laRegione
18.08.22 - 16:47

Festa popolare per i 127 anni della Musica di Daro

Venerdì 9 settembre ad Artore il corteo seguito dal concerto, dai saluti ufficiali e da una cena

di Frediano Zanetti
festa-popolare-per-i-127-anni-della-musica-di-daro
Ti-Press

Dai vecchi verbali tuttora esistenti possiamo affermare che la società è stata costituita il 1º aprile 1895 alla presenza di 39 persone. Nell’articolo 1 dello Statuto si legge: "Viene istituita in Daro per iniziativa della gioventù, una società di musica avendo per scopo lo studio della stessa e il decoro del paese". A quel tempo Daro era ancora un Comune autonomo che con le sue frazioni di Artore, Pedemonte e Molinazzo contava su una popolazione di 2’480 abitanti. Dai numerosi fogli volanti che sono custoditi nell’archivio si evidenzia che la Musica di Daro ha sempre collaborato con le altre associazioni daresi e anche con la Parrocchia alla quale offriva i servizi per accompagnare la processione del Corpus Domini, per celebrare la festa della Madonna di Artore e quella dei defunti in cimitero. Sempre più spesso poi la banda era chiamata a suonare nei funerali. La Musica insomma è sempre stata presente a sottolineare i momenti significativi belli e gioiosi, ma anche quelli tristi e dolorosi della vita prima del Comune e poi a fusione con Bellinzona avvenuta (nel 1907) di Daro e frazioni.

Le bandiere e le scuole allievi

La società ha inaugurato il suo primo vessillo nel 1898 che fu rimesso a nuovo nel 1960 grazie alla perizia della signora Ida Boggio. Ci fu quell’anno una bellissima festa-cerimonia al Grotto Montebello, il tutto organizzato da un comitato di cui ne facevano parte il presidente Frido Pedrazzoli, il vice Silvio Delcò, il segretario Renato Pedrazzoli, il cassiere Candido Bernasconi e i membri Everardo Branca, Marzio Pedroni, Indo Rossi, il maestro Gino Ramasco e l’alfiere Carletto Borsa. Si ricordano con piacere le numerose scuole allievi, l’ultima delle quali quella del 1954 che portò in organico una dozzina di giovani, con presenza assieme al bombardino anche di chi scrive l’odierno contributo. E via via le attività della Musica di Daro sono sempre state accompagnate da tantissimi successi, ai concerti presso i quartieri, al Carnevale busecca, alla festa in piazza e sempre più frequentemente al Mercato in centro storico. Ma poi c’è anche un nuovo vessillo, quello battezzato nel 1995 e che aprirà il festoso corteo programmato ad Artore.

Ora spazio ai festeggiamenti

Nel 2020 ricorreva il 125esimo anniversario di fondazione della Musica di Daro e comitato, maestro e musicisti erano già pronti a ricordare in modo degno l’importante traguardo. Ma la pandemia e il distanziamento sociale ci hanno mezzo lo zampino e tutto quanto è stato sconvolto e il rinvio a tempi migliori è stato obbligatorio. Nel frattempo gli anni della Musica sono diventati 127 e il programma, finalmente, viene proposto all’insegna della festa popolare fissata per venerdì 9 settembre a partire dalle 18.30 presso il capannone allestito dal Gruppo Giovani Artore in vicinanza delle scuole. Ci sarà la sfilata della Musica con partenza dal crocevia Belvedere seguito da un breve concerto diretto dal maestro Michele Minotti. Il presidente Felice Zanetti porgerà il saluto a tutti gli intervenuti, quindi spazio ad aperitivo e cena, accompagnata dalla musica popolare. La parte gastronomica è assicurata dal collaudatissimo staff del Gruppo Giovani. Quella di Artore sarà una festa certamente importante e offrirà la possibilità di ricordare la storia del paese e della sua Musica.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Locarnese
2 ore
Un fuoristrada, un gatto e l’amore per la (nuova) vita
Grazie al piacere nel viaggiare assieme al suo fedele Jek, il locarnese ‘Jonni’ è riuscito a riprendersi dopo un tragico incidente in cui è quasi morto
Ticino
3 ore
Salario minimo non adeguato all‘inflazione, Durisch: ‘Contesto!’
Il capogruppo Ps dopo la decisione del governo: ‘Assurdo, è una manovra per non arrivare all’ultima forchetta nel 2025: non sta né in cielo né in Terra’
Luganese
8 ore
Lugano, trasporto pubblico più friendly per i disabili
Approvato il maxi credito (13,6 milioni) per adeguare una parte delle fermate cittadine. Polemica in Consiglio comunale sulle telecamere nei parchi gioco.
Luganese
10 ore
Morcote allacciata all’impianto di depurazione del Pian Scairolo
Tra i progetti previsti dal Consorzio l’abbattimento di microinquinanti e l’utilizzo di energie alternative
Ticino
11 ore
‘Quell’iniziativa è superata dagli eventi’
Consiglio della magistratura, così la commissione parlamentare: Assemblea dei magistrati e Gran Consiglio hanno nel frattempo designato il nuovo Cdm
Gallery
Mendrisiotto
12 ore
Volto coperto e armati: commando irrompe in una abitazione
In cinque rapinano una casa privata a Novazzano. Immobilizzate le persone all’interno, gli autori del ‘colpo’ si sono poi dati alla fuga
Ticino
12 ore
‘Riconoscimento del carovita così come proposto dal governo’
Risoluzione della sezione ticinese della Federazione svizzera funzionari di polizia
Ticino
13 ore
Non cambia l’età limite per restare in Magistratura: 70 anni
La commissione parlamentare ‘Giustizia e diritti’ silura la proposta di Filippini di scendere a 68. La democentrista ritira l’iniziativa
Ticino
14 ore
Docenti, ne mancano di tedesco e matematica
Presentata l’offerta formativa per l’anno 2023/24. Bertoli: ‘In Ticino la copertura è comunque sufficiente, non come in altre regioni della Svizzera’
Bellinzonese
15 ore
Archeologia, antiche ricchezze dissotterrate a Giubiasco
Aperto uno dei quattro tumuli venuti alla luce in un cantiere tra viale 1814 e via Ferriere: ritrovati orecchini, fibule, un pugnale e un’urna funeraria
© Regiopress, All rights reserved