laRegione
03.10.22 - 18:16
Aggiornamento: 18:40

Pecore moribonde: ‘Chi avrebbe dovuto tutelare la loro salute?’

I Verdi (primo firmatario Marco Noi) interrogano il Consiglio di Stato in merito al gregge abbandonato a se stesso in zona diga del Lucendro

pecore-moribonde-chi-avrebbe-dovuto-tutelare-la-loro-salute
Una delle foto scattate dai due escursionisti

Finisce anche sul tavolo del Consiglio di Stato l’articolo da noi pubblicato lo scorso 29 settembre nel quale segnalavamo un caso di incuria nei confronti di un gregge di pecore presente in zona diga del Lucendro, sul massiccio del San Gottardo. Una coppia di escursionisti ha infatti raccontato (e documentato) di aver visto animali abbandonati a sé stessi, feriti, malati e addirittura deceduti. I Verdi (primo firmatario Marco Noi) hanno quindi presentato un’interrogazione nella quale chiedono innanzitutto al governo "quale tra i vari uffici cantonali avrebbe dovuto dar seguito alle segnalazioni" ricevute, durante tutto il mese di agosto, sia dal veterinario cantonale, sia dalla Società protezione animali. Ricordiamo che quest’ultima ci aveva detto che, trattandosi di animali da reddito, della salute delle pecore in questione se ne sarebbe dovuto occupare il Cantone. L’Ufficio del veterinario cantonale aveva da parte sua affermato di aver girato il dossier alla Sezione dell’agricoltura. Sezione che però aveva negato in modo categorico il suo coinvolgimento diretto, rispedendo la palla nel campo dell’Ufficio del veterinario cantonale. "Insomma, sembra impossibile sapere quale tra i vari uffici avrebbe dovuto tutelare il benessere degli animali, come tra l’altro impone la legge", si legge nell’interrogazione.

Una lunga serie di domande

Noi pone quindi al Consiglio di Stato ulteriori domande: "Come è possibile che per un intero mese (30 giorni) nessuno abbia avuto il tempo di verificare cosa stava succedendo? L’Ufficio del veterinario cantonale ha mezzi a sufficienza per far applicare la legge sulla protezione degli animali che, tra le altre cose, impone ai proprietari la salvaguardia della salute di questi ultimi?". Chiede poi se il proprietario delle pecore decedute riceverà indennizzi per il mancato guadagno, se sarà multato per aver abbandonato gli animali al loro destino, se riceve sussidi e se ha la responsabilità anche di altri greggi. E ancora: "Chi è tenuto a verificare l’idoneità degli allevatori che chiedono sussidi? È già successo che i sussidi siano stati negati a richiedenti giudicati non idonei?". Il deputato ecologista domanda pure se sia stato stabilito che cosa abbia ucciso le pecore. In caso contrario, il governo "può escludere che non ci sia (stata) un’epidemia in corso e che la salute degli animali e dell’uomo non sia in pericolo?". A livello statistico Noi chiede poi lumi sulle perdite annue delle greggi ovicaprine in Ticino per "cause naturali (malattie), cause meteorologiche (fulmini, temporali), lupo (predazioni), altro (infortuni…). Infine fa notare che nel 2000 è stato condotto un interessante studio sui metodi di custodia e sulle perdite di bestiame minuto in Ticino nel quale si evidenziava che parecchi animali dell’allevamento ovicaprino muoiono annualmente per malattia o traumi dovuti a diversi motivi. "Sono stati fatti aggiornamenti di questo studio? In caso negativo, non ritiene necessario il Consiglio di Stato promuoverne un aggiornamento?".

Leggi anche:

La denuncia: ‘Abbiamo visto pecore malate e morte di stenti’

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
55 min
Superamento dei livelli, parla Bertoli: ‘Serve segnale chiaro’
Dopo il niet di Speziali e le critiche di sindacati e docenti, il direttore del Decs: ‘Pronto a fugare ogni dubbio, la politica non meni il can per l’aia’
Mendrisiotto
1 ora
Novazzano ‘non è meno sicuro di altri comuni’
Durante il Consiglio comunale di lunedì il Municipio ha risposto a un’interpellanza sulla rapina avvenuta il 28 novembre in un’abitazione.
Luganese
1 ora
Lugano, folle fuga sotto l’influsso di cocaina: condannato
La Corte delle Assise criminali ha inflitto al 25enne ventitré mesi sospesi con la condizionale. L’imputato ha ammesso tutti i fatti.
Grigioni
1 ora
Frana in Val Calanca, iniziato lo sgombero della strada
Due escavatrici sono entrate in azione dopo l’esclusione del pericolo imminente di altri crolli. Obiettivo riaprire la carreggiata prima del weekend
Ticino
3 ore
In carcere in Ticino per spaccio dopo l’estradizione dall’Italia
Sul 36enne residente in Italia pendeva un mandato di cattura internazionale emesso dalla Magistratura ticinese
Bellinzonese
4 ore
Gottardo Arena, approvato il principio dei posteggi a pagamento
Luce verde alla convenzione tra Comune e Hcap. Slitta però a lunedì il voto sul messaggio per permettere di applicare la tassa in occasione delle partite
Grigioni
5 ore
Quasi 300’000 franchi ai media del Grigioni italiano
Il Gran Consiglio retico intende rispondere alla difficile situazione in cui si trovano i mezzi di comunicazione
Locarnese
5 ore
Bosco Gurin riparte dopo due stagioni difficili
Nel fine settimana, grazie alle copiose nevicate, impianti aperti. Dimenticata la pandemia e l’inverno 2021/22 dalle temperature estive, c’è grande attesa
Ticino
5 ore
Furti e brutte sorprese natalizie, anche quest’anno c’è Prevena
La Polizia cantonale lancia l’operazione di sensibilizzazione contro borseggi e rapine in casa nel periodo natalizio, con uno sguardo alle truffe online
Locarnese
5 ore
Anziana investita sulle strisce pedonali a Solduno, è grave
L’incidente questa mattina a Solduno in via Vallemaggia: vittima un’89enne della regione investita da una 52enne che circolava verso la Vallemaggia
© Regiopress, All rights reserved