolazione intorno alle 10:15 sulla strada cantonale
Locarnese
9 ore
‘Basta posteggi al Pozzo di Tegna!’
Preoccupata l’Associazione Golene di Terre di Pedemonte, che teme che l’incremento degli stalli porti ancora più gente e traffico in una zona sensibile
© Regiopress, All rights reserved