laRegione
03.10.22 - 18:30
Aggiornamento: 18:47

Ginecologia e ostetricia, si valuta la collaborazione

Nel Locarnese approfondimenti in corso: nascite alla Carità e ginecologia operatoria alla Santa Chiara

ginecologia-e-ostetricia-si-valuta-la-collaborazione
Ti-Press
La Carità si suddividerà i compiti con la Santa Chiara

La direzione dell’Ente ospedaliero cantonale (Eoc) e i vertici dell’ospedale La Carità di Locarno, congiuntamente al Consiglio di amministrazione e alla direzione della Clinica Santa Chiara, hanno avviato un progetto pilota, con il sostegno del Dipartimento sanità e socialità, per approfondire la possibilità di una futura collaborazione in ambito ginecologico e ostetrico, con il chiaro obiettivo "di migliorare la qualità della presa a carico di tutte le pazienti del Locarnese che necessitano di prestazioni in questi due settori e di valorizzare le risorse attive nella regione".

"Il convinto sostegno dei ginecologi della regione e dei vertici dei due istituti costituiscono delle solide basi su cui costruire una possibile sinergia che promette importanti ricadute per tutta la regione", si legge in una nota ai media. Eoc e Clinica Santa Chiara "sono fiduciose che questo progetto pilota troverà il sostegno di tutta la regione e di fatto aiuterà sul medio e lungo periodo le due strutture a garantire alle donne del Locarnese una presa a carico di elevata qualità e prossimità". Tale progetto prevede che le nascite di tutto il Locarnese siano in futuro concentrate presso l’ospedale La Carità, mentre la ginecologia operatoria sarà concentrata presso la Clinica Santa Chiara.

"Durante questa fase pilota entrambe le strutture si impegnano a collaborare con tutti i ginecologi e le ginecologhe della regione e a integrare nel Servizio di ostetricia anche le neonatologhe già presenti nel territorio. Al personale medico e paramedico delle due strutture si assicurano le condizioni contrattuali in essere, nell’ottica di mantenere e se possibile migliorare l’attrattività delle funzioni".

Questo progetto pilota, il cui ipotetico inizio è previsto a primavera 2023, mira a mantenere nel Locarnese le competenze acquisite negli anni dall’Ospedale regionale di Locarno e dalla Clinica Santa Chiara, rafforzandole in termini di sicurezza e qualità. Un migliore impiego delle risorse a disposizione si ripercuote inoltre in termini di efficienza sull’insieme dei costi di gestione del settore ospedaliero stazionario.

"Il progetto sarà monitorato da un gruppo di pilotaggio e prevede dei ritorni puntuali all’autorità cantonale, in particolare sulla sua implementazione e sul riscontro che questa offerta innovativa troverà nella popolazione del Locarnese, al fine anche di valutare il consolidamento del progetto pilota nell’ambito della pianificazione ospedaliera. I due nosocomi sono fermamente convinti che questa focalizzazione delle competenze possa garantire sul medio e lungo termine alla popolazione della regione la presenza nel territorio di una maternità e anche di un istituto in cui eseguire tutti gli interventi ginecologici".

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Locarnese
11 min
Il Museo di Val Verzasca nominato all’EMYA 2023
Tra i sette istituti culturali svizzeri iscritti per il prestigioso riconoscimento europeo vi è anche la struttura con sede a Sonogno
Ticino
3 ore
Un appello per l’Ucraina (e contro Putin)
È quello reso pubblico da Verdi, Ps, Mps e altre formazioni progressiste in previsione della Giornata mondiale dei diritti umani
Locarnese
3 ore
Hangar 1, il Cantone risponde alle Città
Sul futuro dell’aviorimessa all’Aeroporto di Locarno, il CdS ha raggiunto un’intesa con la Aelo Maintenance, che si occuperà della ricostruzione
Bellinzonese
1 gior
Ad Airolo-Pesciüm l’inverno scatta il 16 dicembre
Una nuova stagione invernale ricca di interessanti proposte e attività per tutti gli amanti della neve scalpita
Locarnese
1 gior
Ascona, inaugurato il Centro diurno socio-assistenziale
Offre una sessantina di appartamenti a pigione moderata a persone anziane o invalide. Promotrice è la Parrocchia, a gestirlo è la Fondazione San Clemente
Bellinzonese
1 gior
La casa Aranda di Giubiasco festeggia un’ultracentenaria
Erminia Addor di Cadenazzo mercoledì 7 dicembre ha superato la bella età di 102 anni attorniata dai familiari
Locarnese
1 gior
Centovalli, riaperta la strada
Dopo lo smottamento di martedì sera, i lavori di sgombero sono stati eseguiti e la tratta fra Camedo e il bivio di Palagnedra è di nuovo percorribile
Mendrisiotto
1 gior
Chiasso, per riaprire la piscina è urgente investire
La richiesta di credito ammonta a 582mila franchi e sarà votata il 19 dicembre. Verrà chiesto aiuto ai comuni convenzionati
Ticino
1 gior
In Ticino 1’483 nuovi contagi Covid e cinque decessi
I posti letto occupati da pazienti con Coronavirus sono 141, per un +23% rispetto alla scorsa settimana. Sei i pazienti che si trovano in cure intense
Luganese
1 gior
Viganello, restano grigie le facciate di Casa Alta
Trovato il compromesso, che prevede la rinuncia al tinteggio blu, dopo l’incontro tra Cantone, Città e presidente dell’assemblea dei proprietari
© Regiopress, All rights reserved