laRegione
11.06.22 - 12:32
Aggiornamento: 13:44

Se il Cervino è cartolina, il Gottardo è la storia del Paese

Alla presenza del Direttore del dipartimento delle Istituzioni è stato ufficialmente inaugurato il rinnovato Museo Nazionale

se-il-cervino-e-cartolina-il-gottardo-e-la-storia-del-paese
Ti-Press
‘La memoria della Via delle genti’

«Un momento storico per uno dei manufatti più significativi del Canton Ticino e dell’intera Svizzera». Con queste parole il direttore del Dipartimento delle Istituzioni Norman Gobbi ha ufficialmente tenuto a battesimo stamane il rinnovato Museo Nazionale del San Gottardo. «Essere qui oggi è per me un onore ancora più grande, essendo nato e cresciuto ai piedi del massiccio-simbolo della nostra Nazione: il San Gottardo – ha proseguito il Consigliere di Stato –. Quando guardo dalla finestra di casa è il San Gottardo che vedo, una montagna che è storia e che ho sempre guardato con rispetto. L’ho sempre percepita come madre e come padre al tempo stesso, sin da piccolo. Crescendo ho però compreso meglio il valore simbolico del San Gottardo. Se il Cervino è una cartolina per immaginare la Svizzera, il San Gottardo è la storia della Svizzera. Il Museo rappresenta dunque la volontà di tramandare i nostri valori storici e tradizionali, per cementare la nostra identità svizzera. La sua collocazione all’interno dell’edificio che era la vecchia Sosta e che era usato come dogana e albergo per i passeggeri che transitavano con le diligenze caratterizza al meglio il concetto di luogo per eccellenza della memoria, della tradizione».

E ancora: «È memoria della Via delle genti: il collegamento più diretto tra nord e sud nel cuore dell’Europa e dunque fondamentale dal punto di vista economico, strategico-militare, politico, culturale. Non per nulla il San Gottardo è la montagna con più trafori e gallerie scavate al suo interno, proprio per permetterne, da un lato, l’attraversamento veloce e, dall’altro lato, perché è luogo strategicamente decisivo per l’intera Nazione. Ma non mi dilungo su questo aspetto, essendo ben nota l’importanza della Via delle genti per la Svizzera, per il Ticino. Il Museo – o la vecchia Sosta – sono collocati in cima al Passo, completamente in territorio ticinese. Per noi ticinesi è un indubbio motivo di vanto e ci piace ribadirlo».

Due gli anni di lavoro richiesti da questo ‘lifting’, sostenuto dai quattro Cantoni della regione del San Gottardo: Uri, Vallese, Grigioni e Ticino.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Gallery e video
Bellinzonese
1 ora
La denuncia: ‘Abbiamo visto pecore malate e morte di stenti’
Due escursionisti testimoniano lo stato precario in cui hanno ripetutamente trovato un gregge di ovini vicino al Passo di Lucendro
Ticino
1 ora
Finanziamento degli Spitex ticinesi sotto la lente della Comco
La Commissione della concorrenza: ‘Le imprese private potrebbero vedersi limitate nel loro sviluppo, a scapito di un efficiente mercato concorrenziale’
Ticino
10 ore
Cassa pensioni pubblica, ‘più che un pilastro è un grissino’
Oltre 3mila dipendenti dello Stato in piazza a Bellinzona per protestare contro il taglio del 20% alle pensioni, il secondo in 15 anni.
Ticino
11 ore
La varesina Lara Comi ritorna a Bruxelles
Il dopo elezioni in Italia e gli effetti del ciclone Meloni
Ticino
11 ore
Al telescopio per ammirare Luna, Giove e Saturno
Riprendono le osservazioni astronomiche notturne alla Specola solare Ticinese. La prima venerdì 30
Mendrisiotto
12 ore
Un principe poco da favola di un regno di bugie
Chiesti 7 anni di carcere per il sedicente erede del re d’Etiopia, accusato di aver truffato tre imprenditori del Mendrisiotto per quasi 13 milioni
Ticino
13 ore
Il preventivo di oggi, le lacrime e sangue di domani
Il Consiglio di Stato presenta una previsione coerente con gli impegni, ma i partiti sono preoccupati. Le reazioni di Plr, Ps, Centro, Lega, Udc e Verdi
Bellinzonese
13 ore
Cima Piazza Giubiasco, allungare la staccionata ‘non è escluso’
L’incidente capitato a un bambino fa riflettere sulla sicurezza dell’area, anche se nei pressi di una zona a 30 km/h non sono obbligatorie recinzioni
Mendrisiotto
13 ore
Il Basso Mendrisiotto prende tempo per studiare le opportunità
Entro fine ottobre i Comuni interessati dovranno decidere se partecipare o meno a un possibile studio aggregativo
Luganese
14 ore
Il direttore di scuola media fa sapere che vuole collaborare
Dopo l’incontro fra le famiglie e le istituzioni permangono molte domande, e tanta rabbia, dopo l’arresto del 39enne luganese
© Regiopress, All rights reserved