laRegione
incendi-una-pasqua-calda-tiene-tutti-sul-chi-vive
+5
02.04.21 - 19:45

Incendi, una Pasqua 'calda' tiene tutti sul chi vive

L'arrivo di molti turisti, l'assenza di precipitazioni e i boschi secchi aumentano il rischio di roghi. Ma la capacità di risposta dei pompieri è già pianificata

Non sarà una Pasqua baciata dal sole. Almeno così sembra. Ma di precipitazioni copiose, secondo gli esperti della meteo, non dovrebbero arrivarne (se non qualche goccia lunedì). Nelle aree montane, col ritiro della neve, la presenza di residui vegetali rinsecchiti o secchi crea situazioni di potenziale pericolo.
Lo sa chi, come i vertici dei Civici Pompieri di Locarno, è chiamato a coordinare l'intervento delle squadre delle sezioni di montagna dei vari corpi sparsi nel Locarnese e nella Vallemaggia, in caso di allarme.
Nelle ultime settimane, purtroppo, qualche incendio boschivo frutto di disattenzioni e negligenze ha già visto accorrere militi qua e là nel comprensorio. È stato il caso delle Centovalli, a due riprese, a Ronco s/Ascona, a Cavergno e in territorio di Cugnasco-Gerra. Roghi boschivi (o di sottobosco) fortunatamente di piccole dimensioni, contenuti grazie ai dispositivi d'intervento tempestivi, pianificati da tempo nelle varie caserme. In ogni caso si tratta di segnali premonitori non certo incoraggianti.

I picchetti di pronto intervento, perché ogni minuto conta

In molte sedi dei pompieri sono stati introdotti dei picchetti composti da una decina di uomini a disposizione 24/24 ore, in modo da assicurare, dal momento dell'allarme, forze iniziali sufficienti al contenimento del sinistro fino all'arrivo dei rinforzi. Un sistema di mobilitazione che ha dimostrato tutta la sua efficacia proprio nei casi sopra citati, ricorda il maggiore Alain Zamboni, comandante dei Civici pompieri di Locarno.
Naturalmente i corpi pompieri di montagna possono contare sull'indispensabile appoggio aereo fornito dagli elicotteri delle aziende ticinesi, anch'esse organizzate in turni di picchetto. Ditte che possono, in caso di necessità, essere supportate da velivoli militari come il Super Puma dell'esercito. Un grosso elicottero che, soprattutto nei periodi di forte siccità e vento, può essere trasferito su richiesta dell'Ufficio forestale cantonale da Alpnach alla Base di Locarno Magadino.

La prevenzione, la miglior difesa

Va da sé che il miglior alleato nella lotta alle fiamme rimane, comunque sempre, la prevenzione indiretta (attività di informazione/divulgazione nei confronti della popolazione in generale). Molti dei piccoli incendi scoppiati di recente sono frutto di gravi sviste (cenere calda depositata a confine con il bosco, accensione di fuochi all'aperto, abbruciamento di scarti vegetali) da parte di confederati e turisti proprietari di rustici. Sviste che poi costano care anche alle assicurazioni chiamate alla cassa, dal momento che i dispositivi messi in campo costano anche migliaia di franchi all'ora. Importante è dunque l'informazione. Da parte dei media, soprattutto: «Televisione e radio trasmettono di questi tempo ripetuti appelli alla prudenza e questo, sicuramente, fa presa sulla popolazione indigena. Purtroppo, però, il più delle volte sono coloro che non parlano la nostra lingua a causare incendi. Non si tratta di fare una guerra ai confederati, ci mancherebbe altro. Questi ultimi purtroppo non conoscono spesso bene la nostra realtà e quindi inavvertitamente commettono delle disattenzioni che possono costare caro. Salgono sui monti, dove affittano rustici, fanno pulizie primaverili bruciando sterpaglie o disperdono la cenere ardente del camino fuori dalla baita, creando potenziali rischi» – osserva il comandante.

Il grado di prontezza stabilito in base a condizioni meteo e stato dei boschi

Potrebbe contribuire a ridurre i pericoli una campagna informativa tramite la cartellonistica disposta lungo i principali assi stradali (come all'uscita del Gottardo), nelle stazioni ferroviarie o all'entrata delle valli? «Sicuramente. Si stanno studiando vari metodi per una campagna d'informazione efficace. La prevenzione è sicuramente una componente importante. Come lo è la prontezza di risposta. Tutta la macchina d'intervento è pianificata su gradi di pericolo. Più il rischio di roghi aumenta, maggiore dev'essere la messa a disposizione di dispositivi di risposta. Nei casi di massimo rischio (secco prolungato e ventoso), il tempo d'intervento degli elicotteri è ridotto a pochi minuti. Ciò significa avere il velivolo e il pilota pronti al decollo in men che non si dica. Si tratta, tuttavia, di casi rari. La scala è aggiornata regolarmente dall'Ufficio forestale d'intesa con MeteoSvizzera, che assieme decidono, scrutando il cielo e lo stato dei boschi, il grado di allerta. Le loro decisioni sono in seguito trasmesse ai responsabili dei vari corpi pompieri che adeguano i contingenti e organizzano il lavoro degli uomini».

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
boschi corpi pompieri dispositivi incendi informazione meteo pasqua prevenzione
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
4 ore
Ipct, Pronzini si rivolge alla Commissione di mediazione
Il deputato dell’Mps ha chiesto alla cassa pensioni la decisione sulla riduzione del tasso di conversione. Accesso differito. Il parlamentare non ci sta
Luganese
5 ore
Soprusi, schiaffi e ustioni ai figli per 4 anni, il caso in aula
Genitori alle Correzionali, la pubblica accusa chiede pene parzialmente da espiare. Una perizia ha accertato la loro incapacità genitoriale
Luganese
6 ore
Rovio, il movente sarebbe il furto del figlio alla nonna paterna
Il padre avrebbe sparato alla schiena del 22enne forse a causa degli 80’000 franchi spariti dalla casa di Gravesano della parente
Mendrisiotto
6 ore
Chiasso, due campi esterni da padel all’ex Boffalorino
La domanda di costruzione per il progetto sarà presentata entro fine mese. L’area nel frattempo è stata sistemata
Bellinzonese
7 ore
Progetto Ritom a tetto: così cambia l’idroelettrico leventinese
Ffs e Aet presentano l’avanzamento del cantiere. Poi toccherà alla centrale del Piottino. Valutazioni in corso per Lucendro e alcune riversioni
Luganese
7 ore
Montagnola, auto urta un muretto e si ribalta: un ferito
Le condizioni del guidatore non dovrebbero destare particolari preoccupazioni
Bellinzonese
9 ore
‘Più zone naturali per combattere le isole di calore’
È la richiesta dei Verdi in un’interpellanza rivolta al Municipio di Bellinzona, che riprende a sua volta una proposta della Lista civica di Mendrisio
Locarnese
13 ore
Abusi edilizi, Municipio di Losone bacchettato dagli Enti locali
Vanno contro le disposizioni pianificatorie cantonali alcune licenze legate alla sopraelevazione d’immobili rilasciate. Parte l’interrogazione
Luganese
14 ore
Approvvigionamento energetico, Ail stoccano gas in Italia
Il Ticino è dipendente dalla disponibilità del Paese limitrofo, unica rete alla quale è collegato, a continuare a lasciar transitare gas verso la Svizzera
Locarnese
15 ore
Gordola, il percorso alternativo per le bici non si trova
Il Municipio risponde all’interpellanza che chiedeva un tracciato più sicuro in collina, in direzione diga della Verzasca. Proposta che non convince
© Regiopress, All rights reserved