laRegione
laR
 
19.10.21 - 08:45
Aggiornamento: 10:11

Bellinzona, ‘è giunta l’ora di aprire i negozi la domenica’

Il comandante della Polcom Ivano Beltraminelli è intervenuto all’assemblea dei commercianti innescando un interessante dibattito

bellinzona-e-giunta-l-ora-di-aprire-i-negozi-la-domenica
Il comandante della Polcom Ivano Beltraminelli (Ti-Press)

Un tema ricorrente a Bellinzona: l’apertura domenicale di negozi, bar e ristoranti. Anzi, la perdurante non apertura domenicale, al contrario di quanto già fatto da altre località ticinesi. Tema che il presidente del giorno dell’assemblea della Società commercianti cittadina ha evocato ieri sera al termine della relazione presidenziale di Claudia Pagliari, suscitando un interessante scambio di opinioni fra la quarantina di soci presenti all’hotel Unione. «La nostra città – ha punzecchiato Ivano Beltraminelli, peraltro comandante della Polizia comunale, notando che dalla sala faticava ad arrivare qualche suggestione a commento di quello appena letto dalla presidente – rientra da tempo nella categoria delle città turistiche, perciò i negozi di piccole e medie dimensioni possono per legge beneficiare delle aperture domenicali. Ma ne vedo aperti pochissimi, ed è un vero peccato. Di fronte a un’interessante opportunità data dal legislatore ci si aspetterebbe che il settore del commercio al dettaglio marcasse presenza. E invece...».

Una situazione che i turisti d’Oltralpe, numerosi come non mai durante l’ultimo anno, avranno certamente notato. Situazione sotto gli occhi di tutti, come domenica scorsa, in occasione del mercato dei formaggi: «Bellinzona tracimava di gente, un vero peccato non avere aperto», ha riconosciuto la presidente. Le ha fatto eco Paola Peverelli dell’omonima pasticceria e tea room in piazza Collegiata: «Da qualche tempo abbiamo deciso di tenere aperto anche il pomeriggio. E funziona. D’altronde dove c’è gente arriva gente». Come non darle torto. Ci ha pensato la titolare di un negozio osservando che Bellinzona nelle domeniche prive di eventi non potrà mai competere con le altre località turistiche: «Se non potrà contare sulle aperture domenicali anche di Migros, Coop o Manor, per citare le tre catene presenti in centro, da soli non saremo mai attrattivi». Qualcuno le ha fatto eco accennando alla necessità di rendere gratuiti i posteggi. Mentre Claudia Pagliari ha ricordato che la legge consente l’apertura domenicale unicamente di superfici commerciali sotto i 200 metri quadrati. Così facendo – ha rimarcato il comandante della Polcom – il legislatore ha voluto sostenere il piccolo commercio, non i grandi magazzini. Certo che se non si prova, non si avrà mai una risposta certa». Già, ma chi sarebbero gli acquirenti? «Non certo i bellinzonesi – ha detto un negoziante – ma semmai i turisti. Pena, un’inutile perdita di tempo. Di sicuro, una carta da giocare per attirare l’attenzione è quella di proporre animazione ed eventi che attirino potenziali clienti».

Il problema delle piazzette laterali dimenticate

E qui si è aperto un sottocapitolo che tocca soprattutto le piazzette minori e laterali, come piazza Buffi, nelle quali la gente fatica a entrare essendo discoste e i commercianti ambulanti, di conseguenza, si rifiutano di posare le loro bancarelle in assenza di pubblico. Il classico cane che si morde la coda, visto che a farne le spese sono alla fine anche i titolari di negozi e bar. «Ma chi dovrebbe organizzare degli eventi per renderle più attrattive?», ha rincarato la dose Ivano Beltraminelli: «Le autorità o i commercianti?». Ovviamente dalla sala non è tardata la risposta, che indica la condivisione degli onori ma anche degli oneri e la necessità di coordinarsi. La stessa autorità cittadina – ha ricordato il municipale Fabio Käppeli, capodicastero Finanze, economia e sport – riconosce l’importanza di dimostrare con i fatti la propria vicinanza al commercio al dettaglio che specialmente durante la pandemia ha vissuto un lungo periodo nero: «Entro fine anno conto di portare avanti le riflessioni a suo tempo avviate per sostenere il suo ruolo fondamentale». Rispondendo poi a una sollecitazione, Käppeli ha annunciato imminenti migliorie nell’illuminazione pubblica del centro storico, a partire da via Dogana e piazza Indipendenza. Quanto alle dinamiche presenti fra i circa duecento soci, la presidente nel suo discorso ha insistito sulla necessità di rendere più accogliente Bellinzona «per fidelizzare il turismo». Si è iniziato a farlo coinvolgendo l’Organizzazione turistica regionale nel proporre visite guidate che sfociano in graditi aperitivi e collaborazioni fra boutiques. Queste ultime, non disponendo magari di un articolo, suggeriscono all’acquirente di rivolgersi ad altri negozi. E sono in arrivo anche le vetrine con articoli in prestito: espongo quanto altri vendono. «Il nostro motto – ha sottolineato Claudia Pagliari – è ‘Un negozio aiuta l’altro’». La domenica si vedrà.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Mendrisiotto
31 min
Lastminute, l’inchiesta si allarga anche alla ceo ad interim
Coinvolti ora nell’inchiesta anche altri ex e attuali dipendenti del rivenditore di viaggi e tempo libero online con sede a Chiasso
Locarnese
2 ore
Nodo viario di Ponte Brolla, le criticità discusse dai residenti
L’Associazione Quartiere Solduno-Ponte Brolla-Vattagne promuove un incontro con gli abitanti per fare il punto ai contestati progetti di Fart e Cantone
Luganese
2 ore
Una vita in Pretura: ‘La volontà di rendere giustizia’
Intervista a Franca Galfetti Soldini che dopo vent’anni (trentaquattro in totale) lascerà la guida della Sezione 3 della Pretura di Lugano
Gallery e video
Bellinzonese
4 ore
La denuncia: ‘Abbiamo visto pecore malate e morte di stenti’
Due escursionisti testimoniano lo stato precario in cui hanno ripetutamente trovato un gregge di ovini vicino al Passo di Lucendro
Ticino
4 ore
Finanziamento degli Spitex ticinesi sotto la lente della Comco
La Commissione della concorrenza: ‘Le imprese private potrebbero vedersi limitate nel loro sviluppo, a scapito di un efficiente mercato concorrenziale’
Ticino
13 ore
Cassa pensioni pubblica, ‘più che un pilastro è un grissino’
Oltre 3mila dipendenti dello Stato in piazza a Bellinzona per protestare contro il taglio del 20% alle pensioni, il secondo in 15 anni.
Ticino
14 ore
La varesina Lara Comi ritorna a Bruxelles
Il dopo elezioni in Italia e gli effetti del ciclone Meloni
Ticino
14 ore
Al telescopio per ammirare Luna, Giove e Saturno
Riprendono le osservazioni astronomiche notturne alla Specola solare Ticinese. La prima venerdì 30
Mendrisiotto
14 ore
Un principe poco da favola di un regno di bugie
Chiesti 7 anni di carcere per il sedicente erede del re d’Etiopia, accusato di aver truffato tre imprenditori del Mendrisiotto per quasi 13 milioni
Ticino
16 ore
Il preventivo di oggi, le lacrime e sangue di domani
Il Consiglio di Stato presenta una previsione coerente con gli impegni, ma i partiti sono preoccupati. Le reazioni di Plr, Ps, Centro, Lega, Udc e Verdi
© Regiopress, All rights reserved