laRegione
laR
 
14.06.21 - 21:02

Stabile ‘Pedramonte’, concessa la licenza edilizia

Locarno, luce verde del Municipio al progetto d'edificio che cambierà il volto dello sbocco da Piazza Sant'Antonio su via Vallemaggia

stabile-pedramonte-concessa-la-licenza-edilizia
Il progetto locarnese

È stata concessa la licenza edilizia per lo stabile “Pedramonte”, un edificio che a suo tempo aveva suscitato qualche malumore – e anche diverse opposizioni – in relazione al suo inserimento nel contesto urbano adiacente al nucleo storico di Locarno. L'edificio sorgerà infatti all'incrocio fra via Vallemaggia e via ai Monti, a due passi dall'uscita da Piazza Sant'Antonio in Città Vecchia. La progettazione è stata curata dall'architetto Giacomo Zamboni, dello studio ZMB di Lugano. La versione approvata dal Municipio di Locarno scaturisce da due varianti riduttive. Con la seconda è stato introdotto un portico al piano terra, con vetrina espositiva affacciata su via Vallemaggia.

«Uno dei tratti che caratterizzano il progetto, e che gli conferiscono un valore, è l'ampia corte interna che dà respiro alle case situate a monte – spiega Zamboni –. Nel totale rispetto del Piano regolatore, si è fatto di tutto per favorire una costruzione di pregio». In concreto, il “Pedramonte” è costituito da un corpo alto di 4 piani e da uno basso di un piano. 

L'avvocato Stefano Lappe, patrocinatore degli istanti, conferma intanto nella sostanza i contenuti di cui già si era parlato nel marzo del 2020. L'edificio disporrà di 20 monolocali, modulabili; in questo modo sarà possibile rispondere alla richiesta di spazi più estesi. Il dato interessante riguarda la futura occupazione degli appartamenti: verranno di principio offerti sia a giovani studenti in formazione al vicino Dfa della Supsi, sempre in cerca di alloggi in centro, sia ad anziani autosufficienti, con la possibile variante di un collegamento ad una rete sociale e/o ospedaliera, secondo una formula sempre più in voga di indipendenza “seguita”. 

Nell'iter per l'ottenimento della licenza edilizia, il “Pedramonte” era stato osteggiato sia dalla Società ticinese per l'arte e la natura, sia da alcuni confinanti. Per altro, come ricorda Lappe, «tutti gli enti preposti hanno espresso un preavviso positivo; fra essi, anche la commissione consultiva del centro storico di Locarno», il cui parere è stato condiviso dal Municipio. Fra le considerazioni tecniche più significative v'è quella secondo cui “l'impianto volumetrico è inserito convenientemente nel tessuto edilizio/urbanistico esistente, ponendosi correttamente quale elemento di chiusura dell'isolato”. Pure preavvisato favorevolmente il disegno delle facciate, con presenza di aperture dal disegno verticale. 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Locarno
4 ore
Originalità e ambizione: la Cultura è in due parole
Direzione dei Servizi, con il bando uscito ieri la Città di Locarno cerca una figura in grado di ridisegnare l’intera struttura
Ticino
6 ore
Mafie in Ticino: ‘Tanti i progetti, ma sono davvero operativi?’
A chiederlo è il deputato Quadranti (Plr) sentito in audizione dalla Commissione giustizia e diritti in quanto non soddisfatto delle risposte del governo
Mendrisiotto
6 ore
Aim di Mendrisio, crediti quadro più ‘trasparenti e oculati’
La Commissione della gestione richiama le Aziende sull’uso di questo strumento finanziario. E smagrisce l’investimento richiesto di quasi 2 milioni
Bellinzonese
7 ore
Giardinieri multati a Bellinzona, ‘le regole sono chiare’
Consegna del verde agli ecocentri, il Municipio replica alle critiche e ammette però la presenza di eccezioni: ‘Solo se accompagnati dai proprietari’
Locarnese
7 ore
Ginecologia e ostetricia, si valuta la collaborazione
Nel Locarnese approfondimenti in corso: nascite alla Carità e ginecologia operatoria alla Santa Chiara
Luganese
7 ore
Campo Marzio nord di Lugano, avviato l’iter senza variante di Pr
Polo turistico e congressuale: il Municipio chiede 306’000 franchi e la revoca della modifica pianificatoria votata dal Consiglio comunale nel 2017
Bellinzonese
7 ore
Pecore moribonde: ‘Chi avrebbe dovuto tutelare la loro salute?’
I Verdi (primo firmatario Marco Noi) interrogano il Consiglio di Stato in merito al gregge abbandonato a se stesso in zona diga del Lucendro
Luganese
11 ore
Usura e migranti: quattro arresti tra il Luganese e Zurigo
Sono sospettati di far parte di un sodalizio internazionale dedito da tempo al trasporto di clandestini provenienti dall’Italia e diretti nel Nord Europa
Locarnese
13 ore
Pedofilo tra Ticino e Thailandia, chiesti 9 anni di carcere
Un 77enne del Sopraceneri è accusato di ripetuti atti sessuali con fanciulli e con persone inette a resistere per fatti compiuti tra il 2000 e il 2021
Bellinzonese
13 ore
Alessandra Genini nuova direttrice di Comundo a Bellinzona
È la principale organizzazione non governativa svizzera di cooperazione allo sviluppo tramite l’interscambio di persone
© Regiopress, All rights reserved