laRegione
laR
 
12.07.22 - 21:04

Vergeletto, bungalow al posto delle tende nel campeggio alpino

Riprende vita il progetto, ora portato avanti da un privato, di creare una simile infrastruttura turistica in alta Onsernone. Iniziativa condivisa

vergeletto-bungalow-al-posto-delle-tende-nel-campeggio-alpino
+1

È originaria di una cittadina di Oradea nel Nordovest della Romania, terra di lavoratori e in Valle Onsernone ha trovato la sua seconda patria. Un amore a prima vista, quello instauratosi tra Laura Precup e la sua nuova terra d’adozione, che l’ha spinta, sin da subito, a impegnarsi per dare alla comunità che l’ha accolta e permesso di realizzare i suoi sogni qualcosa in cambio. Spesso chi è attratto da posti un po’ discosti e remoti come le nostre vallate, tende a commentare con variazioni sul tema "ma non c’è niente da fare quassù, è una desolazione!". Lei no. Ci ha visto l’essenziale, ciò che le basta per la sua felicità e che le importa davvero. Ha gestito per qualche anno il Ristorante della Posta a Russo e si è lanciata, in seguito, sempre nel campo della ristorazione, con un altro locale, la Locanda Zott, a Vergeletto, a ridosso della stazione di partenza della funivia Zott-Salei. Impianto e struttura turistica di proprietà del Patriziato Generale d’Onsernone. Qui il suo destino si è incrociato con un progetto portato avanti dallo stesso ente e dal Comune d’Onsernone. Due enti propositivi che da qualche anno a questa parte stanno gettando le basi per la creazione di un piccolo campeggio alpino, un progetto in grado di arricchire turisticamente l’alta valle e generare indotti. Un discorso un tantino arenatosi, che ora la stessa Laura Precup ha deciso di portare avanti personalmente. «Tre anni fa – spiega – mi sono offerta per rilevare questa sfida. L’ho fatto proprio perché mi piace l’idea di poter fare qualcosa di utile per la gente che mi ha accolta. Prima di muovermi mi sono comunque accertata di non creare, con questo progetto, frizioni o malumori. Appurato che non vi fossero criticità, l’idea ha preso piede. Ho discusso col Patriziato e il Municipio per i passi da intraprendere, ho contattato i servizi del Cantone ai quali ho esposto il mio progetto, un tantino diverso da quello originale. Lavorando nel settore della ristorazione, ho infatti ritenuto opportuno ritoccarne i contenuti, rendendolo più attrattivo, economico e, mi auguro, redditizio. La mia iniziativa, condivisa dai due enti e dall’istituto di credito, è piaciuta e ora l’iter prosegue».

Qualche ritocco rispetto a quanto pensato a suo tempo

A livello di contenuti, Laura ha quindi rimescolato un po’ le carte: «Inizialmente – racconta – si parlava di un campeggio medio-piccolo e d’innalzare di un piano la Locanda per ricavarvi delle camere per gli ospiti. Non era proprio ciò che volevo. A mio avviso, i bungalow sono più indicati e portano una clientela diversa, che non è quella dei giovani campeggiatori mordi e fuggi. Sono più orientata sulle famiglie con figli, come target. Quanto al secondo piano del ristorante, ho ridotto il numero delle camere inizialmente previste da 8 a 6, concentrandomi sulla qualità degli spazi. A completare il tutto vi saranno dei posti camper».
La società proprietaria dell’immobile, il Municipio, la banca e il Patriziato (che intende stipulare con l’interessata un contratto di superficie relativo alla parcella) hanno salutato positivamente queste scelte; a breve dovrebbero arrivare le necessarie autorizzazioni. Poi tutto verrà trasmesso a Bellinzona per l’ottenimento dei permessi. «Non vi nascondo che sto investendo molte energie e che la collaborazione delle autorità della valle è davvero gratificante. Tutti lavoriamo nella medesima direzione. Vivere in contesti così comporta un certo impegno. È una scelta consapevole. Credo però che, anche chi non ci è nato come me, sia ampiamente ricompensato dalla straordinaria bellezza del posto e della sua gente».

Evitare la chiusura durante i lavori

Quanto alla tempistica: «Se non vi saranno intoppi, focalizzerò dapprima l’attenzione sul campeggio esterno, garantendo l’apertura del ristorante. Solo in un secondo momento provvederemo a ristrutturare lo stabile, assicurando comunque un servizio take away o almeno un bar agli ospiti. Tutte cose che dovremo approfondire».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Bellinzonese
4 ore
Pedone investito sulle strisce a Bellinzona. Ferite serie
L’uomo è stato travolto da un’auto su un passaggio pedonale di viale Portone. Chiuso un tratto di strada
Mendrisiotto
7 ore
Intercity, un treno chiamato desiderio. Oggi esaudito
Il via libera della Camera alta alle fermate nel Distretto fa gioire i sindaci di Chiasso e Mendrisio. Che rinviano il confronto sulle stazioni
Luganese
8 ore
Lugano Region: ‘Risultati migliori del previsto’
I pernottamenti del 2022 superano quelli degli anni prepandemici, ma si guarda al 2023 con prudenza. Spaventa in particolare l’inflazione.
Mendrisiotto
8 ore
Arzo: fu tentato omicidio, inflitti sei anni e mezzo di carcere
La Corte di appello e di revisione penale pronuncia una nuova sentenza nei confronti dell’uomo che strinse il collo della moglie fino a farla svenire
Ticino
9 ore
Casse malati, 11mila firme per gli sgravi. E un asino che raglia
La Lega consegna in governo le sottoscrizioni all’iniziativa per la deducibilità integrale dei premi. Poco dopo la sinistra porta i regali per i ricchi
Ticino
9 ore
‘No a qualsiasi scenario che impedisca al popolo di votare’
Marina Carobbio e il (molto probabile) seggio vacante al Consiglio degli Stati post Cantonali, il presidente cantonale dell’Udc pianta già qualche paletto
Locarnese
11 ore
La ‘trappola’ in via Arbigo: ‘Il mio cane poteva morire’
Brutta esperienza per una giovane di Losone, che portando a spasso l’amico a 4 zampe ha evitato per poco che ingoiasse una penna ‘travestita’ da boccone
Ticino
12 ore
Superamento dei livelli, parla Bertoli: ‘Serve segnale chiaro’
Dopo il niet di Speziali e le critiche di sindacati e docenti, il direttore del Decs: ‘Pronto a fugare ogni dubbio, la politica non meni il can per l’aia’
Mendrisiotto
12 ore
Novazzano ‘non è meno sicuro di altri comuni’
Durante il Consiglio comunale di lunedì il Municipio ha risposto a un’interpellanza sulla rapina avvenuta il 28 novembre in un’abitazione.
Luganese
12 ore
Lugano, folle fuga sotto l’influsso di cocaina: condannato
La Corte delle Assise criminali ha inflitto al 25enne ventitré mesi sospesi con la condizionale. L’imputato ha ammesso tutti i fatti.
© Regiopress, All rights reserved