laRegione
11.02.21 - 14:25
Aggiornamento: 16:50

Grigioni, una frana danneggia la facciata di una casa

La caduta di massi è avvenuta questa mattina poco dopo le 8. Nessuno è rimasto ferito

Ats, a cura de laRegione
grigioni-una-frana-danneggia-la-facciata-di-una-casa

Una caduta di massi nel comune di Felsberg (GR) ha danneggiato la facciata di una casa. È successo questa mattina e nessuna persona è rimasta ferita. Per precauzione sono state evacuate tre case. L'Ufficio delle foreste e dei pericoli naturali dei Grigioni comunica che la frana è avvenuta poco dopo le 8.00. A causa di un banco di nebbia questa mattina non era tuttavia possibile farsi un quadro preciso dell'estensione della frana. Si procederà ad una precisa valutazione della situazione dopo aver sorvolato la zona con l'elicottero. I massi caduti dalla montagna del Calanda non hanno causato danni all'abitato, tranne una scheggia che ha danneggiato la facciata di una casa. Su richiesta di Keystone-ATS, la polizia cantonale ha dichiarato di non essere stata coinvolta dopo l'accaduto.

Tre case evacuate

Il comune di Felsberg ha dichiarato di aver evacuato tre case per precauzione oggi pomeriggio. I residenti nella zona della caduta massi sono stati invitati a non sostare all'esterno. Nel frattempo è stato convocato lo stato maggiore di condotta comunale. I vigili del fuoco hanno provveduto ad isolare l'area dell'evento e il comune ha dichiarato che declina ogni responsabilità qualora non venissero rispettate le transenne di sicurezza. Intanto non è stato possibile valutare il pericolo di un'ulteriore caduta di massi. Dovesse accadere nuovamente, il comune ricorda che il pericolo di pietre volanti è particolarmente grande. È quindi necessario mantenere una distanza sufficiente dalla zona interessata.

Una lotta contro le forze della natura

Nel corso dei secoli la zona di Felsberg ha dovuto ripetutamente confrontarsi contro i disastri naturali. Le inondazioni del Reno, le frane e gli incendi hanno spesso causato grandi danni. Le frane del Calanda, in particolare quella del 3 e del 4 settembre 1843, furono determinanti per la fondazione del nuovo villaggio. Con un grande schianto, massi grandi come case caddero nottetempo e minacciarono il villaggio, per fortuna senza causare danni significativi.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Bellinzonese
54 min
I dipendenti di Bellinzona: ‘Meritiamo un carovita del 4-5%’
La Commissione del personale chiede al Municipio di compensare integralmente i mancati adeguamenti dal 2010 a oggi: sarebbero 5 milioni annui in più
Locarnese
2 ore
Polcom Locarno, nuova inchiesta amministrativa
Dopo il licenziamento di un agente, stavolta è il turno di un suo collega, oggetto di un’indagine per apprezzamenti verbali verso una donna
Ticino
3 ore
Con l’autunno i contagi riprendono vigore anche in Ticino
Coronavirus, in sette giorni quasi duemila nuove infezioni (+78% rispetto alla settimana precedente). Ospedalizzazioni in sensibile aumento
Mendrisiotto
5 ore
‘Salviamo la Biblioteca islamica di Chiasso’
Punto di ritrovo e di scambio culturale, adesso rischia di chiudere. Lanciata una raccolta fondi
Ticino
8 ore
Cantonali ‘23, Gianella (Plr): ’Sarò nella lista per il governo’
La capogruppo liberale radicale ufficializza a laRegione la sua decisione di candidarsi: ‘Avremo una lista forte in cui ogni ticinese potrà riconoscersi’
Bellinzonese
8 ore
Chiuso il negozio di Dalpe: ora manca un servizio ‘essenziale’
La speranza del sindaco Mauro Fransioli è quella di trovare qualcuno che porti avanti l’attività. Il 15 ottobre è previsto un incontro con la popolazione
Luganese
8 ore
Scuola media, la Direttiva e i segnali non recepiti
Indigna la presunta violazione del dovere di informazione nel caso dell’ex direttore di una scuola media arrestato per reati sessuali con minorenni
GALLERY
Mendrisiotto
17 ore
Il parco delle gole della Breggia si fa più inclusivo
Inaugurato un percorso per ipovedenti nell’area del mulino del Ghitello. Stella: ‘È un patrimonio da difendere, ma anche rendere accessibile a tutti’.
Ticino
17 ore
Premi cassa malati, Marco Chiesa (Udc) insiste e interroga Berna
Il presidente nazionale democentrista segue De Rosa e chiede al Consiglio federale perché nel calcolo per il ’23 non siano stati calcolati ’20 e ’21
Luganese
18 ore
Cornaredo, ‘tabula rasa’ pronta sulla carta
Presto in pubblicazione a Lugano e Porza il Piano di quartiere del comparto B1a. Previsti edifici misti di altezza tra i 30 e i 60 metri
© Regiopress, All rights reserved