laRegione
17.02.22 - 17:47
Aggiornamento: 18.02.22 - 15:25

Guerra in Ucraina, sabato un presidio della Gioventù Comunista

Il presidio in collaborazione con il Pc, il Pop e il Movimento Svizzero per la Pace è indetto per sabato 19 febbraio alle 13 in Piazza Simen a Bellinzona

guerra-in-ucraina-sabato-un-presidio-della-gioventu-comunista
Keystone

La Gioventù Comunista, in collaborazione con il Partito Comunista, il Partito Operaio e Popolare e il Movimento Svizzero per la Pace, ha deciso di indire un presidio questo sabato 19 febbraio alle ore 13 presso Piazza Simen a Bellinzona contro la guerra in Ucraina. Il presidio è indetto sulla base di un appello al quale ha aderito anche, fra le altre organizzazioni, il Sindacato Indipendente degli Studenti e Apprendisti (Sisa) "e che può essere sottoscritto da qualsiasi organizzazione che si vuole mobilitare per la Pace e contro l’oppressione della Nato", sottolineano gli organizzatori.

"L’attuale situazione geopolitica è tesa: il campo atlantico sta promuovendo un nuovo clima di guerra fredda contro i Paesi non allineati e, allo stesso momento, la Nato e gli Usa, con il benestare dell’Ue, stanno aumentando le provocazioni affinché si scateni un vero e proprio conflitto armato nell’Europa dell’Est, in modo particolare in Ucraina" scrivono i giovani comunisti nel comunicato stampa odierno.

"Questo Paese fu vittima già nel 2014 di un colpo di stato europeista e neofascista, che lo fece tornare sotto il controllo di Usa e Ue con l’intenzione di inglobarla nella sfera di influenza della Nato", sostengono i promotori del presidio. "Oggi, il campo atlantico sta fomentando in modo estremo un possibile conflitto con la Russia, che dai nostri media viene continuamente rappresentata come l’aggressore. La minaccia, però, viene dalla Nato, non dalla Russia!".

"Occorre assolutamente mobilitarsi per la pace e, allo stesso momento, per la neutralità svizzera", conclude la Gioventù Comunista nell’invitare a partecipare al presidio.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
2 ore
Caccia alta, sei persone denunciate per gravi infrazioni
Il Dipartimento del Territorio rende noti i dati sulla stagione appena conclusa. Abbattuti più cervi rispetto al 2021, meno cinghiali e camosci
Luganese
2 ore
Direttore arrestato: ‘Si crei uno sportello per genitori’
Per la Conferenza cantonale dei genitori è importante che si riduca il rischio di situazioni simili. Contrastanti, intanto, le reazioni dei genitori.
Ticino
5 ore
Crisi energetica e telelavoro, Ocst: ‘Vigili sì, preoccupati no’
Dal sindacato cristiano sociale un webinar informativo. Isabella: ‘Non c’è giurisprudenza, partenariato importante’. Alari: ’Le spese preoccupano’
Ticino
5 ore
Sicurezza e prevenzione: gli occhi e le orecchie del Gpn
Gestione della minaccia: ruolo e missione del gruppo di specialisti della Polizia cantonale. Al quale il governo vuole ora dare una chiara base legale
Luganese
13 ore
Lugano: in arrivo Expo Ticinotour, grande fiera vintage
L’evento è in programma sabato 1° ottobre al Padiglione Conza: oltre 120 espositori, food-truck, bar, sala giochi, veicoli d’epoca e molto altro
Ticino
15 ore
‘Non si aggiungano ulteriori materie di studio al Liceo’
Tra ‘grandi scetticismi’ e ‘totale concordanza’, il Cantone risponde alla consultazione federale in merito alla Revisione dell’Ordinanza sulla maturità
Luganese
15 ore
Lugano, da Radio Rsi a Città della Musica con 21 milioni
Licenziato il messaggio municipale per l’acquisto dello storico stabile di Besso. Un’operazione che, spiega Badaracco, genererà 55 milioni di investimenti
Gallery
Grigioni
16 ore
A lezione d’integrazione sui banchi di Roveredo
Da lunedì tredici adolescenti fuggiti dall’Ucraina hanno iniziato a districarsi fra matematica e italiano nel padiglione 1 della Casa di cura Immacolata
Bellinzonese
17 ore
Osogna, ‘con macchinisti istruiti si riducono gli infortuni’
È stato inaugurato ufficialmente il Centro di formazione professionale Macchine della Ssic Ticino che, inoltre, valorizza una regione periferica
Mendrisiotto
17 ore
‘Il palazzo reale delle menzogne’, 6 anni al principe Selassié
La Corte delle Assise criminali di Mendrisio lo ha riconosciuto colpevole e condannato per truffa per mestiere e falsità in documenti
© Regiopress, All rights reserved