laRegione
cannabis-la-svizzera-guarda-avanti-ma-il-ticino-e-fermo
Ti-Press/Golay
Cbd, o canapa light
Locarnese
 
18.09.21 - 05:300

Cannabis, ‘la Svizzera guarda avanti ma il Ticino è fermo’

Il punto con Sergio Regazzoni, coordinatore dell’Associazione cannabis ricreativa. Intanto a Cugnasco-Gerra arrivano 206 firme ‘anti-puzza’ da coltivazione outdoor

Duecentosei. Tante sono le firme raccolte dal Plr di Cugnasco-Gerra, “principalmente tra i circa 200 nuclei familiari della zona interessata”, contro quella che viene definita “la puzza insopportabile” provocata dalle coltivazioni di canapa sul Piano di Magadino e che si espande fino a Massarescio e parte di via Boscioredo a Cugnasco. La petizione è stata consegnata ieri al Municipio. Il testo che accompagna le firme è eloquente: “Il fetore provocato dalle coltivazioni di canapa è ovunque in paese! Il forte odore che le piante di cannabis sprigionano in questo periodo dell’anno rende la vita all’esterno invivibile. La puzza è molestia e va combattuta come tale! No alle coltivazioni di canapa all’aperto in un raggio di 5 km dall’abitato”. All’esecutivo vengono chieste due cose: “Prendere provvedimenti immediati per migliorare la situazione”; e “intervenire in modo che gli abitanti di Cugnasco-Gerra non siano più confrontati con simili molestie olfattive”.

Ed è un problema, quello sollevato dagli abitanti del Comune sul Piano, evidentemente non isolato e non riguardante solo la zona del Piano di Magadino. ‘Regione’ al Servizio armi, esplosivi e sicurezza privata della Polizia cantonale, le singole coltivazioni di canapa light (o Cbd) attualmente notificate al cantone e attive in territorio ticinese sono 23. Fra esse, quella visitata di recente dal nostro giornale e che con le sue tremila piantine (per 500-600 chili di prodotto finito al raccolto) è considerata fra le medio-piccole. Purtroppo, lo Stato non dispone di statistiche riguardanti la superficie complessiva coltivata a Cbd in Ticino, e questo nonostante le notifiche richiedano indicazioni precise sia sulle aree di coltivazione, sia su quelle di deposito. Comunque, l’interesse verso questo genere di attività agricola sembra dimostrato dal numero di notifiche – che hanno validità annuale – presentate dal 2017 ad oggi. Quattro anni fa erano state 12, nel 2018 sono cresciute a 23 e nel 2019 a 26, mentre l’anno scorso si erano assestate a 21, per poi aumentare appunto di due unità.

‘Notifiche, prassi solo ticinese’

Uno scenario che Sergio Regazzoni, veterano in materia, nonché coordinatore dell’Associazione cannabis ricreativa Ticino, interpreta in questi termini: «Se i numeri sono questi è evidente che alcuni non hanno presentato la notifica poiché troppo complicata o soggetta a lungaggini eccessive e scartoffie e non finire». A monte, aggiunge, «va anche detto che il Ticino è l’unico Cantone in Svizzera che per mettere su una coltivazione richiede una prassi di questo tipo, con tanto di autorizzazione del Municipio, dove proliferano le ordinanze limitative. Il che – salvo per quanto riguarda la coltivazione indoor, che necessita ovviamente di tutti i criteri di sicurezza – prefigura secondo me un uso illegittimo di uno strumento amministrativo». Regazzoni rileva inoltre che «coltivare canapa per fare fiori ed estrazioni qui da noi è molto costoso rispetto ad altre situazioni concorrenziali, a meno che non si punti su un prodotto di altissima qualità». Il problema principale nel nostro cantone, dice, è «il pregiudizio fortissimo contro il produttore, ma prima ancora contro la canapa stessa. Siamo fermi al dibattito su “cannabis sì, cannabis no”; dibattito che in Svizzera è ampiamente superato dopo che a livello politico è passato il principio dei progetti pilota. Ora si tratta solo di capire quando avviarli e come. Ma succederà altrove, vista la passività e/o il disinteresse dimostrati finora a Sud delle alpi».

I progetti di cui parla Regazzoni sono le sperimentazioni controllate di consumo di canapa: «I Comuni svizzeri possono fare richiesta ufficiale al Dipartimento federale della salute pubblica di partecipare ad una sperimentazione quinquennale che implica un consumo regolare e monitorato di canapa per vedere cosa succede a livello di salute pubblica, che oggi è messa a repentaglio dal mercato nero e dagli effetti deleteri che può avere sui giovani che vi si rivolgono, sulle persone che li circondano e sulla società. E lo stesso vale naturalmente a livello di sicurezza pubblica. Parliamo quindi di un cammino ragionato verso una regolamentazione del consumo di cannabis, non verso la liberalizzazione. Il tutto, con un costante controllo sulla qualità». Nel caso del Ticino, viste le dimensioni e il numero di abitanti, Regazzoni pensa piuttosto a un agglomerato unico, una sorta di “Città Ticino”. «Ne avevamo già parlato in fase di consultazione. Ma niente, finora, si è mosso», conclude Regazzoni.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Locarnese
3 ore
‘Al Palacinema è necessario un cambiamento di rotta’
Il direttore Roberto Pomari pensa all’evoluzione della struttura e auspica investimenti. Uno è per la ridefinizione degli spazi al terzo piano
Ticino
4 ore
Molestie sessuali, audit o Cpi? Il dilemma resta
La sottocommissione finanze della Gestione ieri è tornata a discuterne. La soluzione è ancora lontana, ma i partiti cominciano a prendere posizione
Luganese
4 ore
Lugano, la nuova piscina a otto corsie entro il 2028
La struttura sorgerà a Trevano, al posto di quelle (più piccole) attualmente in usa al Liceo 1 e proprio al Centro professionale.
Bellinzonese
11 ore
Tornata la luce nelle strade e nei castelli di Bellinzona
Il direttore Amb, Mauro Suà, parla di un guasto nel frattempo risolto al comando dell’illuminazione pubblica di vecchia generazione
Mendrisiotto
11 ore
Cure a domicilio, sempre più vicini al territorio
L’Associazione del servizio regionale sta pensando a un centro di prevenzione a Morbio Inferiore. Trattative in corso per Casa Cereghetti
Luganese
11 ore
Lugano, Comitato commercianti scettico sul Polo sportivo
I vertici sottoscrivono l‘Appello per il no, a causa dei ‘comunali’ spostati a Cornaredo, ma il presidente precisa: ’Ci sono anche i favorevoli’
Mendrisiotto
12 ore
Tutti i treni del mondo fermano alla Galleria Baumgartner
Il centro espositivo taglia il traguardo dei 20 anni. Apertura speciale dall’1 al 7 novembre. La storia del convoglio racchiusa nel collezionismo
Bellinzonese
12 ore
Disastro del Palasio, ‘non è arrivata alcuna allerta meteo’
Bellinzona: il municipale Bang ha anche spiegato che la camera di ritenuta crollata il 7 agosto non aveva in precedenza mai dato segni di cedimento
Bellinzonese
13 ore
Chiesto più impegno al Teatro Sociale di Bellinzona
Dal Consiglio comunale diverse sollecitazioni per una migliore promozione e raccolta sponsorizzazioni. Citato l’esempio della Humabs Biomed
Mendrisiotto
14 ore
L’aula nel bosco a Stabio ora è realtà
Conclusi i lavori per la realizzazione dello spazio didattico immerso nella natura. Prenotazioni possibili annunciandosi al Dicastero ambiente
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile