laRegione
03.03.22 - 16:31
Aggiornamento: 17:47

Chiude il Centro di vaccinazione e test rapidi di Grono

Lo Stato maggiore della Regione Moesa motiva tale decisione con il ‘costante miglioramento’ della situazione epidemiologica e con l’arrivo dell’estate

chiude-il-centro-di-vaccinazione-e-test-rapidi-di-grono
Non è esclusa una riapertura in caso di bisogno (Ti-Press)

Lunedì 7 marzo chiuderà il Centro di vaccinazione e test rapidi di Grono. Lo ha indicato in un comunicato lo Stato maggiore della Regione Moesa, precisando che "da alcune settimane la situazione epidemiologica è in costante miglioramento". Parallelamente "le richieste per l’immunizzazione di base completa e la vaccinazione di richiamo sono in diminuzione in tutta la Svizzera". Inoltre, "dal punto di vista immunologico è improbabile che l’effetto protettivo contro i decorsi gravi della malattia cali in maniera significativa entro l’estate. Si prevede inoltre che nella stagione estiva, come accaduto nelle due estati precedenti, le infezioni si ridurranno e il numero di casi sarà basso". Sulla base di queste argomentazioni lo Stato maggiore della Regione Moesa e le autorità sanitarie cantonali hanno quindi deciso di chiudere la struttura.

A disposizione due studi medici a Grono e Mesocco

In ogni caso, "per mantenere ugualmente nella nostra regione un’offerta di base di vaccinazione contro il Covid 19" saranno a disposizione, su appuntamento, due studi medici. Si tratta di quello di Dieter Suter a Grono (091 820 38 00) e quello di Chebaro Jihad a Mesocco (091 835 91 45). Tuttavia, "in caso di bisogno", non è escluso la possibilità di "riaprire in breve tempo il Centro vaccinazioni e test rapidi di Grono. Tutto questo dipenderà dal decorso della pandemia, da eventuali nuove varianti e dalla protezione vaccinale". Scrivendo a coronavirus@regionemoesa.ch o chiamando il segretariato della Regione Moesa (091 827 45 47) sarà sempre possibile ricevere ulteriori informazioni.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Luganese
2 ore
Scontro tra un’auto e un centauro a Vezia
Ferite non gravi per il motociclista scaraventato a terra dall’impatto. Il traffico in via San Gottardo è rimasto perturbato per circa un’ora
Mendrisiotto
3 ore
‘Il ‘caso Cerutti’? Per la Sezione Plr la crisi è superata’
Il gruppo di Mendrisio incassa la ‘piena fiducia’ dei vertici cantonali. Alla Direttiva il municipale non c’era. ‘Non ritenevo fosse necessario’
Ticino
5 ore
‘Il nostro sistema democratico sta vivendo un momento di crisi’
La capacità di affrontare i cambiamenti e coinvolgere la popolazione è stato il tema del quarto Simposio tra Cantone e comuni
Bellinzonese
5 ore
La valorizzazione della Sponda Sinistra si fa professionale
La Fondazione Valle Morobbia ha assunto Sabrina Bornatico per stimolare e coordinare progetti e iniziative della zona collinare del Comune di Bellinzona
Locarnese
6 ore
‘Sfruttare la luce per illuminare anche le zone d’ombra’
È l’obiettivo che la Città di Locarno vuole raggiungere grazie alle indicazioni evidenziate nel rapporto della speciale Commissione municipale economia
Mendrisiotto
6 ore
No alla violenza, il Nebiopoli incontra gli allievi di 4ª media
‘È stato interessante. Ora faremo più attenzione’. Con la visita, i giovani hanno potuto scoprire l’apparato organizzativo e di sicurezza del Carnevale
Locarnese
7 ore
Luce verde per il semaforo alla Pergola: obiettivi raggiunti
Lo indica il Consiglio federale, rispondendo a un’interrogazione di Piero Marchesi: ‘Sull’arco di una giornata risparmiate complessivamente 51 ore’
Ticino
9 ore
Sedicenni in discoteca, ‘ci adeguiamo al resto della Svizzera’
La reazione a caldo di Daniel Perri, gerente di varie discoteche del Locarnese, come il Vanilla, la Rotonda e il Pix: ‘È importante per il turismo’
Mendrisiotto
9 ore
Il Plr ticinese è con la Sezione di Mendrisio
Il partito cantonale prende atto del ‘caso Cerutti’ e dichiara ‘piena fiducia’ ai suoi esponenti locali. Si ‘guarda avanti’
Bosco Gurin
10 ore
Metrò alpino, ‘un’apertura per tutta la Valle’
L’Associazione dei Comuni valmaggesi (Ascovam) scrive al direttore del Dipartimento del territorio per perorare la causa del collegamento con la Formazza
© Regiopress, All rights reserved