laRegione
parmelin-in-val-poschiavo-festa-agrodolce-ma-abbiate-piu-fiducia
Grigioni
01.08.20 - 20:030

Parmelin in Val Poschiavo, 'festa agrodolce ma abbiate più fiducia'

Il Consigliere federale è stato ospite a Cavaione in occasione delle celebrazioni per il Primo agosto

La festa nazionale svizzera quest'anno ha un retrogusto agrodolce. Da un lato c'è il sollievo per il superamento della prima fase acuta dell'emergenza coronavirus, ma dall'altro c'è incertezza. Lo ha detto questa sera a Cavaione (frazione di Brusio in Val Poschiavo) il consigliere federale Guy Parmelin, che ha tuttavia più volte invitato ad aver fiducia, anche nelle istituzioni.

L'incertezza, ha aggiunto il ministro dell'economia, riguarda sia lo sviluppo della malattia, sia l'impatto sulla prosperità. Anche se la situazione è migliorata, l'economia è ancora lontana dall'essere tornata alla normalità e ci vorrà ancora del tempo, ha ricordato.

"Paradossalmente, la Svizzera è uscita rafforzata dagli eventi della scorsa primavera", ha sottolineato il capo del Dipartimento federale dell'economia, della formazione e della ricerca (DEFR), rendendo omaggio all'autodisciplina degli elvetici e di tutti coloro che hanno sacrificato una piccola parte della loro libertà personale per il bene comune. Parmelin ha poi ricordato le circa 1700 persone morte finora a causa della crisi del Covid-19 e ha invitato i presenti a rendere un breve omaggio.

'Non possiamo controllare tutto'

Le ultime settimane e gli ultimi mesi hanno dimostrato "che non possiamo controllare tutto", ha proseguito il consigliere federale. Alla società piace illudersi che il rischio possa essere completamente eliminato con regole e precauzioni.

Piccoli e grandi incidenti sono però possibili in qualsiasi momento, "che lo vogliamo o meno". Lo Stato non è onnipotente e non ci sono garanzie nella vita, ha detto Parmelin, aggiungendo che né un'eccessiva cautela, né un'eccessiva disattenzione sono una buona strategia politica. Alla fine, tutto si basa sulla fiducia, ha sottolineato.

Cavaione: un luogo simbolico

Parmelin ha tenuto il suo discorso da Cavaione: il luogo è simbolico poiché il paesino della Valposchiavo è stato l'ultimo territorio ad essere annesso alla Confederazione. Prima dell'appuntamento, il consigliere federale ha partecipato oggi a un brunch in fattoria presso l'azienda Plankis della famiglia Salis, a Coira.

La presenza di Parmelin a Cavaione è la prova che il "villaggio dimenticato" non è stato dimenticato dal Consiglio federale, ha detto Parmelin all'inizio del suo discorso, riferendosi a un articolo di Riccardo Tognina del 1963 - intitolato proprio "Il villaggio dimenticato" - pubblicato sul "Bündner Kalender", un almanacco con una lunghissima tradizione nei Grigioni. Esso descriveva il tardivo riconoscimento del paesino dopo oltre 77 anni.

Nonostante l'abolizione del dominio dei Grigioni sulla Valtellina nel 1797, solo nel 1874 i 103 abitanti di Cavaione ottennero infatti la cittadinanza svizzera.

Guarda le 3 immagini
TOP NEWS Cantone
Mendrisiotto
13 min
Niente fondi per la Como-Lecco. Appello dei pendolari
Gli utenti del trasporto pubblico lombardi e ticinesi lanciano l'sos. Elettrificare la linea potenzierebbe i collegamenti Tilo a cavallo del confine
Ticino
1 ora
Crisi economica e possibili vie d'uscita
Da venerdì il quarto 'Festival dell'economia' organizzato dalla Scuola cantonale di commercio. Contributi online di personalità internazionali,
Ticino
1 ora
Formazione professionale, sì a ‘Più duale plus’
Il Gran Consiglio dà luce verde anche alle misure per mantenere il più alto numero possibile di posti di apprendistato. Bertoli: ‘Obiettivo raggiunto’
GALLERY
Mendrisiotto
2 ore
Le luci di Carnevale animano Chiasso
L'illuminazione tematica e simbolica sarà proiettata sullo stabile della Posta fino alla metà di febbraio
Ticino
2 ore
Covid, una trentina per ora i docenti cantonali vulnerabili
Gli insegnanti annunciatisi sino a venerdì scorso al Dipartimento educazione cultura e sport. La procedura e il lavoro in sede (con la mascherina FFP2/3) o da casa
Luganese
2 ore
Truffe del Covid, denaro drenato nel petrolifero
Il dentista e l'altro accusato hanno in parte ammesso le loro responsabilità di aver utilizzato i crediti concessi per altri scopi
Luganese
3 ore
Polo sportivo, oltre cento domande al Municipio di Lugano
Tante le questioni e le criticità sollevate sui due messaggi dai commissari della Gestione. Chiesti lumi in merito agli impatti finanziari
Grigioni
3 ore
A St. Moritz la pandemia non risparmia il Badrutt's Palace
Il lussuoso hotel chiude temporaneamente da dopodomani, causa la scarsità di ospiti stranieri e il recente focolaio di coronavirus. Toccati 440 dipendenti
Gallery
Locarnese
4 ore
Cavigliano, la rete veloce di Swisscom 'rallenta'
Lungo Via Ponte dei Cavalli le connessioni sono problematiche. La fibra ottica, attesa, slitta al 2022 per ragioni di costi. Alcuni utenti si lamentano.
Ticino
4 ore
Aiuti Covid, arriva anche la prestazione ponte da 8 milioni
Il sostegno cantonale andrà a chi finora non ha beneficiato di alcuna misura, l'onere dell'applicazione sarà dei Comuni. De Rosa: ‘Non è un doppione’
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile