laRegione
10.06.22 - 17:22

Riapre in grande stile il Museo nazionale del San Gottardo

Sul Passo si è concluso il progetto per la ristrutturazione dell’edificio e il rinnovamento dell’offerta espositiva. Visitatori attesi a partire da domani

riapre-in-grande-stile-il-museo-nazionale-del-san-gottardo
Ti-Press
Un’attrattiva in più per le 600mila persone che durante la bella stagione transitano dal Passo.
+4

Continuerà a raccontare la storia secolare della regione il Museo nazionale del San Gottardo situato sul Passo. Lo farà però in chiave più moderna, forte del rinnovo dell’offerta espositiva e della ristrutturazione dell’edificio, ovvero la ‘Vecchia Sosta’ risalente al 1834 e allora usata come dogana e albergo per i passeggeri che transitavano con le diligenze. Inaugurato nel 1986, il museo registrò inizialmente una grandissima affluenza, tuttavia diminuita nel corso degli anni. «Si trattava di ridare vita al museo, e abbiamo dunque ritenuto che bisognasse osare con questo investimento per creare qualcosa di pregevole», ha affermato questa mattina durante la presentazione alla stampa Dick Marty, presidente della Fondazione Pro San Gottardo che dal 1972 si occupa di salvaguardare l’ambiente e il patrimonio del Passo; in 50 anni ha promosso investimenti per circa 30 milioni, compresa la ristrutturazione conclusa nel 2010 che ha riguardato il vecchio Ospizio.

Investimento di quattro milioni

Chiuso dall’autunno del 2019, il museo sarà ufficialmente inaugurato domani, sabato 11 giugno. I lavori si sono svolti a partire dalla primavera del 2020 per un investimento complessivo di circa quattro milioni di franchi, di cui 2,75 per la ristrutturazione dell’edificio e dell’area gastronomica e i rimanenti per l’allestimento delle mostre più altre spese. La Fondazione copre circa la metà dei costi grazie a sostenitori e raccolte fondi, mentre Cantone (a fondo perso) e Confederazione (sotto forma di prestito) mettono a disposizione un milione di franchi ciascuno.

Mostre multimediali adatte a tutti

Fiore all’occhiello del nuovo corso del museo è la mostra permanente che condurrà il visitatore lungo un viaggio attraverso i secoli, in cui a fare da filo conduttore sono le gallerie, le caverne e le roccaforti scavate nella roccia del massiccio. Il percorso si snoda attraverso sette sale tematiche che spaziano dal Buco di Uri (il primo tunnel stradale in Svizzera concluso nel 1702) alla realizzazione della galleria ferroviaria nel 1882, dalle gallerie delle centrali elettriche alle fortificazioni militari (compreso il Forte Airolo), dalla galleria stradale dell’A2 percorribile dal 1980 fino all’inaugurazione di AlpTransit nel 2016. Denominata "San Gottardo: storia di un’accelerazione", l’esposizione permanente ha l’obiettivo di coinvolgere visitatori di tutte le età (c’è infatti un percorso per i più piccoli) attraverso filmati e documenti audio originali, oggetti autentici, disegni, quadri e fotografie. A fare da preludio alla mostra lo spettacolo multimediale (della durata di circa 20 minuti) allestito all’ultimo piano dell’edificio, che grazie alle componenti tecnologiche darà ai visitatori sensazioni particolarmente reali, come mettersi nei panni dei mulattieri minacciati dalle slavine mentre attraversano il valico in inverno, o dei minatori addetti allo scavo AlpTransit confrontati con caldo e umidità della roccia. Altra novità è il coinvolgimento del Museo Alpino Svizzero di Berna che all’interno del Museo del Passo ha aperto una sua filiale. Una collaborazione che arricchirà l’offerta con mostre temporanee, a cominciare da quella visitabile già a partire da domani: "La gita domenicale", un’esposizione di filmati amatoriali (per la maggior parte proveniente dall’archivio della Rsi) riguardanti viaggi in auto ed escursioni sul Passo dagli anni Venti agli anni Ottanta. Sia la mostra permanente, sia quella temporanea sono in quattro lingue (italiano, tedesco, francese e inglese).

Domenica le porte aperte

Le circa 600mila persone che durante la bella stagione transitano dal Passo potranno approfittare anche della presenza di un info-point negli spazi del Museo svizzero. Un nuovo elemento pensato per fungere da contenitore di tutte le attrattive turistiche della zona attorno al valico. Ricordiamo che sul Passo è presente anche il Museo Sasso San Gottardo, inserito nella fortezza che si estende per chilometri all’interno della montagna. Domenica 12 giugno sarà una giornata di porte aperte, con il pubblico che avrà la possibilità di scoprire il nuovo volto del Museo svizzero con entrata gratuita. Museo che sarà poi aperto tutti i giorni (sino a fine ottobre) dalle 9 alle 18. All’interno dell’edificio anche la gastronomia è stata completamente rinnovata: la scelta è tra un pasto veloce a buffet con prodotti locali o il ristorante con servizio ‘Vecchia Sosta’. Tutte le informazioni sul sito www.passosangottardo.ch.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
29 min
‘Aumento allucinante, diverse famiglie si indebiteranno’
Durisch (Ps): cassa malati unica pubblica da riproporre. Il Plr: livelli insopportabili, ecco dove agire. La Lega: sconcerto e rabbia. I Verdi: più aiuti
Luganese
29 min
Direttore arrestato, le famiglie: ‘Non siamo stati capiti’
Faccia a faccia molto animato, martedì sera, alla scuola media del Luganese fra genitori e autorità scolastiche e Decs. Critiche a Bertoli
Ticino
6 ore
‘Anche l’Ipct è sottoposto alla Legge sulla trasparenza’
Accesso negato alla risoluzione che riduce il tasso di conversione, Pronzini (Mps) interpella il Consiglio di Stato
Luganese
11 ore
Lugano, ingranata la marcia sul Polo congressuale
Il Municipio informa l’Interpartitica: imminenti i messaggi sull’acquisto dello stabile Rsi di Besso e sul comparto Campo Marzio Nord
Ticino
11 ore
Vent’anni di Strade Sicure e ‘il Ticino torna nella media’
Il numero di incidenti a sud delle Alpi è calato del 63% in 20 anni, rientrando in linea con i dati nazionali
Bellinzonese
12 ore
Bambino investito a Giubiasco inseguendo un pallone
È successo al parco giochi di Cima Piazza, all’altezza dell’ex palazzo comunale. Sanguinava dalla testa ma era vigile
Bellinzonese
12 ore
Mense di Bellinzona, il Municipio interverrà sulle associazioni
Recepite alcune delle criticità evidenziate dall’Mps sull’obbligo di pagare la tassa di adesione e il pranzo in caso di uscite scolastiche
Ticino
13 ore
Aumenti cassa malati, De Rosa: ‘Per il Ticino stangata ingiusta’
Il direttore del Dipartimento sanità e socialità Raffaele De Rosa critico sull’aumento dei premi del 9,2% rispetto al 6,6% della media nazionale
Bellinzonese
13 ore
Bellinzona, un’opera che ‘aumenta la qualità di vita’
Inaugurata ufficialmente la passerella ciclopedonale della Torretta che collega il centro storico turrito a Carasso e che valorizza la mobilità lenta
Locarnese
14 ore
Arcegno, la prima vendemmia al ‘Vigneto di Luca’
Vissuta come una festa da giovani e adulti la raccolta dell’uva. Dal 2024 le bottiglie saranno vendute a scopo benefico
© Regiopress, All rights reserved