laRegione
28.09.18 - 06:00
Aggiornamento: 08:01

Casa San Carlo a Locarno, dalle criticità al rilancio

Il nuovo responsabile politico dell'istituto per anziani, Giuseppe Cotti, a tutto campo su pecche passate e strategie future

di Davide Martinoni
casa-san-carlo-a-locarno-dalle-criticita-al-rilancio

All’uscita da una «gestione transitoria e di emergenza», come la definisce il nuovo capodicastero incaricato, Giuseppe Cotti, Casa San Carlo si proietta al futuro con la certezza di una nuova guida – il direttor Mauro Pirlo, giunto in sostituzione del dimissionario Stefano Hefti – e «la volontà di ripartire da una nuova base di dialogo, rispetto dei ruoli e delle competenze, chiarezza nelle mansioni e maggiore fluidità nello scambio di informazioni, anche grazie alla neo-costituita commissione del personale». Ma serve, per consolidare «una doverosa chiarezza anche nei confronti dell’opinione pubblica», un passo indietro. Cotti lo compie premettendo che «la cura e l’attenzione verso l’ospite non sono mai venute meno; e questo è un dato oggettivo»; poi, comunque, ammettendo che «le critiche rispetto a quanto accaduto in passato erano in effetti in parte giustificate. La situazione che mi sono ritrovato ad affrontare – e poi con il direttor Pirlo, in carica dal 2 agosto, a gestire – era problematica a causa di criticità nella gestione del personale e a importanti carenze strutturali e infrastrutturali. Non c’era sufficiente chiarezza dei ruoli, a tutti i livelli. Mancavano insomma punti di riferimento chiari, che influivano negativamente sull’organizzazione interna. Va comunque sottolineato che da marzo a settembre i capi reparto, chiamati a colmare l’assenza del responsabile delle cure, hanno svolto un ottimo lavoro, come d’altronde tutto il personale». Nell’immediato futuro, continua Cotti, «introdurremo un sistema di preparazione settimanale informatizzato-robotizzato dei farmaci da somministrare giornalmente ai residenti, in modo tale da ridurre al minimo il rischio di errore. Inizieremo con un test di un anno». Considerata fondamentale, anche, l’introduzione della cartella clinica informatizzata, che secondo il capodicastero «avverrà al più tardi dall’inizio del 2020».

‘La situazione era problematica anche a causa di criticità nella gestione del personale’

La “ricostruzione” di Casa San Carlo passa inoltre dall’entrata in funzione di un nuovo responsabile delle cure «di consolidata esperienza, proveniente dall’Eoc». Per il momento nulla più di questo, a livello di assunzioni, «poiché per prima cosa occorrerà verificare la dotazione di manodopera in relazione al fabbisogno. Se i recenti tribolati trascorsi avevano suscitato l’impressione di una sottodotazione di personale, ciò era con ogni evidenza il risultato di rapporti gerarchici “inquinati” dalla carenza di un elemento fondamentale: la fiducia reciproca». Una carenza del resto già sottolineata, al nostro giornale, da una parte del personale curante. A questo proposito un’altra innovazione prevista nell’istituto è l’introduzione del sistema di “coaching” aziendale, che su proposta del direttore coinvolgerà inizialmente i quadri responsabili, poi a cascata potrebbe interessare anche la base della “piramide”. «L’idea è stata del direttore ed è buona – considera Cotti –. È assolutamente centrale sviluppare competenze di conduzione e comunicazione ed adottare quindi uno stile di “leadership” congruo alle esigenze dell’istituto, fondato sul confronto e non sul conflitto. Contiamo molto anche sul ruolo della commissione del personale».

La strategia: ente autonomo entro il 2021. E c’è l’ipotesi di un nuovo edificio

Ricostruire, laddove necessario, i rapporti interpersonali e gli equilibri gerarchici, ma anche correre rapidamente ai ripari in merito a carenze strutturali e infrastrutturali riscontrate nell’istituto. C’era (e c’è) molto da fare, per “sistemare” Casa San Carlo. Gli “input” necessari per isolare le problematiche sul piatto, ricorda Giuseppe Cotti, erano giunti dall’audit presentato in aprile al Municipio dalla direttrice sanitaria e al direttore amministrativo Alvad. Ne emergevano, fra l’altro, la necessità di aggiornare la filosofia sulle cure in generale, l’organigramma con le relative funzioni e le direttive di tipo sanitario, la necessità di sviluppare una cultura geriatrica condivisa e di migliorare la gestione dei turni e dei casi di malattia, nonché diverse problematiche di tipo infrastrutturale. Decisivo, per Cotti, «è poi stato il lavoro svolto dal gruppo di coordinamento, che ringrazio sentitamente per quanto fatto». Se in materia di gestione del personale si è detto nell’articolo sopra, non di secondaria importanza sono state alcune risposte pressoché immediate di tipo pratico come il già citato avvio del progetto “Farmadomo”, l’acquisto di 65 nuovi letti e quello, prossimo, di materiale e apparecchiature sanitarie, di arredo per la fisioterapia e di carrelli per i medicinali. «Ricordo anche che in cucina è arrivato un nuovo capo cuoco e che l’offerta è migliorata, anche grazie alla possibilità data ai residenti di scegliere giornalmente fra due menù, che prima non esisteva», nota Cotti. Una cucina dove per altro sono necessarie diverse altre migliorie di ordine infrastrutturale; quali esattamente lo stabiliranno gli estensori di un mandato specialistico conferito dal Municipio. Interventi sono previsti anche in amministrazione (dotazione di nuovi programmi informatici per la gestione del personale e per la contabilità). Entro fine anno arriverà inoltre il risultato di una valutazione esterna generale sull’immobile e sugli scenari futuri (ristrutturazione o nuova casa): un passo considerato determinante è comunque l'istituzione di un ente autonomo, «traguardo al quale il Municipio punta ad arrivare entro il 2021». Infine, v’è la collaborazione consolidata con l’Adicasi, associazione di categoria delle case anziani ticinesi.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
1 ora
E per la fine dell’anno c’è anche Nez Rouge
Ritorna il servizio che riaccompagna a casa in sicurezza chi non se la sente di mettersi alla guida
Luganese
2 ore
Fiamme in un appartamento di Caslano, danni ingenti
Non si registrano feriti: quando l’incendio è scoppiato i locali erano vuoti. Sul posto pompieri di Caslano e Polizia
Luganese
4 ore
Protezione civile Lugano Città, un altro anno in prima linea
Anche nel 2022 i giorni di servizio sono stati largamente di più di quelli del triennio 2018-20, seppur un po’ meno rispetto al 2021
Grigioni
6 ore
Frana in Val Calanca: ‘Non si può continuare a sfidare la sorte’
Per la vicesindaca di Buseno Rosanna Spagnolatti è necessario individuare una soluzione per una zona già toccata in passato da scoscendimenti
Mendrisiotto
6 ore
Breggia cambia il progetto per l’ex Osteria del sole
Il Municipio ha presentato una nuova domanda di costruzione, che al contrario della precedente, prevede la demolizione integrale della struttura
Gallery
Ticino
6 ore
Nel weekend la Svizzera italiana s’è messa il suo abito bianco
Trenta centimetri a San Bernardino, venti a 1’400 metri di quota: la neve ha fatto capolino anche a Sud del San Gottardo. Disagi contenuti sulle strade
Ticino
8 ore
Il 25 dicembre Gas stacca definitivamente la spina
La testata web indipendente di controinformazione, nata in scia al cartaceo Diavolo, annuncia la sua prossima chiusura
Grigioni
10 ore
Val Calanca isolata: ‘Ci vorranno giorni per liberare la strada’
Si annuncia lunga l’operazione di sgombero della frana caduta questa mattina sulla strada cantonale tra Castaneda e Buseno. Nessun ferito, ingenti i danni
Gallery
Grigioni
13 ore
Frana in Calanca, valle isolata a nord del bivio per Castaneda
Strada chiusa in entrambe le direzioni a causa di un grosso scoscendimento che si è verificato stamane alle 6.30
Gallery
Locarnese
1 gior
Riazzino, inaugurata la nuova sede logistica del Soccorso alpino
La struttura, che fungerà da magazzino e autorimessa, completa la capillare rete di strutture di copertura del territorio. L’anno prossimo il 50esimo
© Regiopress, All rights reserved