laRegione
liceo-di-bellinzona-548-allievi-contro-la-sede-provvisoria
Ti-Press
Gli studenti Giacomo Orelli e Benjamin Del Don consegnano la petizione al presidente del Gran Consiglio Nicola Pini e al segretario generale Tiziano Veronelli
Bellinzonese
19.10.21 - 16:260
Aggiornamento : 17:52

Liceo di Bellinzona, 548 allievi contro la sede provvisoria

Consegnata la petizione che chiede al Gran Consiglio di rivalutare il progetto. Preoccupano i tre anni di ‘transizione’ nei prefabbricati

Sospendere l’analisi del messaggio governativo (richiesta di un credito di franchi 8,9 milioni) per la realizzazione della sede provvisoria, e avviare immediatamente una discussione che coinvolga gli studenti e i docenti per apportare miglioramenti qualitativi e quantitativi che possano permettere di migliorare il progetto della sede provvisoria. Con queste specifiche richieste è stata consegnata, oggi pomeriggio a Palazzo delle Orsoline, la petizione sottoscritta da 548 allievi (su un totale di circa 800) del Liceo di Bellinzona. Circa tre quarti dell’istituto si schiera dunque contro il progetto elaborato dalla Sezione cantonale della logistica che prevede la realizzazione di una sede provvisoria, che accoglierà gli studenti per circa tre anni, per nel frattempo permettere la ristrutturazione e l’ampliamento dell’attuale sede che da lungo tempo ormai versa in condizioni non più accettabili ed è fortemente sottodimensionata (l’inaugurazione è prevista per l’anno scolastico 2025-2026).

‘Nei prefabbricati gestione degli spazi disastrosa’

Come già emerso durante l’assemblea degli studenti dello scorso 6 ottobre, ciò che preoccupa la maggior parte degli allievi – rappresentati oggi in Piazza Governo da Giacomo Orelli e Benjamin Del Don – è la fase di ‘transizione’ all’interno della struttura composta da aule prefabbricate. “L’analisi e la riflessione sulle planimetrie messe a disposizione – si legge nel testo della petizione chiamata ‘Vogliamo spazi adeguati, per studiare e vivere la nostra vita di studenti e studentesse’ – permettono di arrivare alla conclusione che la gestione degli spazi negli stabili prefabbricati risulta essere disastrosa e assolutamente inadeguata a ospitare un organico di quasi 800 allievi e un centinaio di docenti”. Il comitato si sofferma in particolare sugli spazi comuni previsti nella sede provvisoria: “Le planimetrie dicono che potranno ospitare un numero massimo di circa 250 persone (in 340 mq di spazio), a fronte (conviene ripeterlo nuovamente) di 800 studenti iscritti. Quest’unico dato dovrebbe far ripensare all’intera gestione del progetto dei prefabbricati (ancor più dopo l’esperienza pandemica!): evidentemente è fisicamente impensabile credere di poter accogliere (specialmente in inverno, come si è detto) l’intero corpo studentesco in uno spazio di simili dimensioni”.

Quanto alla decisione di ristrutturare l’attuale sede, per il comitato – che si allinea in grandi linee alle critiche sollevate dal Movimento per il socialismo attraverso interpellanze e prese di posizione – “è contestabile sia dal punto di vista architettonico che da quello finanziario. Il costo complessivo (per la ristrutturazione e gli adeguamenti, senza tener conto delle strutture provvisorie durante i lavori) sarà di gran lunga superiore, ad esempio, al rifacimento ex novo del Liceo di Mendrisio, che conta solo una cinquantina di allievi in meno della nostra sede”.

La petizione sarà portata all’attenzione della Commissione della gestione

Orelli e Del Don sono stati accolti dal presidente del Gran Consiglio Nicola Pini e dal segretario generale Tiziano Veronelli, i quali hanno preso in consegna le firme. La petizione, ha detto Pini agli studenti, sarà portata all’attenzione della Commissione della gestione incaricata di stilare il rapporto accompagnante il messaggio sul quale il Parlamento dovrà esprimersi nei prossimi mesi.

L’approvazione del credito permetterebbe di proseguire la progettazione del nuovo liceo e di inoltrare la relativa richiesta di credito di costruzione al Parlamento prevista entro metà del 2022. L’investimento complessivo (sede provvisoria, ristrutturazione e ampliamento dell’attuale edificio) si aggira attorno ai 42,8 milioni di franchi.

Guarda le 3 immagini
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
2 ore
Formazione dei docenti, presentata l’offerta formativa 2022/2023
Sottolineata in particolare la possibilità, per chi è in possesso dei requisiti, di formarsi come docente di francese alle Medie, figura molto richiesta
Ticino
4 ore
Proseguono i cantieri Ffs in Ticino
I lavori coinvolgono o coinvolgeranno le stazioni di Rivera-Bironico e Maroggia-Melano, la linea di montagna del Ceneri e gli scambi a Biasca
Ticino
4 ore
Nel fine settimana 22 classi in quarantena
A Novaggio in quarantena tre sezioni di scuola elementare, altre due sezioni a Bioggio dopo le due della scorsa settimana
Luganese
5 ore
Lugano, nel 2022 l’acqua potabile sarà più cara
La tassa sarà incrementata di circa il 20%. L’aumento interesserà sia le tasse di base sia quelle di consumo
Ticino
5 ore
Altri due decessi per Covid in Ticino e 4 ricoveri in 72 ore
Nel corso del fine settimana, venerdì compreso, si sono registrati 344 contagi, quasi il 50% in più rispetto a lunedì scorso e il dato più alto da un anno
Ticino
6 ore
Mattia Keller è il nuovo direttore di Migros Ticino
47enne, nato e cresciuto in Ticino, dal 1° dicembre sostituirà Lorenzo Emma che andrà in pensione dopo 19 anni alla testa della Cooperativa regionale
Ticino
9 ore
Guasto tecnico, treni deviati sulla linea di montagna del Ceneri
Un problema di esercizio sta creando disagi alla circolazione dei treni fra Lugano e GIubiasco
Ticino
10 ore
Cultura e tempo libero: cosa fanno i ticinesi
Un’analisi dell’Ustat sfata qualche stereotipo e conferma alcune tendenze sociodemografiche. Ah, ci piace anche il balletto
Mendrisiotto
10 ore
Sul ‘Tacuin’ echi della saggezza popolare
Partito un po’ per caso nel 1985, il popolare calendario si propone in edizione 2022 con nuove... trovate
Economia
10 ore
‘Il web ha dato un potere al consumatore mai avuto prima’
Il giornalista economico di Radio 24 Sebastiano Barisoni, venerdì scorso a Lugano, sulla rivoluzione determinata da rete e postpandemia
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile