laRegione
03.11.21 - 20:39

In consultazione la discarica cantonale alla Buzza di Biasca

Il Dipartimento del territorio vuole utilizzare il sedime per 10 anni depositando 1,4 milioni metri cubi di materiale di scavo e di scarti edili

in-consultazione-la-discarica-cantonale-alla-buzza-di-biasca
Come si presenterà il comporto una volta conclusa la riqualifica (rendering Dt)

Il Dipartimento del territorio (Dt) ha avviato la procedura di consultazione del progetto di Piano di utilizzazione cantonale (Puc) per la discarica di tipo B prevista alla Buzza di Biasca, nella frazione di Loderio lungo la sponda sinistra del fiume Brenno. Il documento, unitamente alla relazione tecnica, è depositato alle cancellerie di Biasca e Serravalle (c’è tempo fino al 6 dicembre per presentare osservazioni e proposte al Dt). Nei piani del Cantone, il sedime con capacità indicativa massima pari a 1,4 milioni metri cubi sarà utilizzato per circa 10 anni quale deposito di materiale di scavo (nella misura del 40%) e di scarti edili non riciclabili (60%). L’accesso alla discarica avverrà in corrispondenza di quello attuale all’impianto di lavorazione della Otto Scerri Sa, all’altezza dell’incrocio con il ponte in direzione di Loderio. Il progetto prevede che l’azienda, prima della suo totale smantellamento, possa continuare l’esercizio durante la prima fase della discarica (circa 6 anni e mezzo). Terminato il periodo di attività del deposito, si legge nel documento, utilizzando anche il materiale che nel frattempo sarà depositato l’area “sarà completamente sistemata e bonificata per i bisogni dell’agricoltura con contenuti naturali per la biodiversità, in continuità con quanto realizzato in corrispondenza del deposito AlpTransit” adiacente alla prevista discarica. Oltre al bisogno agricolo, forestale e naturalistico (sono previste piantumazioni, spazi riservati all’agricoltura, un biotopo e un ponte faunistico a beneficio del passaggio degli animali selvatici), il riordino del comparto comprende aspetti di tipo ricreativo e di svago a beneficio dei cittadini: a fianco della strada cantonale sarà realizzato un nuovo tratto di strada pedonale e ciclabile lungo gli esistenti percorsi che congiungono il Vallone di Biasca con il ponte di Loderio. Oltre a un viale alberato, saranno possibili degli arredi con delle panchine e dei piccoli punti di sosta.

Impatti ambientali

Quanto all’impatto sull’ambiente, il Dt informa che il traffico indotto dal progetto sarà contenuto (si stima un aumento inferiore al 2% rispetto al traffico feriale medio giornaliero), rimarcando che sarà però importante una corretta gestione (irrigazione, posa lavaggio ruote) al fine di contenere l’innalzamento delle polveri. Arrivando al capitolo rumore, il Dt giudica un elemento sensibile l’abitato di Loderio che si situa nelle vicinanze: il Dt assicura che i valori d’immissione, i quali saranno verificati durante l’attività, saranno rispettati anche in futuro. Il Cantone non prevede poi impatti negativi legati a radiazioni non ionizzanti.

Il Dt presenta il progetto alla popolazione

L’investimento complessivo per il progetto è stimato in 13,5 milioni di franchi. Il prossimo passo sulla tabella di marcia è l’approvazione del Puc da parte del Gran Consiglio. Seguiranno l’inoltro della domanda di costruzione, eventuali espropri, rilascio dell’autorizzazione d’esercizio. In passato non erano mancate le osservazioni critiche, da atti parlamentari alla petizione lanciata nel 2017 dal Gruppo ‘Loderio c’è’, che con 1’740 sottoscrizioni esprimeva la propria opposizione al progetto. ll Dipartimento del territorio presenterà il progetto durante l’incontro informativo aperto alla popolazione in programma per giovedì 11 novembre alle 18 al salone Olimpia di Biasca.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Luganese
3 ore
Riprendono i lavori sulla A2 tra Lamone e Gentilino
In collina velocità limitata a 80 km/h, mentre allo svincolo di Lugano Nord si viaggia a 100 km/h
Bellinzonese
3 ore
Thriller poliziesco ambientato al Carnevale di Bellinzona
Nella Turrita sono in corso le riprese di ‘Alter Ego’, una serie Tv diretta da Erik Bernasconi e Robert Ralston, che andrà in onda sulla Rsi a fine anno
Luganese
6 ore
Condannato per aver truffato tre anziane del Luganese
Pena parzialmente sospesa per un 27enne reo confesso. Tra i nove tentativi di ‘falso nipote’ messi in atto nel settembre 2022, sei sono stati sventati
Locarnese
7 ore
Una nuova direzione per lo sviluppo del PalaCinema
Migliorare le sinergie tra gli inquilini, promuovere attività culturali e formative nel campo della settima arte le sfide che attendono il nuovo direttore
Luganese
8 ore
Blackout nel Luganese, quasi un’ora senza corrente
La causa è stata un guasto alla rete nazionale Swissgrid.
Ticino
9 ore
Attività invernali e fauna selvatica: prove di... convivenza
Quattro regole per non violare le ‘zone di tranquillità’: con ‘Rispetto è protezione – Sport sulla neve e rispetto’ Nature-Loisirs sbarca in Ticino
Mendrisiotto
9 ore
Ecco i pasti pronti che scaldano il cuore
L’associazione Lì&Là si occupa di fornire pranzi e cene alle famiglie con figli ospedalizzati. Un’idea nata dall’esperienza personale di Sveva
Bellinzonese
9 ore
A Bellinzona un centinaio di abitanti in più dal Luganese
Considerando arrivi e partenze, dai dati sulla popolazione emerge un saldo positivo (di circa 50 unità) pure da Locarnese, Tre Valli e Mendrisiotto
Gallery
Locarnese
12 ore
In Parlamento per promuovere il diritto all’accessibilità
Marco Altomare, 29enne di Losone, soffre di una malattia genetica rara. Ma questo non gli impedisce di tentare la carta del Gran Consiglio
Mendrisiotto
12 ore
La politica momò, tra municipali che vanno e che vengono
A Morbio Inferiore Fabio Agustoni lascia il gruppo Morbio 2030, ma resta come indipendente. Altra novità a Mendrisio, stavolta nel Centro
© Regiopress, All rights reserved