laRegione
05.11.21 - 19:00
Aggiornamento: 19:24

Passi avanti per il centro educativo chiuso per minorenni

Quasi pronto il rapporto favorevole al messaggio governativo per la creazione ad Arbedo-Castione della struttura per giovani problematici

passi-avanti-per-il-centro-educativo-chiuso-per-minorenni
(Ti-Press)

Passi avanti per la creazione ad Arbedo-Castione di un centro educativo chiuso per minorenni in difficoltà, un dossier che da più di un decennio è sui tavoli della politica ticinese. Risale infatti a 12 anni fa l’iniziativa popolare dei Giovani liberali radicali che aveva raccolto più di 12mila firme, seguita dalla pubblicazione dei documenti del gruppo di lavoro ‘Giovani, violenza ed educazione’ designato dal Consiglio di Stato e coordinato dall’allora procuratore pubblico Antonio Perugini. Ora, come riferito dalla Rsi, la granconsigliera Plr Cristina Maderni – alla luce delle audizioni davanti all’apposita commissione dalle quali sarebbe emersa la necessità di realizzare il centro – ha oramai ultimato la bozza del rapporto favorevole al messaggio governativo, che il parlamento potrebbe approvare già a dicembre o al più tardi nella seduta che aprirà il 2022. La Magistratura dei minorenni ritiene necessario il centro per l’osservazione dei minori non collaboranti, la gestione delle situazioni di crisi importanti, le misure disciplinari per minori collocati e l’esecuzione di pochi casi di pene di privazione della libertà, in regime di semiprigionia o a giornate separate, per le quali non si può far capo alla struttura carceraria concordataria. Il centro previsto ad Arbedo-Castione potrà ospitare fino a 10 giovani.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Bellinzonese
17 ore
Ad Airolo-Pesciüm l’inverno scatta il 16 dicembre
Una nuova stagione invernale ricca di interessanti proposte e attività per tutti gli amanti della neve scalpita
Locarnese
17 ore
Ascona, inaugurato il Centro diurno socio-assistenziale
Offre una sessantina di appartamenti a pigione moderata a persone anziane o invalide. Promotrice è la Parrocchia, a gestirlo è la Fondazione San Clemente
Bellinzonese
19 ore
La casa Aranda di Giubiasco festeggia un’ultracentenaria
Erminia Addor di Cadenazzo mercoledì 7 dicembre ha superato la bella età di 102 anni attorniata dai familiari
Locarnese
20 ore
Centovalli, riaperta la strada
Dopo lo smottamento di martedì sera, i lavori di sgombero sono stati eseguiti e la tratta fra Camedo e il bivio di Palagnedra è di nuovo percorribile
Mendrisiotto
20 ore
Chiasso, per riaprire la piscina è urgente investire
La richiesta di credito ammonta a 582mila franchi e sarà votata il 19 dicembre. Verrà chiesto aiuto ai comuni convenzionati
Ticino
20 ore
In Ticino 1’483 nuovi contagi Covid e cinque decessi
I posti letto occupati da pazienti con Coronavirus sono 141, per un +23% rispetto alla scorsa settimana. Sei i pazienti che si trovano in cure intense
Luganese
1 gior
Viganello, restano grigie le facciate di Casa Alta
Trovato il compromesso, che prevede la rinuncia al tinteggio blu, dopo l’incontro tra Cantone, Città e presidente dell’assemblea dei proprietari
Grigioni
1 gior
A San Bernardino (e non solo) mercato immobiliare congelato
Dopo tre intensi anni di compravendite, oggi la forte domanda non trova più offerta. Vigne dell’Ente turistico: ‘Qui come nel resto del Moesano’
Bellinzonese
1 gior
Pedone investito sulle strisce a Bellinzona. Ferite serie
L’uomo è stato travolto da un’auto su un passaggio pedonale di viale Portone. Chiuso un tratto di strada
Mendrisiotto
1 gior
Intercity, un treno chiamato desiderio. Oggi esaudito
Il via libera della Camera alta alle fermate nel Distretto fa gioire i sindaci di Chiasso e Mendrisio. Che rinviano il confronto sulle stazioni
© Regiopress, All rights reserved