laRegione
laR
 
09.08.22 - 08:39
Aggiornamento: 14:46

Gordola, il percorso alternativo per le bici non si trova

Il Municipio risponde all’interpellanza che chiedeva un tracciato più sicuro in collina, in direzione diga della Verzasca. Proposta che non convince

gordola-il-percorso-alternativo-per-le-bici-non-si-trova

Una percorso ciclabile alternativo per coloro che, da Gordola, salgono in direzione della diga della Verzasca? Idea buona, ma forse non realizzabile in questi termini. In ogni caso da approfondire. Così, in sintesi, il Municipio di Gordola risponde all’interpellanza presentata negli scorsi mesi dal consigliere comunale Davide Gianettoni (e sottoscritta dai colleghi Alberto Togni, Daniela Pusterla Hörler e Joelle Matasci) con la quale si invitava l’Amministrazione a realizzare un tracciato alternativo più sicuro per le due ruote in quel primo tratto di strada in salita che dall’abitato conduce verso la valle. Una variante alla cantonale che permetterebbe di evitare rischi ai numerosi ciclisti che la percorrono, confrontati con un forte traffico motorizzato in collina. L’idea degli interpellanti, lo ricordiamo, era quella di sfruttare un percorso che si snoderebbe da via delle Scuole attraverso via Sasso Misocco, via Loco Coste e via Passaroro. Nella sua parte finale, il tracciato sbucherebbe appena sopra la diga, bypassando i tornanti sottostanti. Per completare questa pista nella parte alta sarebbero necessari interventi su un tratto di 350 metri, oggi adibiti a sentiero.

La soluzione proposta ‘sposta’ solamente il problema

Il Municipio, ben cosciente della criticità, nell’ultima seduta di Cc ha confermato che "l’accesso, ma anche la percorrenza ciclabile della Valle Verzasca è sicuramente un tema sentito e problematico soprattutto d’estate. Inoltre questo si è sicuramente ampliato con il sempre più frequente utilizzo delle biciclette elettriche le quali, se da una parte offrono un’alternativa ecologica anche ai ciclisti improvvisati per la scoperta della valle, dall’altra creano una difficile convivenza con il traffico veicolare. Visto il calibro stradale per autopostali, camion, ma anche per gli autoveicoli non è sempre facile eseguire un sorpasso sicuro, tra tornanti e curve".
Per questo motivo il Municipio (tramite il capo dicastero Nicola Domenighetti) ha nuovamente sottoposto la problematica alla Fondazione Verzasca quale possibile tematica da sviluppare, "anche se occorre dire che questo tema è negli ultimi anni stato parecchie volte al centro delle discussioni assieme al forte afflusso turistico durante i caldi fine settimana d’estate".
Per quanto riguarda l’eventuale investimento legato al completamento dei 350 metri segnalati nell’interpellanza, "senza entrare nel tema costi, una soluzione sarebbe effettivamente tecnicamente possibile". Il timore del Municipio, tuttavia, è che questo percorso vada a "creare ulteriori problematiche sulle strade comunali alternative citate, il cui calibro è ancora più ridotto che via Valle Verzasca". Timori condivisi tra l’altro anche dall’interpellante. "Per questo motivo al momento il Municipio ritiene dunque di non dover approfondire tale proposta, nondimeno per il tramite della Fondazione Verzasca e/o l’Ers, sarà premura rimarcare ancora una volta la necessità di trovare delle soluzioni valide per l’accesso alla Valle Verzasca da parte della mobilità lenta, cercando se del caso di limitare quella turistica veicolare di giornata".

Non c’è margine di manovra

Sul tema abbiamo chiesto un parere al responsabile dell’Antenna Verzasca, che fa capo all’Ente regionale di sviluppo del Locarnese (Ers-Lvm), Saverio Foletta: "Quello della difficile convivenza tra ciclisti e traffico motorizzato sul tratto che conduce alla diga è un argomento che abbiamo più volte discusso. La situazione di criticità si è accentuata negli ultimi tempi con il boom delle bici elettriche. In alcuni periodi dell’anno, a forte traffico (con bus, camper, autopostali) l’incrocio diventa alquanto problematico. Allargamenti del campo stradale, data la morfologia del territorio, sono difficilmente attuabili. Ritengo altrettanto difficile pensare a percorsi alternativi. Anche volendo salire da Tenero-Contra, sull’altro versante della valle, poi si porrebbe il problema di raggiungere e attraversare la diga per immettersi nuovamente sulla cantonale. Ufficialmente posso confermare che non vi sono, al momento, studi o mandati al riguardo. Mi auguro che si possa giungere a una soluzione, ma non nascondo che non sarà cosa evidente».

Leggi anche:

Una pista ciclabile da Gordola fino alla diga della Verzasca

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
25 min
Con l’autunno i contagi riprendono vigore anche in Ticino
Coronavirus, in sette giorni quasi duemila nuove infezioni (+78% rispetto alla settimana precedente). Ospedalizzazioni in sensibile aumento
Mendrisiotto
2 ore
‘Salviamo la Biblioteca islamica di Chiasso’
Punto di ritrovo e di scambio culturale, adesso rischia di chiudere. Lanciata una raccolta fondi
Ticino
5 ore
Cantonali ‘23, Gianella (Plr): ’Sarò nella lista per il governo’
La capogruppo liberale radicale ufficializza a laRegione la sua decisione di candidarsi: ‘Avremo una lista forte in cui ogni ticinese potrà riconoscersi’
Bellinzonese
5 ore
Chiuso il negozio di Dalpe: ora manca un servizio ‘essenziale’
La speranza del sindaco Mauro Fransioli è quella di trovare qualcuno che porti avanti l’attività. Il 15 ottobre è previsto un incontro con la popolazione
Luganese
5 ore
Scuola media, la Direttiva e i segnali non recepiti
Indigna la presunta violazione del dovere di informazione nel caso dell’ex direttore di una scuola media arrestato per reati sessuali con minorenni
GALLERY
Mendrisiotto
13 ore
Il parco delle gole della Breggia si fa più inclusivo
Inaugurato un percorso per ipovedenti nell’area del mulino del Ghitello. Stella: ‘È un patrimonio da difendere, ma anche rendere accessibile a tutti’.
Ticino
13 ore
Premi cassa malati, Marco Chiesa (Udc) insiste e interroga Berna
Il presidente nazionale democentrista segue De Rosa e chiede al Consiglio federale perché nel calcolo per il ’23 non siano stati calcolati ’20 e ’21
Luganese
15 ore
Cornaredo, ‘tabula rasa’ pronta sulla carta
Presto in pubblicazione a Lugano e Porza il Piano di quartiere del comparto B1a. Previsti edifici misti di altezza tra i 30 e i 60 metri
Grigioni
16 ore
A Mesocco non si ripresenta il sindaco Christian De Tann
In corsa per la carica di capo dell’esecutivo alle elezioni comunali del 30 ottobre vi sono John Seghezzi, Fausto a Marca e Mattia Ciocco
Locarnese
17 ore
Il giudice sul pedofilo: ‘È solo la punta dell’iceberg’
Un 77enne del Sopraceneri condannato a 8 anni di carcere per ripetuti atti sessuali con fanciulli e con persone inette a resistere tra il 2000 e il 2021
© Regiopress, All rights reserved