laRegione
19.10.20 - 22:40

Casa San Carlo: verso il futuro con l'ente autonomo

Cambio di marcia a Locarno nella gestione dell'istituto comunale per anziani. Cotti: ‘Un modello ad autonomia controllata’

casa-san-carlo-verso-il-futuro-con-l-ente-autonomo

È in primo luogo la condivisione cercata e ottenuta all'istituto per anziani e attorno ad esso (personale, parti sociali) ad interessare al Municipio di Locarno nel momento del cambiamento di gestione di Casa San Carlo. O almeno questo è quanto emerso dall'intervento che il capodicastero Giuseppe Cotti ha fatto stasera prima del voto favorevole alla costituzione dell'ente autonomo che prenderà in mano le sorti della casa anziani.  Ed è un accento, quello messo dal municipale Ppd, che traduce l'oggettivo impegno da lui messo nella ricerca della concordanza, fin da quando, alla fine di febbraio del 2018, si era “impadronito” del dossier. L'obiettivo era allora raddrizzare una situazione che sembrava sfuggita di mano, anche a causa dei diversi avvicendamenti alla direzione che avevano fatto perdere stabilità, serenità e una visione chiara del futuro a chi, da dipendente, osservava l'istituto per anziani dall'interno.

«Il tempo degli esami è stato sufficiente – ha premesso Cotti ribattendo alla richiesta di rinvio del messaggio della Sinistra, poi bocciata dal Consiglio comunale –. Ora si tratta di decidere». E ha ricordato appunto il lavoro di preparazione svolto dal Comune con sindacalisti e personale per giungere ad un cambiamento secondo un modello sostenibile e realmente favorevole a chi Casa San Carlo la fa funzionare ogni giorno (oltre naturalmente che agli ospiti, le cui buone condizioni di soggiorno non sono comunque mai state messe in discussione). Rilevando la scarsa autonomia comunale in materia di gestione delle case per anziani, Cotti ha sostenuto la soluzione dell'ente autonomo di diritto pubblico quale garanzia di maggiore flessibilità e autonomia; ma un'autonomia comunque «controllata»: sia dal Municipio nel Consiglio direttivo (con due elementi), sia dal Consiglio comunale, cui spetteranno le decisioni finali. La “stanza dei bottoni” sarà dunque in larga parte un organo tecnico, formato da persone qualificate nominate dal legislativo. Si è discusso sul numero di municipali presenti nel Consiglio direttivo: non è passata la proposta della Gestione di limitare le poltrone a una, destinandola al capodicastero.

Un'altra differenza di vedute rispetto alla Gestione riguardava i tempi del passaggio degli immobili all'ente autonomo. La commissione lo auspicava immediato, mentre il Municipio, stando al messaggio, preferisce procedere con un risanamento globale della struttura e con una valutazione dell'esperienza secondo il nuovo modello, e solo dopo mettersi a tavolino. In votazione è passata questa versione, ma ci sarà ancora una riflessione nel merito.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Grigioni
5 ore
Parco Calanca avanti tutta: il sì dell’associazione alla Charta
L’assemblea dei delegati ha votato all’unanimità lo strumento pianificatorio. Il 29 gennaio parola alla popolazione. Se avallato, il dossier andrà a Coira
Luganese
5 ore
Massagno, si è spento Paolo Grandi
Aveva 82 anni. Promotore e presidente dell’associazione Carlo Cattaneo, fondò la delegazione ticinese dell’Accademia italiana della cucina
Mendrisiotto
7 ore
Per l’ente turistico un ‘Preventivo 2023 prudente’
Molte incertezze date dalla situazione internazionale. Previsto un disavanzo di oltre 60mila franchi. Circa i pernottamenti il 2022 si prospetta positivo.
Grigioni
7 ore
Grono mira a rendere meno cara la vita ai suoi cittadini
Popolazione preoccupata in particolare dall’aumento della bolletta elettrica. Moltiplicatore: il Municipio propone di ridurlo al 90%
Luganese
8 ore
Lugano, carovita al 2,5% per i dipendenti della Città
Il Municipio adegua le scale salariali del personale e il presidente della Commissione Fabio Schnellmann esprime soddisfazione
Bellinzonese
8 ore
Esplode la spesa ‘perché il Municipio non ha fatto i compiti’
Preventivo ’23 di Bellinzona: la maggioranza Plr, Sinistra e Centro della Gestione giudica troppo blanda la spending review e teme misure drastiche
Locarnese
9 ore
Il Museo di Val Verzasca nominato all’EMYA 2023
Tra i sette istituti culturali svizzeri iscritti per il prestigioso riconoscimento europeo vi è anche la struttura con sede a Sonogno
Ticino
12 ore
Un appello per l’Ucraina (e contro Putin)
È quello reso pubblico da Verdi, Ps, Mps e altre formazioni progressiste in previsione della Giornata mondiale dei diritti umani
Locarnese
12 ore
Hangar 1, il Cantone risponde alle Città
Sul futuro dell’aviorimessa all’Aeroporto di Locarno, il CdS ha raggiunto un’intesa con la Aelo Maintenance, che si occuperà della ricostruzione
Bellinzonese
1 gior
Ad Airolo-Pesciüm l’inverno scatta il 16 dicembre
Una nuova stagione invernale ricca di interessanti proposte e attività per tutti gli amanti della neve scalpita
© Regiopress, All rights reserved