laRegione
18.11.22 - 09:54
Aggiornamento: 14:57

Ponte Brolla, ecco lo stabile servizi per il tempo libero

Al legislativo pedemontano la richiesta di credito per la progettazione definitiva, sull’ex laghetto Aet, del fabbricato e dei posteggi

ponte-brolla-ecco-lo-stabile-servizi-per-il-tempo-libero

Ponte Brolla, zona rinomata per i suoi grotti e ristoranti, la parete di roccia per l’arrampicata e le gole del fiume Maggia, si arricchisce di un nuovo tassello al servizio del tempo libero dei residenti e dei turisti. Il Municipio delle Terre di Pedemonte ha infatti pronto un credito da 20mila franchi per la fase di progettazione della futura e definitiva struttura di servizio e area di svago sul sedime dell’ex laghetto Aet.

Uno stabile dotato di servizi igienici, docce, un piccolo snack bar, una saletta riunioni e l’infopoint al servizio dell’utenza. Dismesso nel 2010/11, l’ex laghetto dell’Aet, una volta prosciugato, è stato ricoperto con materiale terroso e poi livellato e seminato. Oggi è privo di una specifica funzione e la stessa Aet, proprietaria, si è detta disposta a concedere il fondo per attività di svago.

Quale primo passo lo studio d’idee e l’approvazione della variante Pr

Già nel 2014, l’esecutivo pedemontano aveva commissionato a una ditta specializzata uno studio d’idee per valorizzare questo comparto, tenendo in particolare conto della vocazione sportiva dell’area, con la palestra di roccia, meta ambita di appassionati provenienti da tutta Europa sull’intero arco dell’anno. Dalle indicazioni (e criticità) emerse allora il Municipio ha fatto tesoro; nel 2016 la variante di Pr necessaria allo sviluppo del fondo è stata votata dal consiglio comunale. Oltre allo svago, in questa zona d’interesse naturalistico verranno creati pure dei posti auto, dal momento che il comparto ne abbisogna. Il fabbricato con i servizi, utile per la promozione del territorio, genererà anche qualche introito (con l’affitto della piccola sala/punto ristoro prevista); ciò contribuirà a sostenere i costi d’investimento iniziale.

Nel discorso, inoltre, sono stati coinvolti la locale Antenna dell’Ente regionale per lo sviluppo, alcune associazioni pedemontane, l’Otlvm, Pro Velo (dal momento che proprio da lì transita la ciclopista per la Vallemaggia), il Cas e altri attori, per un parere in merito e utili consigli. Un lavoro estremamente importante e dettagliato che ha dunque permesso d’individuare le migliori soluzioni.

Una soluzione condivisa e funzionale con il coinvolgimento di tutti gli attori

Lo scorso anno, il Municipio ha affidato un mandato a uno studio di architettura, incaricandolo di realizzare un progetto preliminare che è servito da base per i successivi incontri (anche con gli abitanti del quartiere). Lo scorso mese di ottobre, l’incarto richiesto (con tanto di stima dei costi e potenziale economico della struttura) è stato presentato all’Amministrazione, che ora si appresta, dunque, a sottoporlo al legislativo. Se i contenuti saranno accolti, si procederà poi con la progettazione definitiva e la domanda di costruzione. Secondo le cifre fornite, per la sistemazione viaria (con realizzazione di 20 posteggi, con stalli attrezzati e dimensionati per la sosta dei camper e la corsia per le biciclette) occorreranno 980mila franchi (dai quali andranno dedotti i contributi cantonali per la ciclopista); altri 750mila, infine, saranno necessari alla costruzione dell’immobile (un padiglione di circa 30 metri di lunghezza per 9 di larghezza, edificato in legno, in posizione sopraelevata rispetto al terreno).

Il progetto è moderno e innovativo, prevede l’utilizzo della struttura per tutto l’anno. A completare il tutto, per ragioni di sicurezza, sarà necessario procedere alla costruzione di un vallo di protezione lato montagna, così da scongiurare il (residuo) rischio di franamenti di sassi dal pendio a ridosso delle abitazioni e della nuova infrastruttura. Un progetto pregevole, insomma, che contribuirà ad accrescere l’attrattività della regione.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Bellinzonese
24 min
Zac, via altri alberi a Bellinzona: perché?
I Verdi insorgono con un’interpellanza al Municipio sui tagli eseguiti lungo i viali Franscini e Motta
Ticino
1 ora
Radar: questa settimana sono in un comune su due
L’elenco delle località dove dal 6 al 12 febbraio verranno eseguiti controlli della velocità
gallery
chiasso
1 ora
Nebiopoli, in seimila al corteo dei bambini
L’appuntamento odierno ha visto sfilare 1’500 allievi delle scuole elementari e dell’infanzia
Locarnese
3 ore
Acqua potabile per tutti: Locarno, Losone e Muralto solidali
Raccolti e devoluti a favore delle popolazioni dell’Africa occidentale oltre 28mila franchi. Serviranno alla realizzazione d’infrastrutture idriche
Luganese
4 ore
Lugano, incendio boschivo sul monte Brè
Il rogo è stato segnalato all’altezza di via Pineta a Brè sopra Lugano verso mezzogiorno
Locarnese
7 ore
Tre milioni di franchi per combattere le neofite invasive
È la richiesta di credito formulata, attraverso il relativo messaggio, dal Municipio di Locarno, per una vera a propria strategia sull’arco di 10 anni
Locarnese
7 ore
Più passeggeri nel 2022 sul trenino bianco-azzurro e i bus
Le Fart hanno conosciuto un incremento dei viaggiatori su gomma e rotaia grazie anche al notevole potenziamento del trasporto pubblico regionale
Luganese
7 ore
A Monteceneri scatta il referendum sull’acquedotto
Partita la raccolta firme contro il credito da 2 milioni per rinnovare ed estendere le condotte sotto alla Cantonale: ‘Non prioritario né necessario’
Locarnese
7 ore
Troppo traffico e troppo rumore in alcune vie di Locarno
Lo sostengono alcuni cittadini che hanno lanciato una petizione per far abbassare la velocità a 30 km/h in via Franzoni, via Varenna e via Vallemaggia
Bellinzonese
7 ore
Si progetta il nuovo ospedale di Bellinzona da 380 milioni
L’Eoc indica una prima fase realizzativa alla Saleggina entro il 2030, seguita da ulteriori sviluppi nel 2050. Cinque piani e, come oggi, 240 posti letto
© Regiopress, All rights reserved