laRegione
Salernitana
0
Atalanta
0
1. tempo
(0-0)
Ajoie
3
Ambrì
0
2. tempo
(3-0 : 0-0)
Bienne
2
Davos
0
2. tempo
(0-0 : 2-0)
Zugo
1
Friborgo
1
2. tempo
(1-1 : 0-0)
Langnau
1
Zurigo
5
2. tempo
(0-1 : 1-4)
Lakers
4
Losanna
0
2. tempo
(2-0 : 2-0)
Ginevra
2
Lugano
3
2. tempo
(1-1 : 1-2)
bolle-l-ape-tristis-e-molto-felice-di-esistere-ancora
Locarnese
05.08.21 - 11:420
Aggiornamento : 15:21

Bolle, l'ape Tristis è molto felice di esistere ancora

Straordinaria osservazione nei prati golenali: torna alla luce una popolazione di cui in Svizzera non v'era più traccia dal lontano 1942 (e a Sierre)

Nel suo piccolo è un ronzio che fa rumore: alle Bolle di Magadino è stata osservata la presenza di una specie di ape selvatica ritenuta estinta in Svizzera. L'ultimo esemplare era stato osservato nel 1942. Lo ha comunicato la Fondazione Bolle di Magadino.

L'ape in questione è la Triepeolus tristis, le cui ultime osservazioni risalgono al 1939 e al 1942, ma a Sierre. La Triepeolus tristis ha la particolarità di essere un parassita: la femmina non fa il proprio nido ma lascia le sue uova nei nidi d’altre specie di api selvatiche, in questo caso di Tetralonia dentata, una cui popolazione di un centinaio di individui vive nei prati golenali. La biologia di Tristis è ancora poco conosciuta: si pensa che la femmina depositi le sue uova nelle celle ancora aperte di Dentata scavate nel terreno. Per trovare i nidi, il parassita fa piccoli voli a zig zag al livello del suolo. Una volta trovato l’ingresso di un nido, vi entra quando la femmina dell’ospite è fuori e scava una nicchia nella parete laterale della cella per nascondere un uovo. Dentata, ignara della presenza del parassita, continua a riempire la cella di polline e nettare e, quando piena, vi deposita un suo uovo prima di sigillarla e ricoprire il tunnel d’entrata. Dopo qualche giorno, la giovane larva di Tristis esce dal suo uovo ed elimina quello dell’ospite. La larva si sviluppa allora mangiando la riserva di cibo e passa l’inverno ben protetta nella cella nel suolo, per poi emergere come adulto l’estate seguente.

Più di 600 specie di api selvatiche abitano la Svizzera. Questi insetti hanno un ruolo importante come impollinatori. Molte di esse sono minacciate di estinzione e frequentano habitat particolari. Nelle Bolle di Magadino si sta svolgendo il censimento di questo gruppo. La Fondazione Bolle di Magadino organizza una visita per poterle osservare sul campo. L’appuntamento, gratuito e aperto a tutti, è per sabato 14 agosto a Magadino (alle 10) e sarà guidata da due giovani biologi esperti di api selvatiche: Dimitri Bénon e Lorenzo Giollo. 

Il 45 % delle specie presenti in Svizzera sono oggi minacciate di estinzione, come ha dimostrato il grande lavoro di aggiornamento della lista rossa svizzera delle api selvatiche in corso da cinque anni su tutto il territorio nazionale. In quest’ambito quest’anno si è promosso un censimento di questi insetti anche nella riserva delle Bolle di Magadino. Principalmente conosciuta per gli ambienti umidi, la riserva delle Bolle comprende anche belle zone di prati sabbiosi inondabili, con una gestione attenta alla biodiversità, molto interessanti per le api.

 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
3 ore
‘Imponimento’, chieste condanne per 630 anni complessivi
La proposta è stata avanzata dal procuratore aggiunto e dai due sostituti della Direzione distrettuale antimafia di Catanzaro
Luganese
5 ore
Party illegale al Parco Saroli: interviene la polizia
Oltre un centinaio di giovani si è riunito stanotte per fare festa. Secondo uno di loro, gli agenti avrebbero fatto uso di pallottole di gomma e spray al pepe
Ticino
7 ore
Eitan e il nonno controllati a Lugano? La polizia nega
Shmuel Peleg e il nipote, accompagnati da un misterioso autista, non sarebbero stati fermati prima di giungere all’aeroporto
Locarnese
15 ore
Cannabis, ‘la Svizzera guarda avanti ma il Ticino è fermo’
Il punto con Sergio Regazzoni, coordinatore dell’Associazione cannabis ricreativa. Intanto a Cugnasco-Gerra arrivano 206 firme ‘anti-puzza’ da coltivazione outdoor
Mendrisiotto
15 ore
Salta l’accordo fra Chiasso e Balerna sulle case anziani
Balerna abbandona il progetto di creare un ente autonomo con i vicini. Ma Chiasso è deciso a centrare l’obiettivo, ma in solitaria
Luganese
15 ore
Piscina di Savosa, scatti sott’acqua a caccia della luce
Quattro ballerine, una macchina fotografica e, sullo sfondo, luoghi della cultura: sono gli ingredienti di ’Fluttuazioni Divine’ di Franco Taranto
Ticino
1 gior
La destinazione Ticino è piaciuta anche con la pandemia
Uno studio dell’Università di San Gallo ha fatto emergere il valore turistico del territorio. Attività all’aperto e aree verdi, gli atout su cui puntare
Mendrisiotto
1 gior
Masseria di Vigino, il Cantone assicura la tutela del bene
L’interesse c’è. E anche la disponibilità a cedere il complesso a potenziali promotori (con tanto di sussidi). Purché il progetto sia rispettoso
Luganese
1 gior
Lugano, un pic-nic per sensibilizzare contro il Covid Pass
Si è svolta nella calma l’azione spontanea di protesta in centro città contro le discriminanti disposizioni decise dal Consiglio federale.
Bellinzonese
1 gior
Lumino, il prezzo del nubifragio ammonta a oltre un milione
Il Municipio chiede due crediti per coprire gli interventi già sostenuti e preventivati. Con i sussidi cantonali, l’onere netto per il Comune sarà di 360mila franchi
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile